La premiazione nel golf è roba per pochi intimi, purtroppo…

Torna a scrivere di golf l’amico Paul Fischnaller che mette il dito nel malcostume amateur di disertare la premiazione nel golf al termine di una gara.. C’è chi non si presenta nemmeno in caso di vittoria. Brutta figura per lo sponsor, pessima per il circolo. Come uscirne?

di Paul Fischnaller

Ciao Sauro,
torno a scriverti per parlare e far parlare i tuoi lettori del nostro sport. Volevo sapere cosa ne pensano gli addetti ai lavori in merito alle gare di circolo e relative premiazioni. Continua a leggere

“Il movimento del golf non cresce ma siamo ancora in tempo”

Andrea Vaccaro*, innamorato del golf e addetto ai lavori, prende spunto da un articolo di Francesca Galeano per dire la sua su come uscire dall’empasse attuale. “Non parlo di tessere ma di di movimento composto da appassionati, spettatori, lettori…. Stiamo perdendo, è vero: il movimento non cresce. Non facciamo come la politica, non autoconvinciamoci che vada tutto bene. Possiamo ancora farcela”.

di Andrea Vittorio Vaccaro

Caro Sauro,

inizio con due colpi di penalità perché sono in ritardo alla partenza di queste righe che avrei voluto scriverti già nei giorni scorsi. Potrei giustificarmi ma – citando una canzone – “di scuse anche se buone non c’è nessuno che le ascolterà” e questo è vero soprattutto nello sport, dove i primi a non ascoltarle dobbiamo essere noi stessi. Continua a leggere

“Io volontaria al Marco Simone, pensando (da tour operator) alla Ryder Cup 2023”

Francesca Galeano, tour operator con la passione del golf e della scrittura, ha vissuto l’Open d’Italia 2021 pensando alla Ryder Cup 2023. Volontaria al “Marco Simone”, Francesca dal percorso ha descritto come si vive l’avvicinamento al 2023.  Continua a leggere

Valentina Albertazzi: “Ho scelto il golf di college da piccola… e ho fatto bene”

Nuova puntata alla scoperta del golf di college. Francesco Tebano ha intervistato Valentina Albertazzi, ventenne torinese che è partita per gli Usa con l’obiettivo di studiare e giocare a golf.

La stagione da matricola è stata in Florida, in Division II alla Nova Southeastern a Miami. Nominata matricola dell’anno in WGCA Division-II ha chiuso classificandosi al terzo posto nella NCAA Division II. Continua a leggere

Alessandra Donati e l’Open Femminile: il golf ha bisogno di più donne

Alessandra Donati è una nostra amica e un’atleta paralimpica. Stavolta ci racconta com’è andata la Pro Am a Margara alla vigilia del Ladies Italian Open tra sensazioni e spunti.
di Alessandra Donati

La mia avventura ha origine nel 2019  a Gleneagles, durante la Solheim Cup, dove conobbi Davide Lantos, con quell’empatia immediata tipica dei connazionali che si incontrano all’estero. Solo successivamente mi resi conto che Davide era il direttore del torneo. Continua a leggere

L’Open femminile di golf: speriamo sia la regola, non l’eccezione

(foto Twitter Ladies European Tour)

di Sauro Legramandi @sauro71
Si respira un’aria speciale a Margara. Nel tanto atteso caldo di fine maggio l’Open femminile di golf porta un’ondata di freschezza. Sarà la voglia di golf dopo tanta clausura. Sarà l’atmosfera di questa oasi sportiva immersa tra le Langhe. Sarà perché amiamo questo sport ma di certo l’Open femminile di golf è una bella vetrina. Continua a leggere

La email: tesseramento libero, circoli di golf in perdita e tesserifici…

Ricevo e pubblico la seguente email di un lettore dalla provincia di Bologna che spazia dal tesseramento libero al bilancio di una singola famiglia. Il dibattito è aperto.

Buongiorno Sauro,

forse in passato ha già affrontato questo argomento nel blog, anche se io non sono riuscito a trovare nulla al riguardo. E’ comunque un argomento che, secondo me, resta sempre di moda: i tesserifici online. Continua a leggere

“Al Golf Albenza meno gare ma più spazi per turisti | Al circolo siamo una squadra, sempre…”

di Francesca Galeano
Tutte le volte che sono entrata nella clubhouse del Golf Albenza ho percepito qualcosa di particolare. Un’atmosfera unica, quella legata alla storia del circolo di Almenno San Bartolomeo (Bergamo). Un’atmosfera che avverti anche se non ne conosci la storia. E’ stata la stessa sensazione riscontrata ascoltando i racconti del direttore Achille Ripamonti e del segretario Paolo Besagno, capaci di trasmettere l’amore e la passione per questo luogo e questo sport.
Continua a leggere