I circoli di golf possono riaprire anche in zona rossa

Cambia tutto per il golf in zona rossa: i circoli potranno infatti riaprire sin dalle prossime ore. Qualcuno lo ha anche già fatto. Tutto è cambiato dopo la pubblicazione da parte della Federgolf delle FAQ aggiornate a dopo il Dpcm del 3 novembre scorso.

In particolare l’ultima delle 19 domande recita quanto segue:

 

I circoli sportivi siti all’interno di una Regione posta in zona rossa devono rimanere chiusi?


No, i circoli sportivi siti all’interno di una Regione posta in zona rossa non devono chiudere e possono svolgere attività dirette all’esecuzione di gare consentite e di sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, partecipanti a gare consentite.

Quindi i circoli possono organizzare gare di golf (non in coppia) e gli amateur possono andare in campo pratica e in gara. L’interpretazione arriva con ogni probabilità dal Ministero dello Sport. Di conseguenza è possibile anche uscire dal proprio Comune per recarsi al circolo e giocare. L’unico vincolo è avere un handicap di gioco.

ECCO TUTTE LE FAQ SUL SITO DELLA FEDERAZIONE

Golfando sui social:
La pagina Facebook
– La community (iscriviti al gruppo)

27 risposte a “I circoli di golf possono riaprire anche in zona rossa

  1. Più che “FAQ” le chiamerei “fuck”.
    Sempre orientata allo sviluppo massiccio del golf, la Federazione ci spiega che, volendo giocare in zona rossa, ci sono tre possibilità:
    • pagare 20/30 € per partecipare ad una gara che magari non ti interessa;
    • pagare 100€ per farti accompagnare sul percorso, per un paio d’ore, da un maestro;
    • pagare una ventina di euro per andare in campo pratica fino allo sfinimento.
    E’ il golf, bellezza, e tu non ci puoi fare niente!

  2. Amo questo sport e capisco la voglia di giocare e sono d’accordo che il nostro sia uno sport sicuro perché svolto all’aperto e distanti, ma la decisione della FIG è una forzatura. Mi appare come la solita furbata all’italiana della serie “fatta la legge trovato l’inganno” , che poi parliamoci chiaro sostenere che gareggiare per abbassare l’handicap sia di interesse sportivo nazionale è una grandissima ed egoistica cavolata. L’obbiettivo del lockdown è muoversi solo per comprovate esigenze di lavoro e salute, e per quanto solidale possa essere con i circoli e con tutte le persone che lavorano in questo mondo, è oggettivo che giocare a golf non rientri in questi due casi. Ho troppo rispetto per questo sport e per la tragedia che sta coinvolgendo il nostro sistema sanitario nazionale per andarmene spensierata a fare la garetta anche se in sicurezza, apprezzo molto le iniziative del Golf Club Campodoglio e del maestro Paolo Battistini che hanno comunque deciso di non aprire e di non insegnare, che dimostrano coerenza rispetto alla grave situazione in cui tutti ci troviamo, ma sono ahimè mosche bianche.

    • Posizione assolutamente condivisibile Non dobbiamo farci prendere in giro! Mi piacerebbe vedere la faccia del vigile, che, fermata un’auto che sta uscendo dai confini consentiti, si trova esibita una autocertificazione per andare a giocare a Golf……..
      Prima di andare al campo, passate davanti a qualche Pronto Soccorso……

    • Chiaro che sia una forzatura ma non condivido egoismo o rabbia di chi dice che non si può perché i pronto soccorso sono pieni.
      La legge è fatta in fretta e male, chiudendo a prescindere attività a rischio e attività a non rischio.
      Via via che passa il tempo le federazioni o gli enti che ritengono di essere stati chiusi immotivatamente faranno pressioni per essere esentati dalla chiusura, il golf è stato il primo ad ottenerlo.
      Ricordiamo che lo sport è un diritto e non un favore:
      NON ESISTENDO ALCUN RISCHIO DI CONTAGIO rispettando il protocollo (ma proprio nessuno, non poco o pochissimo) non vedo perché criminalizzare chi si reca l circolo a rilassarsi potendo.
      Si può correre, si può andare in bici si può giocare a golf.
      Se io non corro perché non sono portato, non me la prendo con i runner perché gli ospedali sono pieni.

      • Giusto, passeggiare in gruppo o correre scontrandosi in certi parchi a Milano e dintorni o vedere famiglie e anziani nei supermercati in assembramento è molto più pericoloso… Magari avessero chiuso i confini e controllato quei coglioni che sono andati in “vacanza” in Croazia a IBIZA o in Romania al ritorno. Demagogia.
        E poi siamo nei casini perché il COVID esiste e uccide, ma in Campania zona Gialla? ma fatemi il piacere.

      • Sono pienamente d’accordo!
        Penso ci sia più rischio di contagio sul posto di lavoro, ma l’ipocrisia vince sempre…
        L’uomo ha bisogno anche di svago e distrazioni altrimenti si rischia la salute psichica e sicuramente ciò non aiuta anche dal punto di vista immunitario.
        Tutto sta nella responsabilità personale.

    • Condivido
      È tempo di essere solidali con chi sta lavorando in prima linea contro la malattia
      È tempo di essere responsabili per proteggere se stessi e gli altri

  3. In zona rossa si puo uscire solo per giustificati motivi…e fare attivita motoria solo nei pressi dell abitazione….come posso raggiungere il campo da golf ammesso che sia aperto?? Temo che l autocertificazione “vado a giocare a golf” mi costi una bella multa….o no??

    • Buongiorno, il dubbio è legittimo. Ogni circolo ha preparato l’autocertificazione da esibire in caso di controllo.

      • Precisiamo… non sono i circoli a preparare l’autocertificazione ma è una responsabilità personale del giocatore che deve farsela da solo, motivando con le eventuali possibilità che la FIG e CONI consentono.
        Vedi pubblicazioni varie.

  4. E’ incredibile una volta che qualcuno fa qualcosa per una categoria e subito a polemizzare.Ma che fastidio possono dare dei giocatori che si spistano (nel mio caso di una decina di km)per andare a giocare in tutta tranquillita’ in un posto meraviglioso e dove le distanze sono assolutamente mantenute.E poi e’ un modo per rilassarsi e per qualche ora staccare da questa terribile situazione e trovare un po’ di pace.E se poi non siete d’accordo potete tranquillamente rimanere a casa!

    • distanze rispettate un paio di palle….. sono appena passato davanti al glof club brianza e c’erano GRUPPI di “atleti” che chiacchieravano ben vicini……

      VERGOGNA…… poi però pretendete di essere curati da quelli che si fanno il culo tutto il giorno….

      VERGOGANTEVI

      • Se è per quello ci sono assembramenti anche ai cassonetti! Tutto sta nella prorpia coscienza, autodisciplina e rispetto per gli altri e per se stessi: non siamo i soliti ipocriti o si chiude TUTTO (posti di lavoro compresi) come a marzo oppure mi da l’impressione delle solite “pezze” tappabuchi… Ipocrisia per ipocrisia, fatta la legge, trovato l’inganno!

  5. Sono felice di poter continuare a praticare uno sport che si svolge in enormi spazi aperti e per regole ed etichetta mantiene il distanziamento.Certamente più sicuro che passeggiare in zone affollate com’è avvenuto e sta avvenendo…….

  6. Sono un accanito giocatore, ieri ho giocato e continuerò a farlo fino a quando possibile. Detto questo confermo come questa cosa sia da egoisti e ci sarebbe da vergognarsi, noi golfisti siamo fondamentalmente arroganti, menefreghisti ed egoisti, parliamoci chiaro. Considerare di “interesse nazionale” partecipare al Championship del Circolo o peggio ancora alla Coppa della domenica è una barzelletta. Essere in Zona Rossa vorrebbe dire stare in casa affinché sia possibile per le Forze dell’ordine controllare chi è per cosa è in giro. Dire che giocare a golf non presenta rischi è vero ma vale per mille altre attività; se tutti facessero come noi vi immaginate che kaos ci sarebbe in giro?

  7. La federazione golf dice di sí, se sei iscritto alla gara che porta modifiche di handicap, anche per allenamenti, pure in zona rossa.Ovviamente bisogna essere muniti di autocertificazione, il dubbio é che le forze di polizia non siano informate sulle disposizione della federgolf. In conclusione per essere certi bisogna che qualche Golfista lombardo o piemontese faccia da cavia e poi ci faccia sapere
    .

  8. Scusate.
    Io pratico scialpinismo da quarant’anni e, per il sessanta per cento delle volte sono andato da solo e solo andrei, appena dovesse nevicare.
    Mi spiegate come si fa?

  9. Sarebbe meglio stare a casa anche se per ogni golfista giocare è una dipendenza, me compreso.
    Io sto a casa perchè lo trovo corretto in rispetto ai miei concittadini che non hanno questa possibilità, perchè qualche settimana senza giocare non è una tragedia e perchè se un agente mi da una multa di 400 € la devo pagare e poi eventualmente fare ricorso (??). Tutti buoni motivi. Fate vobis

  10. Venendo al dunque siamo al 28/11 io povero neofita che pratica da circa 6 mesi (che ha investito parecchi denari x questo sport) e che si è molto appassionato può andare al circolo e giocare .Mi sono sentito molto discriminato grz un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *