Golf in Australia: la mia giornata al Royal Adelaide Golf Club

Prima o poi si tornerà a viaggiare anche per giocare a golf. Se non vedete l’ora e state preparando un ipotetico itinerario di percorsi da provare aggiungete alla lista il Royal Adelaide Golf Club. Il nostro lettore e amico giramondo-campi-da-golf Pier Paolo Vallegra ci è stato e ne racconta campo e contorni. Un diario di golf, con pagine ancora da scrivere.

di Pier Paolo Vallegra
Io odio fare lunghi spostamenti in aereo. A volte è indispensabile, ma specie in quei casi tendo a minimizzare le ore di volo. Così, trovandomi a Kuala Lampur in Malesia, e volendo raggiungere l’Australia, l’aeroporto più prossimo è Adelaide.

Royal Adelaide Golf Club

Foto di Pier Paolo Vallegra.

Continua a leggere

Il giorno del condor: golfista Usa chiude un par 6 in 2 colpi

Qualcuno volò sul nido del condor e passò alla storia del golf. Quel qualcuno si chiama Kevin Pon e il nido corrisponde alla buca 18 del Lake Chabot Golf Course (Oakland), l’unico par 6 ad ovest del Mississippi. E in un giorno ancora più unico Pon ha imbucato in due colpi, mettendo a segno appunto un condor.

Continua a leggere

San Siro Golf chiude. “E dire che siamo sopravvissuti al coronavirus…”

Laddove fino a lunedì scorso volavano migliaia di palline da golf un giorno (forse) verrà preso a calci un pallone. Dopo dodici anni di onorata carriera, San Siro Golf, campo pratica nel cuore di Milano, ha abbassato la saracinesca. L’immobiliare proprietaria del terreno, la società Snaitech (subentrata otto anni fa alla Snai), ha progetti diversi. L’area verrà probabilmente inserita nel più ampio progetto urbanistico legato al nuovo stadio cittadino. “Pensi che non ci aveva fermati nemmeno il coronavirus” dice a Golfando Claudia Caldesio, la presidente del San Siro Golf.

San Siro Golf

San Siro Golf (foto dal sito)

Continua a leggere

Turin Castle, la favola del castello spostato da un luogo all’altro e ora circondato da 118 campi da golf

di Francesca Galeano
Quest’anno una delle fiere più importanti del turismo golfistico, l’IGTM, per ovvie ragioni si è svolta in modalità virtuale. E’ così che ho avuto il piacere di conoscere Alex Corbett e sono rimasta così tanto affascinata dal suo Turin Castle da propormi come principessa residente guardiana di draghi in cambio di vitto, alloggio e qualche green fee.

Sono ancora in attesa che la mia candidatura venga presa in considerazione ad Edimburgo. Nel frattempo se vi va, in attesa di ricominciare a volare veramente, da tour operator provo a portarvi nel viaggio che mi è venuto in mente quel giorno ascoltando i racconti di Alex.

Turin Castle, una visione dall'alto

Turin Castle, una visione dall’alto

Continua a leggere

Chef in Green 2020: settanta chef in sette tappe nonostante la pandemia

Si è concluso al Golf Club Asolo il contest Chef in Green 2020, iniziativa che unisce chef, addetti alla ristorazione e golfisti. Una gara-evento un po’ fuori dagli schemi che, nel rispetto delle disposizioni anti-Covid, ha già suggerito nuovi spunti per il 2021.

Chef in Green 2020

Tolcinasco, la lezione del mattino ad un gruppo di chef.

Continua a leggere

Golf e libri, “Il giocatore fantasma” tra ologrammi e anime inquiete

Esce in queste ore “Il giocatore fantasma”, un libro edito da Press & Archeos con il golf come sfondo. Ecco una breve sintesi.

“Golf e fantasmi… incredibile ma vero. Molti campi da golf tra Inghilterra, Scozia e America hanno strane storie da raccontare. Si parla di visitatori fantasma provenienti dal mondo delle ombre. Figure diafane compaiono tra golf cart, fairway, bunker e green.

Il giocatore fantasma

“Il giocatore fantasma” e l’autore, Vittorio Di Cesare

Continua a leggere

Nella mente dei campioni: a Pebble Beach con Giulio Castagnara

L’ho sempre scritto e lo credo sempre più: nel golf la testa conta molto, anzi moltissimo. A parità di tecnica la differenza, anche a livello amateur, la fa spesso la capacità di concentrarsi o non abbattersi per un colpo sbagliato. Si gioca per obiettivi: provate a leggere questo approccio al golf e mental coach scritto dalla professionista Roberta Gallingani scesa in campo con Giulio Castagnara.

di Roberta Gallingani*

Giulio Castagnara (foto Filippo Vianelli).

Giulio Castagnara (foto Filippo Vianelli).

“Sei alla 18 di Pebble Beach, con chi stai giocando?”
“Sto giocando con Dustin Johnson e Webb Simpson. Il mio caddie è il tipico ragazzo americano, sorridente con il cappellino da baseball. Sono vestito con una polo bianca e i pantaloni blu. Gioco l’approccio, la metto in green. Due putt. Buca!”.

Torniamo un attimo indietro. Incontro Giulio Castagnara in una grigia mattina d’autunno. Continua a leggere

“Golf e gioielli, dalle mie passioni è nata la linea FORE1744”

L’amore per lo sport permette sempre più spesso di realizzare i propri sogni. Ne sa qualcosa Roberta Mantini, lettrice di “Golfando” che, dopo aver iniziato a giocare, non ha più smesso. E ora ha lasciato liberà  la sua creatività, coniugando golf e gioielli nella linea FORE1744. Ecco la sua storia. 

di Roberta Mantini
Dalla penna alla matita, sembra una retrocessione invece è un cambio radicale di vita. Dopo anni trascorsi a scrivere di vela ed a occuparmi di comunicazione ho deciso di aprire il cassetto dei sogni e iniziare una nuova vita: disegnare gioielli ispirati al mondo del golf. Fin da piccola ho utilizzato la manualità per tradurre le mie passioni in creazioni che accompagnassero la quotidianità. Negli ultimi anni mi sono avvicinata al mondo del golf, uno sport che è diventato centrale nella mia vita. Continua a leggere

Sono donna e gioco a golf: in campo trattatemi da uomo

di Francesca Galeano*
Avrei dovuto scrivere un pezzo che raccontava di un bellissimo castello in Scozia con annesso campo ma sono donna e gioco a golf e la mia attenzione è stata attirata da alcuni commenti sessisti letti sui social.

Da qui l’esigenza di raccontare di quanto spesso si sottovalutino alcuni comportamenti ritenuti innocenti possano mettere noi donne a disagio.

Francesca Galeano

Continua a leggere