Ucraina, il golf non sta a guardare: gli appuntamenti in Italia

L’aiuto dal mondo del golf per l’Ucraina è una goccia nel mare. I circoli e i golfisti forse non riempiranno camion di beni di prima necessità ma di certo faranno la loro parte.

Davanti a un’emergenza umanitaria immensa come quella ucraina anche un green fee destinato all’acquisto di una scatola di pasta può fare la differenza. Può sfamare una persona che scappa dalla guerra.

Per questo mi piacerebbe far conoscere come si muove il golf italiano per l’Ucraina. Sono convinto che qualcosa si stia facendo: gare, iniziative e raccolte fonti non mancano di certo. Se volete segnalarle basta scrivere alla nostra email o su Facebook. Se qualcosa è già stato fatto ben vengano foto o resoconti. (s.l.)



Golf per l’Ucraina, gli appuntamenti


CASTELCONTURBIA, SABATO 16 APRILE – Si chiama Castelconturbia for Ukraine l’iniziativa del circolo piemontese per aiutare chi ha perso tutto in quel Paese. La gara è a squadre da quattro, formula am am ed è in calendario sabato 16 aprile. Il ricavato andrà interamente in beneficenza alla Onlus Piero Bongianino che si occupa dell’assistenza dei profughi ucraini. Tutti i ragazzi di GOLF TV e molti professionisti ci hanno messo la faccia, registrando video e messaggi per promuovere l’evento. Tutto il materiale finisce giorno dopo giorno sui social.


SALICE TERME, SABATO 2 APRILE – E’ in programma un torneo in memoria di Stefano Sacchi (un golfista che è venuto a mancare qualche mese fa). La finalità è raccogliere fonti per l’ “Opera Don Orione – Missione Ucraina – Leopoli“. Il responsabile è don Egidio Montanari. La gara è organizzata in collaborazione con il Lions Club Voghera Host.


MONTECCHIA, VENERDI’ 1 APRILE – Al Golf della Montecchia un’unione di forze per aiutare l’accoglienza dei rifugiati collaborando con i volontari ucraini a Padova e l’Hub di Monselice presso l’ex ospedale.

Nasce da un affetto particolare l’impegno della Montecchia verso i rifugiati ucraini, quello per Olga Lichner, storica barista della clubhouse, ucraina di Ivano-Frankivs’k a sud di Leopoli. Olga è a Padova dal 2000, apprezzata e stimata da tutti. Olga insieme a tanti suoi connazionali, da anni residenti in Italia, si è messa a disposizione come volontaria per fare da interprete, da mediatore culturale e da sostegno alle famiglie che scappando dalla guerra trovano accoglienza ad Arquà Petrarca e all’Ospedale di Monselice.

Oksana e Olga

Grazie a Olga una esule sua compaesana Oksana Savedchuk sta già lavorando presso il ristorante Montecchia Green, un modo per integrarsi e allo stesso tempo superare questo momento.

La voglia di aiutare lei e quanti si stanno prodigando ha portato all’idea di un’asta di beneficenza di fiori e piante, simbolo di pace in questa primavera così difficile. A coordinare l’iniziativa è Sabrina Scicchitano, promotrice dell’evento per il ristorante La Montecchia, location dove venerdì 1 aprile si svolgerà la serata.

Oltre cento già le adesioni, in particolare dal mondo sportivo, non solo i soci golfisti ma anche una nutrita rappresentanza di atleti del Tennis Club di Padova. Il ricavato verrà utilizzato subito per acquistare latte in polvere per i bambini, urgenza segnalata dai volontari di Monselice, che non ricevono contributi ma donazioni di prodotti.

Alla donazione di fiori e piante hanno aderito dieci vivai tra Padova e la zona dei Colli Euganei: il Fior di Rosa, i Franceschetto, i Fratelli Zoccarato, i Vivai Berti ma anche le aziende agricole Novaspina e Nuova Girasole, le fiorerie Caron Francesca, Barbiero La Fioreria e i Garden Busatta e Zoccagarden.


GOLF LANA DI SOTTO (BZ), 28 MARZO– Un assegno da 24mila euro è stato consegnato alla Croce Bianca per sostenere il lavoro dell’associazione con i profughi ucraini. La somma è stata ricavata grazie a una gara di golf, svoltasi a Lana di Sotto, organizzato per beneficenza dagli imprenditori altoatesini Hannes Illmer, Manfred Oberrauch e Klemens Kaserer. “Sono emozionata da quanto sia grande la solidarieta’ con la gente ucraina in Alto Adige. Attraverso questo sostegno, possiamo continuare a rafforzare i nostri aiuti in Europa dell’Est ha sottolineato la presidente della Croce Bianca Barbara Siri.

Attualmente l’associazione provinciale di soccorso è principalmente attiva nella gestione e nel sostegno di due centri di accoglienza in Slovacchia. Ma beni di prima necessità sono stati portati anche direttamente a Kiev.


ROSSERA (BG), SABATO 19 MARZO– A Bergamo, sabato 19 marzo, il circolo della Rossera aiuterà l’associazione Zlaghoda, in prima fila per il popolo ucraino, con una louisiana a quattro giocatori “Teniamo molto all’iniziativa – fanno sapere dalla segreteria del circolo – in quanto riteniamo che il mondo del golf non debba essere insensibile rispetto alla situazione di sofferenza che sta subendo la popolazione ucraina”.

Ucraina


LE FRONDE (TO), SABATO 5 MARZO si è giocata una louisiana benefica a favore dei bambini oncologici dell’Ucraina.  Il ricavato è stato di 1.960 euro.


Una risposta a “Ucraina, il golf non sta a guardare: gli appuntamenti in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.