Golf e Olimpiadi: storia, favoriti e campo, tutto quello che c’è da sapere

Golf e Olimpiadi: quasi ci siamo di nuovo. Ecco una guida per gustare fino in fondo la gara di Tokyo 2020.

Golf e Olimpiadi, la quinta volta

Quella in palio a Tokyo sarà la quarta medaglia d’oro in palio per il golf maschile, la terza per le donne. Le prime si perdono nella notte dei tempi dello sport iridato. La prima volta del golf a cinque cerchi fu nel 1900, la seconda nel 1904. Le cose non andarono proprio benissimo, in particolare per le donne. Nel 1904 a Parigi la gara fu segnata da confusione e pessima organizzazione.
Un esempio? Il primo oro olimpico in rosa del golf, l’americana Margaret Abbott, in gara con la madre Mary Ives, non seppe mai che quello a cui aveva partecipato era un torneo olimpico. Insomma: vinse a sua insaputa.

Poi dopo un buco ultracentenario il green è tornato ai Giochi quattro anni fa a Rio, incoronando il britannico Justin Rose e la coreana Park In-bee. Quella in Brasile fu una gara ad ostacoli: il più ostico degli ostacoli fu raggiungere Rio vista la pericolosità della zanzara Zika. Niente di fronte all’emergenza sanitaria in corso.

Chi partecipa

A Tokyo uno sport individualistico come il golf cerca però la sua consacrazione. Sul percorso del Kasumigaseki Country Club a darsi battaglia ci saranno 120 atleti, 60 uomini e 60 donne (visto il field ridotto rispetto ai tornei tradizionali non sarà previsto il taglio).

Rory McIlroy (Foto di Mike Ehrmann / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / Getty Images via AFP)

I primi quindici dell’ordine di merito mondiale accedono automaticamente ai Giochi con un massimo di quattro per nazione. Il Giappone ha diritto a due posti (compresi nel conto dei 120 totali), uno per il torneo maschile e uno per il femminile. I big gareggeranno dal 29 luglio al 1 agosto. Dal 4 al 7 agosto toccherà alle donne.

Golf e Olimpiadi, dove si gioca

Il campo gara è uno dei più antichi al mondo: a circa 45 km dal centro città.  il  Kasumigaseki Country Club è stato inaugurato nel 1929, ed è diventato subito uno dei più importanti campi del Giappone, il primo a 36 buche. Ha subito un primo restyling nel 1930 dall’ex architetto Charles Hugh Alison. Il secondo è datato 2016 e guidato da Tom Fazio in vista di golf e Olimpiadi.

“Abbiamo avuto 90 anni per prepararci e non vediamo l’ora di mettere in mostra le bellezze di questo campo” le parole di Ryoichi Ohno, responsabile del circolo che ospiterà la super sfida a cinque cerchi.

 

I tanti assenti

Nonostante l’assenza di mister Woods (realmente ci teneva all’oro olimpico per arricchire una bacheca già monstre) ci sarà una gran bella sfida tra big.Non ci
saranno poi i tre principali protagonisti di Rio.

Justin Rose festeggia l'oro raggiunto a Rio 2016 (foto di Emmanuel Dunand / Afp) .

Justin Rose festeggia l’oro raggiunto a Rio 2016 (foto di Emmanuel Dunand / Afp) .

Dall’inglese Justin Rose (oro) allo svedese Henrik Stenson (argento), fino all’americano Matt Kuchar (bronzo): nessuno dei tre si è qualificato. Assenti per vari motivi anche Dustin Johnson e Adam Scott, Sergio Garcia, Tyrrell Hatton e Matthew Fitzpatrick.

 

I favoriti

Gli esperti dell’agenzia di stampa Associated Press hanno stilato un potenziale medagliere. Per la gara maschile candidato all’oro è Rory McIlroy, all’argento Xander Schauffele e al bronzo Sungjae Im. Tra le donne oro a Jin Young Ko (SudCorea), argento a Sophia Popov (Germania), bronzo Nelly Korda (Usa).

 

Gli italiani

Cinque anni fa a Rio c’erano Nino Bertasio e Matteo Manassero, entrato dopo la rinuncia di Chicco Molinari (il campione azzurro aveva detto no per paura della zika).

Paratore, Migliozzi e Pavan

Paratore, Migliozzi e Pavan

Molinari non ci sarà nemmeno a Tokyo, stavolta per un infortunio alla schiena che lo ha tormentato tutta la stagione. A difendere i colori azzurri al suo posto è stato convocato in extremis Renato Paratore. Con lui Guido Migliozzi, grande protagonista in questa stagione. Un esordio a cinque cerchi per entrambi. Paratore, da giovane, ha già vinto all’Olimpiade.

Doppietta anche al femminile con Giulia Molinaro, 30enne veneta, che a Rio si classificò al 53esimo posto. Con lei in gara Lucrezia Colombotto Rosso, 25 anni torinese, al debutto olimpico.

Golfando sui social:
La pagina Facebook
– La community (iscriviti al gruppo)

Golf influencer, 40 milioni di dollari a colpi di clic (calcolati male)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *