Ryder Cup 2018, Jim Furyk nuovo capitano Usa

Gli Stati Uniti hanno il nuovo capitano di Ryder Cup: a guidare i campioni in carica a Le Golf National di Parigi nel settembre 2018 sarà Jim Furyk. Per il 46enne si tratta di una “promozione”: nell’ultima Ryder Cup era il primo assistente del capitano Davis Love III, nonché vice-capitano.

NORTON (Usa)  Jim Furyk al Deutsche Bank Championship di Boston (Foto AFP)

Jim Furyk, originario di West Chester (Pennsylvania), vanta 17 titoli nel PGA Tour comprensivi di un major e detiene il record sul giro nel circuito con 58 colpi stabilito ad agosto 2016 nel Travelers Championship. Ha disputato la Ryder Cup per nove volte consecutive al 1997 al 2014 con due successi e il terzo lo ha colto da vice capitano, appunto, l’anno scorso a Chaska nel Minnesota.

LE PAROLE DI FURYK –  “Devo ringraziare il Comitato della Ryder Cup e Davis Love III – ha detto Furyk – per la fiducia che hanno mostrato nei miei riguardi. La Ryder Cup fa parte del mio Dna e per me è stato un privilegio avere avuto questa opportunità e un onore accettare l’incarico. Sono ansioso di iniziare e inoltre desideriamo tornare a vincere in Europa, evento che non accade da parecchi anni”.

E QUELLE DI BJORN – Il danese Thomas Bjorn, capitano di Team Europe, è stato uno dei primi a congratularsi con Furyk, 28° capitano nella storia americana della sfida. “Conosco Jim da molti anni e, oltre ad essere un degno avversario e un temibile concorrente, so che condivide la mia passione per la Ryder Cup. Di certo in Francia avremo una gara fantastica tra le nostre due squadre” (fonte Federgolf)

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM

NEWS DI GOLF IN BREVE: CLICCA, LEGGI E SEGNALA LA TUA

STORIE DI GOLFLE BELLE DEL GOLF – GUARDA LE FOTO

LE LEZIONI DEL MAESTRO FERRUCCIO CROTTI

IL GOLF NELLA TESTA: PARLA LA MENTAL COACH SONJA CARAMAGNO

“GIOCO A GOLF PERCHE’… ” CLICCA E FINISCI LA FRASE

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF – SPECIALE – IL SELFIE DEI VIP

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *