Ecco i giocatori di golf dell’anno | Quale il miglior italiano nel 2020?

Si chiude un anno stravolto dalla pandemia. Dodici mesi che tutti vorrebbero lasciarsi alle spalle il prima possibile. Prima di spingerli per sempre in soffitta cerchiamo di mettere nero su bianco i giocatori di golf che si sono distinti nell’anno della pandemia.
I principali circuiti hanno scelto per tempo miglior giocatore e miglior matricola. Ai lettori chiedo di scrivere i migliori giocatori di golf italiani 2020. (sl)
Continua a leggere

Lee Westwood vince la Race to Dubai, Fitzpatrick si consola con tre mln di dollari

E’ ancora Lee Westwood il miglior giocatore dell’European Tour. L’inglese conquista per la terza volta in vent’anni la Race to Dubai e stavolta lo fa alla penultima buca dell’ultima gara. Decisivo il doppio bogey non del suo diretto avversario (Matthew Fitzpatrick) ma del terzo incomodo (Laurie Canter). Morale della favola: a Fitzpatrick il DP World Tour Championship, a Lee Westwood l’ordine di merito 2020.

Lee Weswood (Foto Getty Images)

Lee Weswood (Foto Getty Images)

Continua a leggere

Race to Dubai 2020: tutti contro Patrick Reed (da Fleetwood a Paratore)

E’ Patrick Reed l’uomo da battere a Dubai: l’americano è leader della money list e potrebbe essere il primo statunitense a vincere la Race to Dubai 2020, ossia diventare il miglior giocatore dell’anno sullo European Tour.

DUBAI Chi alzerà questo trofeo domenica? (Foto di Andrew Redington/Getty Images)

DUBAI Chi alzerà questo trofeo domenica? (Foto di Andrew Redington/Getty Images)

Continua a leggere

Francesco Laporta secondo sull’European Tour: miglior risultato in carriera (per ora)

Finale da stagione di incorniciare per Francesco Laporta: il 30eenne di Castellana Grotte ha chiuso al secondo posto il Golf in Dubai Championship, gara dello European Tour giocata sul percorso del Jumeirah Golf Estates (par 72). Si tratta del miglior piazzamento in carriera per Lapo.

Francesco Laporta

Francesco Laporta all’Open d’Italia 2020

Continua a leggere

Open d’Italia 2020, un’edizione da ricordare nonostante il Covid

di Sauro Legramandi@Sauro71
Sotto un sole inatteso ma sempre benvenuto è andato in soffitta l’Open d’Italia 2020 di golf. Un Open senza pubblico, senza top player e senza montepremi da mille e una notte. Eppure è degno di finire in archivio ed essere ricordato. Di seguito le mie riflessioni.

Continua a leggere

Ross McGowan vince l’Open d’Italia 2020

Derby inglese doveva essere e, alla fine, derby inglese è stato. L’Open d’Italia 2020 va al 38enne inglese Ross McGowan che, all’ultima buca dell’ultimo giorno, stacca con un birdie il connazionale Laurie Canter. Allo Chervò Golf Club San Vigilio di Pozzolengo (Brescia),  McGowan finisce a -20. Da incorniciare la rimonta di Colsaerts, a -19 proprio come Canter.

Continua a leggere

Open d’Italia 2020 / 3 E’ un derby inglese, cercasi terzo incomodo

Si aprirà con un derby il quarto giro dell’Open d’Italia 2020: dopo un lungo inseguimento l’inglese Ross McGowan ha raggiunto in vetta il connazionale Laurie Canter. Dopo la terza giornata sono entrambi a -19. Protagonisti del moving day anche il sudafricano Dean Burmester, terzo a -16. Chances per Nicolas Colsaerts e il tedesco Sebastian Heisele (-15). Tra gli azzurri il migliore è Francesco Laporta, 33esimo con 207 (-9).

Open d'Italia 2020

Ross McGowan sul green della buca 13 nel terzo giro dell’Open d’Italia (Foto di Warren Little/Getty Images)

Continua a leggere

Open d’Italia 2020 / 2 Un giro molto british (pure troppo), avanti 6 italiani su 17

Giornata molto british la numero 2 dell’Open d’Italia 2020 di golf: sotto una pioggia tipicamente inglese hanno brillato due giocatori britannici. Il rullo compressore Laurie Canter mantiene la leadership grazie al -4 di giornata e al -16 complessivo. Dietro di lui il connazionale Ross McGowan, staccato alla fine di due soli colpi e autore del miglior giro venerdì (-8).

Open d'Italia 2020 Lauri Canter

Laurie Canter durante la seconda giornata dell’Open d’Italia 2020 f (foto ANSA/FEDERICO COLOSIMO)

Continua a leggere

Open d’Italia 2020: partenza con record, hole-in-one e “bolla”

Partenza col record per l’Open d’Italia 2020 di golf. L’inglese Laurie Canter ha chiuso il primo giro in 60 colpi, -12 sul par del percorso Chervò Golf Club San Vigilio. Si tratta dello score più basso mai centrato all’Open a partire dal 1972. Scontata la sua leadership. Da destinare ai posteri anche la hole-in-one di Scott Jamieson alla buca 2 (un par 3 di 175 metri).

Laurie Cantier (Getty Images )

Continua a leggere