Matt Kuchar si scusa con il caddie e gli versa i 50mila dollari

L’aria del Messico ha probabilmente fatto rinsavire Matt Kuchar. Mettiamola così dai. Facciamo finta che sia davvero meglio tardi che mai. Alla vigilia del WGC – Mexico Championship il professionista americano si è scusato con il suo caddie messicano David Ortiz per avergli mancato di rispetto… lo scorso novembre.

PACIFIC PALISADES, CALIFORNIA Matt Kuchar impegnato al Genesis Open (foto Harry How/Getty Images/AFP).

PACIFIC PALISADES, CALIFORNIA Matt Kuchar impegnato al Genesis Open (foto Harry How/Getty Images/AFP).

Continua a leggere

Il golf del futuro tra robocop e tiri 30 metri più lunghi

La potenza è nulla senza controllo. Chissà se questo spot pubblicitario del 1994 potrà venire utilizzato per il golf del futuro. Ti sei mai chiesto come sarà il golf tra venti o trent’anni? Se hai scartato le prime due opzioni di risposta (“chissene” e i “problemi-sono-altri”) sappi che, andando avanti di questo passo rischieremo di avere a che fare con il golf dei robocop e dei loro cloni. 


Continua a leggere

Travel Outdoor Fest 2019, tanta voglia di golf

Non è ancora tempo di bilanci ma la sensazione che il Travel Outdoor Fest 2019 si chiuda in positivo c’è tutta. Nonostante le due belle giornate di sole del weekend abbiano spinto molti giocatori in campo, sono stati parecchi quelli che si sono ritagliati una manciata di ore per un salto in fiera a Parma per il golf. E credo ne sia valsa la pena: girare tra gli stand, guardare, informarsi e provare i ferri del mestiere serve per respirare aria di golf. Confronto e scambio accrescono il patrimonio personale. E nei tre giorni a Parma se ne sono viste delle belle.

Una vista dall'alto del padiglione dedicato al golf.

Una vista dall’alto del padiglione dedicato al golf.

Continua a leggere

Le Nazionali di golf guardano al futuro, pensando a Roma 2022

Azzurri e azzurre tutti insieme appassionatamente: per la  prima volta le nazionali di golf si presentano e si raccontano. E’ accaduto al ‘Marco Simone’ di Roma, sede di Ryder Cup e prima tappa 2019 della Road to Rome 2022.

I nazionali di golf Lorenzo Scalise, Gregorio De Leo, Kevin Latchayya e Caterina Don.

I nazionali di golf Lorenzo Scalise, Gregorio De Leo, Kevin Latchayya e Caterina Don.

Continua a leggere

Brooks Koepka a Sergio “El Nino” Garcia: smetti di fare il bambino

Sergio Garcia, ossia El Nino di soprannome e – secondo Brooks Koepka – di fatto. Per lo statunitense lo spagnolo si “comporta da bambino” ed è giunta “l’ora che cresca”. Niente giri di parole per esprimere il suo sentimento dopo il doppio pasticciaccio brutto combinato dallo spagnolo nel secondo e nel terzo giro del Saudi International, gara dal ricco ingaggio in Arabia Saudita.

Sergio Garcia si sfoga durante il secondo giro del Saudi International.

Sergio Garcia si sfoga durante il secondo giro del Saudi International.

Continua a leggere

Sergio Garcia perde la testa e danneggia due green: squalificato

Anche i campioni, nel loro piccolo, s’incazzano: Sergio Garcia ha perso le staffe nel terzo giro del Saudi International ed è stato squalificato. Fatale per lo spagnolo la norma 1.2 delle nuove regole che gli ha impedito di concludere la gara in Arabia Saudita.

MONZA Sergio Garcia al 74° Open d'Italia , nel 2017 (foto Ansa/Matteo Bazzi).

MONZA Sergio Garcia al 74° Open d’Italia , nel 2017 (foto Ansa/Matteo Bazzi).

Continua a leggere

“Non sono un politico, io gioco a golf”: e i diritti umani al Saudi International possono attendere

“Non sono un politico, io gioco a golf”. E’ il mantra comune a quattro dei cinque giocatori più forti al mondo che da giovedì si sfideranno al Saudi International. Lo European Tour fa tappa in Arabia Saudita, al Royal Greens di King Abdullah Economic City. Si gioca vicino Gedda, discussa sede della Supercoppa tra Juve e Milan dello scorso 16 gennaio.

Saudi International

Saudi International

Continua a leggere

Nuove regole del golf, Haotong Li perde centomila dollari… per il suo caddie

Sono in vigore da meno di un mese ma le nuove regole del golf hanno già fatto una prima vittima tra i professionisti. Il cinese Haotong Li è stato penalizzato di due colpi nell’ultimo giro del Dubai Desert Classic e ha perso nove posizioni in classifica e centomila dollari. Adesso si è aperto il dibattito: sanzione giusta o eccessiva? Lo stesso European Tour lamenta la mancata discrezionalità dei giudici in casi simili.

DUBAI - Haotong Li e il suo caddie nel giro di prova del Dubai Desert Classic

DUBAI Haotong Li e il suo caddie nel giro di prova del Dubai Desert Classic.

Continua a leggere