Nella mente dei campioni: a Pebble Beach con Giulio Castagnara

L’ho sempre scritto e lo credo sempre più: nel golf la testa conta molto, anzi moltissimo. A parità di tecnica la differenza, anche a livello amateur, la fa spesso la capacità di concentrarsi o non abbattersi per un colpo sbagliato. Si gioca per obiettivi: provate a leggere questo approccio al golf e mental coach scritto dalla professionista Roberta Gallingani scesa in campo con Giulio Castagnara.

di Roberta Gallingani*

Giulio Castagnara (foto Filippo Vianelli).

Giulio Castagnara (foto Filippo Vianelli).

“Sei alla 18 di Pebble Beach, con chi stai giocando?”
“Sto giocando con Dustin Johnson e Webb Simpson. Il mio caddie è il tipico ragazzo americano, sorridente con il cappellino da baseball. Sono vestito con una polo bianca e i pantaloni blu. Gioco l’approccio, la metto in green. Due putt. Buca!”.

Torniamo un attimo indietro. Incontro Giulio Castagnara in una grigia mattina d’autunno. Continua a leggere

Il golf nella testa 13 / “Non sopporto chi bisbiglia e chi pensa solo alla sua pallina”

Nuovo appuntamento con “Il golf nella testa”, la rubrica di Sonja Caramagno. Stavolta lamental coach risponde a un lettore stanco di dover inghiottire il rospo della maleducazione altrui. Se hai domande di questo genere clicca qua e scrivi.

Il golf nella testa

Buongiorno Sonja,
gioco da molti anni (oltre quaranta). Ultimamente oltre a problemi fisici ho sviluppato anche “mene mentali”. Continua a leggere

Il golf nella testa / 11 – Emozioni e golf

Apriamo una nuova e interessante parentesi sul rapporto strettissimo tra il nostro gioco e la nostra testa. In particolare concentriamoci su emozioni e golf. Ecco un’altra puntata della nostra rubrica Il golf nella testa.

Emozioni e golf

Con quale faccina presentarsi sul tee?

di Sonja Caramagno @SonjaCaramagno

Caro golfista sarò diretta: hai mai pensato di decidere prima della gara come ti comporterai mentalmente durante la  permanenza in campo? Parto da un semplice presupposto: se il segreto dei professionisti è anche quello di allenare il golf nella testa… un motivo ci sarà! Continua a leggere

Il golf nella testa / 10 – Il peso di un errore in campo

Torniamo ad approfondire il rapporto tra la nostra testa e il gioco del golf. Lo facciamo ricorrendo all’esperienza e alla disponibilià della nostra mental coach Sonja Caramagno nella rubrica odierna de Il golf nella testa.

“Non vale la pena avere la libertà, se questo non implica avere la libertà di sbagliare.” Mahatma Gandhi

Sonja Caramagno e alcuni ragazzi del Talents del "Marco Simone" di Roma.

Sonja Caramagno e alcuni ragazzi dei Talents del “Marco Simone” di Roma.

Continua a leggere

Il golf nella testa / 8 – Una mental coach in campo all’Open d’Italia

Dopo aver lavorato con tanti amateur Sonja Caramagno, mental coach di professione e apprezzata autrice della rubrica Il golf nella testa, ha vissuto un weekend diverso. Sonja era uno dei marshall all’Open d’Italia 2017. L’esperienza è servita per studiare chi col golf ci vive, traendone però alcune considerazioni per noi comuni mortali. Come questa: ricordiamoci che noi non siamo il nostro score.

Mental coach

Sonja Caramagno prima di partire con Chicco Molinari nel quarto giro dell’Open d’Italia

Continua a leggere

Il golf nella testa / 7 – Qual è la reale posta in gioco

Anche il golfista ha un fuoco sacro dentro. Qualsiasi attività ludica è mossa da una passione iniziata più o meno per caso. La nostra mental coach Sonja Caramagno, nella puntata odierna di Il golf nella testa, focalizza la sua attenzione proprio su cosa scatta dentro di noi quando pensiamo al golf. Quella motivazione è il patrimonio personale di ogni singolo giocatore. Un patrimonio che gettiamo al vento ogni volta che, dopo un brutto colpo, pensiamo di smettere e non giocare più.

Golf nella testa

Sonja Caramagno con i Talents del “Marco Simone” di Roma

Continua a leggere

Il Golf nella Testa: la mental coach

Il Golf nella Testa è una rubrica del nostro blog dedicata a chi ritiene che il “golf sia tutta una questione di testa”.

Per loro e per chi vuole capire perché con lo stesso movimento non si raggiunga sempre lo stesso risultato c’è Sonja Caramagno. Mental coach di professione,Sonja lavora con professionisti di golf (Marco Simone Golf Club e Parco di Roma Golf Club tra gli altri), karate e judo (Fijlkam) e Rugby (US Primavera Rugby Roma).

A lei il compito di spiegare attraverso Il golf nella testa quali bunker mentali ci siano dentro di noi ogni volta che prendiamo un ferro in mano. Proverà a spiegare perché ci blocchiamo sul tee della buca uno piuttosto che sempre e solo davanti a quell’ostacolo d’acqua in quel campo che vorremmo eliminare.

Elenco delle lezioni:

1: Il campo non è il tuo nemico
2: Il modo giusto per fare colpo
3: La pozione per il colpo magico
4: Il segreto del putt autentico
5: Da ogni gara esci diverso da come sei entrato
6: Ridisegna la tua buca
7: La reale posta in gioco
8: Io mental coach in campo all’Open d’Italia
9: Prepara la tua “seconda” sacca
10: Il peso di un errore in campo
11: Emozioni e golf
12: Ferma il tuo ego, tira fuori il tuo io
13: DIRETTA FACEBOOK: Mente o Tecnica? Cosa conta di più per giocare in “Flow”?

 

 

Diretta Facebook: “Mente o Tecnica? Cosa conta per giocare in “Flow”?

Venerdì 17 aprile 2020 alle ore 17.30 appuntamento speciale con la nostra mental coach Sonja Caramagno che organizza una diretta sulla sua pagina Facebook.

“Cosa significa giocare in “flow”? Quali sono gli elementi che permettono di sentirsi “magici” in campo in cui ogni colpo sembra riuscire senza sforzo? E’ una questione di fortuna, di “educazione” o di allenamento? E soprattutto in che rapporto stanno?

Ne parleremo con Gianluca Pietrobono, allenatore della squadra Professionisti della Federgolf, responsabile tecnico della squadra dei Talents del Marco Simone Golf & Country Club  e ancora oggi professionista senior. Con lei Sonja Caramagno, mental coach di sport individuali e di squadra, e mental coach dei Talents del Marco Simone.

Muovendo da due punti di vista diversi, Pietrobono e Caramagno cercheranno di raccontare quale approccio privilegiare in campo per ottenere la propria migliore performance”.


 

Palline da golf in fila in un campo di pratica

 

 

Ferma il tuo ego, tira fuori il tuo io

Prova ad immaginare ogni buca come una nuova attività in cui cimentarsi, una scadenza da rispettare o una bella novità da accogliere. Qual è la tua reazione per quanto ti succede o per quanto hai deciso di far succedere? Con quali occhi osservi ciò che ti capita?

E ricorda: il corpo è sempre più saggio della mente


 

Emozioni e golf

Caro golfista, hai mai pensato di decidere prima della gara come ti comporterai mentalmente durante la permanenza in campo?

Impara a giocare buca per buca

 

 

Il peso di un errore in campo

Caro golfista, quanto sei esigente con te stesso? Anzi, da mental coach ti chiedo quanto pesa un colpo non riuscito come avresti desiderato. Ricordati che la ricerca della perfezione ci mette in una condizione di “non libertà” e paura.

Ti prepari una settimana e poi in gara…


 

Prepara la tua “seconda” sacca

Caro golfista, al di là del tuo zainetto di beni materiali, ti sei mai chiesto con quali convinzioni e pensieri fai ingresso in campo prima di una gara? E ti sei mai chiesto su quali risorse personali puoi contare?

Non di soli ferri “fisici” vive il golfista

Mental coach

Sonja Caramagno prima di partire con Chicco Molinari nel quarto giro dell’Open d’Italia.

 

 

Io mental coach in campo all’Open d’Italia

Sonja ha fatto da marshall ai team di Molinari, Paratore, Garcia, Wallace e Luke Donald. Ai più grandi pro del mondo ha strappato qualche segreto per noi comuni mortali. Uno di questi? Eccolo:

Noi non siamo il nostro score

Golf nella testa

Sonja Caramagno e i “Talents” del Marco Simone di Roma.

 

La reale posta in gioco

Il golf, come qualsiasi attività ludica, è mosso da una passione, un fuoco sacro originatosi più o meno per caso. Ogni giocatore, quando le cose vanno male, fa di tutto per spegnerlo quel sacro fuoco. Ecco qualche consiglio su come salvarlo.

Focalizza la tua attenzione su cosa scatta dentro di te

Golf nella testa

Non vorrai giocare su un campo simile e non aver in testa come comportarti?

 

Ridisegna la tua buca

Avete mai sentito parlare della “profezia che si autoavvera”? Forse no. Eppure ne siete vittima inconsapevoli ogni volta che giocate una buca almeno per la seconda volta. Sul tee di partenza la mente corre alla prima volta, ricordandovi flappe e slice. E condizionandovi. Eppure quella profezia si può limitare…

Sai come? Clicca e scoprilo nel resto del post

Golf nella testa

Da ogni gara esci diverso da come sei entrato: hai l’oro in mano

Ogni singola gara di golf è un’esperienza nel vero senso della parola. E ogni esperienza crea nuove consapevolezze, ma solo se portate alla luce e osservate. Ti sei mai chiesto, dopo la 18esima buca, cosa hai provato in quel giro? Quali le sensazioni? E i sentimenti?” Raccogli tutto ciò che hai dentro e osservalo dall’esterno. Si comincia così e…

Scoprilo nel resto del post

Golf Mental Coach

Il segreto del putt autentico

Dopo un “discreto” numero di colpi sei in green. Ti chiudi in una sorta di concentrazione monacale, un ultimo sguardo alla buca e lasci andare il movimento del putter. Se va bene, amici come prima. Se sborda sotto con i commenti: “Oggi non ne imbuco uno!” oppure “E’ da un mese che soffro il green!“

Ma di chi sono le mani che stringono il grip?

Golf nella testa

La pozione per il colpo magico

Non di rado in campo gioco vicino a compagni di team che vivono momenti di magia. Per due, tre o addirittura nove buche di seguito, tirano ogni colpo con sicurezza e senza paura. In questi casi, cosa succede al golfista? Le sue magie sono coincidenze isolate? E quando finisce un mental coach cosa deve fare?

La risposta è scritta qui

Pallina golf

Il modo giusto per fare colpo

Palline che volano, zolle che decollano, corpi che si avvitano nei loro migliori swing. In campo succede di tutto, così come nella vita. Assistiamo a continui cambi di strategie, a una alternanza di sorrisi e bronci, occhi di tigre o di agnello. Questa giostra di decisioni e emozioni richiede un continuo impegno di risorse personali.

La regola numero uno è l’attenzione: ecco spiegato perché

Golf nella testa

Sonja Caramagno in azione.

 

Il campo non è il tuo nemico

Prima ancora di iniziare a giocare, sento spesso i golfisti esordire con frasi come “questo campo è difficile”, Oppure “questo campo è pieno di ostacoli” e “l’erba del rough non è curata”.  Eppure bisogna mettersi in testa che il percorso non è il vostro avversario principale.

Come uscire dai bunker mentali
Il green con bandierina e buca in un campo da golf

Chi è Sonja Caramagno

Mental Coach con credenziale PCC (Professional Certified Coach) conseguita con l’International Coach Federation, la più grande associazione al mondo di coaching. Ha studiato direttamente con Timothy Gallwey, oggi è parte integrante del Team nella “The Inner Game School” in Europa . Laureata in Economia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, oltre che per lo sport, si occupa di coaching per dirigenti, manager e quadri.

E’ stata membro del Comitato Direttivo di International Coach Federation Italia, in qualità di Tesoriere 2017/2018, oggi presta la sua attività come volontaria per progetti specifici (nel 2019 project leader della International Coaching Week).

Appassionata di sport da sempre, da ex giocatrice nel calcio a cinque femminile ha disputato gare regionali e nazionali negli anni 1990-2002, oggi si dedica invece allo squash e alla corsa.

Dal 2017 è coach della classe dei “Talents” del Marco Simone Golf Club, e coach dell’Under 18 della US Primavera Rugby Roma. In ambito sportivo oltre al golf, segue atleti del karate, del judo, del tennis, del nuoto, dello sci.

Per il golf si è specializzata nel connubio tra swing, respiro e coerenza cardiaca.

“Credo che l’ambiente sportivo sia il più idoneo per liberare le proprie energie e valorizzare le proprie potenzialità.”

 

Contatti:
email: Sonja.caramagno@gmail.com
Skype: Sonja.caramagno
Sito web: www.sonjacaramagno.com


Segui la pagina Facebook di Golfando… e iscriviti al gruppo

Il golf nella testa / 6 – Ridisegna la tua buca

Oggi spieghiamo come trasformare in vantaggio quello che tutti comunemente considerano uno svantaggio. Ossia il preconcetto: chiunque giochi a golf ha una buca che vorrebbe saltare in ogni percorso. Perché? Semplice: in quella buca la palla è sempre andata in acqua oppure fuori limite oppure…  Invece il pregresso può diventare un elemento a nostro favore. Continua a leggere