Golf – Ryder Cup a Roma, Montali in Parlamento: “Niente fondi pubblici ai privati e business plan coperto al 67%”

La Ryder Cup a Roma mette di nuovo piede in Parlamento. Il ruolo del portavoce, davanti alle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato, tocca a Gian Paolo Montali. Il direttore del progetto Ryder Cup 2022 ha risposto punto per punto ai dubbi dei commissari, partendo da Federico D’Incà (M5s)..

Ryder Cup a Roma

Gian Paolo Montali

Montali ha sottolineato che non ci saranno soldi dei contribuenti destinati al rifacimento del “Marco Simone”. Il campo alle porte di Roma dove si terrà la competizione è privato e verrà sistemato dal privato. “Dei lavori si occuperà la proprietà del circolo” ha detto il dg, riferendosi alla famiglia Biagiotti.

Legittima una precisazione dell’ex ct della nazionale di pallavolo: la scelta sul “Marco Simone” non è ricaduta per una indicazione della Federazione. “Sono stati gli organizzatori inglesi che hanno puntato su quel percorso – ha detto – . Era l’unico idoneo nel Lazio per profilo tecnico e l’unico che aveva gli spazi adeguati. Si tratta di ospitare la terza manifestazione sportiva al mondo per presenze ma anche per impatto mediatico. Muove circa 300mila persone nell’arco di una settimana di gara. Il centro media può essere equiparato a quello delle Olimpiadi”.

In Francia 40 milioni di euro dal governo, in Italia 97 milioni?

Quindi è toccato all’esponente Mdp Lucrezia Ricchiuti. La senatrice chiedeva come mai in Francia per la Ryder Cup 2018 il governo abbia stanziato “solo” 40 milioni di euro rispetto ai 97 chiesti per Roma 2022 e oggetto di una lunga battaglia politica.

“Perché la candidatura – dice – è stata fatta nove anni fa e non aveva contro nazioni così forti come ci siamo trovati noi. Noi avevamo Spagna, Germania e Austria. La storia e la tempistica sono differenti. In Francia le spese sono salite“, ha detto Montali. In particolare va tenuta presente la diversità dei movimenti tra Paesi concorrenti per l’edizione 2022: in Italia la Federazione ha 90mila iscritti, in Germania 760mila.

Ryder Cup a Roma

Una tifosa in una precedente edizione di Ryder Cup (foto Afp)

Quindi occhi puntati sull’evento capitolino. “Il progetto Ryder Cup a Roma è stato assegnato all’Italia dopo una gara difficile e complessa”. La scelta è stata motivata “perché forte della garanzia dell’impegno del governo”, ha dichiarato Montali. Il direttore generale ha rivelato che la vera e principale motivazione è stata “quella di avere un progetto che non finisse nel 2022. Il nostro progetto si protrae fino al 2027 con obiettivo principale la diffusione del golf”.

Una possibilità che “è una grande occasione”, ha raccontato ancora dato che “in questi dodici anni saranno disputati nel nostro Paese più di cento tornei ed undici Open d’Italia”. Un evento-Paese che coinvolgerà il nord come il sud. I primi due appuntamenti dimostrativi nella valle dei Templi di Agrigento e sul Monte Bianco.

Ryder Cup a Roma

Una veduta del Marco Simone

La scelta di Roma invece è stata fatta “per le sue capacità e possibilità dal punto di vista del turismo”.

Ryder Cup a Roma, i fondi a garanzia: business plan già coperto al 67%

Dal punto di vista economico Montali ha fornito i numeri della manifestazione. “Il business plan è già coperto per il 67% con un budget di 159 milioni di euro e con ritorni che si stimano essere superiori ai 500 milioni di euro”. I numeri sono numeri e non sono soggettivi. nelle casse pubbliche entreranno 83 milioni di euro. Si tratta dell’ “l’incremento del gettito fiscale per le operazioni che verranno fatte” ed altri 26 “per le entrate fiscali derivanti dai montepremi dei singoli tornei”.

Ryder Cup a Roma

E proprio sui numeri al centro di tante polemiche, Montali ha infine raccontato la destinazione d’uso dei fondi pubblici, che saranno “60 milioni stanziati dal governo attraverso il Coni per un totale di 5,4 milioni annui per 11 anni”. La cifra servirà “per creare infrastrutture e per organizzare più di cento tornei che permetteranno al golf di diventare più popolare” in Italia. Il nostro Paese diventerà “uno dei centri mondiali” di questo sport.

Montali: La Francia paga meno? La candidatura è di 9 anni fa e senza concorrenti forti come per noi Condividi il Tweet

Ricchiuti (Mdp): Ryder Cup a Roma scandalosa, non ho ottenuto risposte

Ad audizione finita, ha parlato Ricchiuti (Mdp) che ha definito “scandalosa” la scelta del governo di fornire la fidejussione per la Ryder Cup 2022. “Il Fondo per la disabilità – prosegue – viene ridotto di 50 milioni. L’intera manovrina fa tirare la cinghia agli italiani per tre miliardi, ma i soldi per il golf su un terreno privato si trovano. Nelle Commissioni riunite Bilancio ho chiesto quale fosse il piano finanziario. Ho chiesto perché sarebbe conveniente per il contribuente spendere 150 milioni per un’iniziativa elitaria e per uno sport poco praticato. Per il golf in Francia si spende meno e per una platea maggiore. Non ho ottenuto risposte”.

PS – Secondo i resoconti delle agenzie di stampa Montali ha risposto alla Ricchiuti. La senatrice Mdp dice invece di non aver ottenuto risposte. I casi sono due: o il dg ha risposto a qualcun altro o la senatrice non ha ottenuto le risposte ‘che voleva’. Vale la pena ricordare per l’ennesima volta che i fondi a garanzia sono cosa diversa dai fondi stanziati?



SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM


GIOCO A GOLF PERCHE’…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Golf – Ryder Cup a Roma, Montali in Parlamento: “Niente fondi pubblici ai privati e business plan coperto al 67%”

  1. HO già fatto numerosi commenti e non voglio ripetermi, aggiungo che la Ricchiuti ha ragione e che tutto ciò che si pensa avvenga nei prossimi 11 anni sono solo fantasie, nulla è praticamente avvenuto negli ultimi 30 anni…. i 100 tornei che si pensa di fare non interessano, i tornei interessanti sono quelli fatti ( pochi) nei tempi e nei luoghi veramente deputati e dedicati al golf. Comunque un ” in bocca al lupo” non si nega.

  2. Sono un ex-pallavolista e Montali non mi è mai piaciuto: è da sempre un brutto esempio di copia incolla di qualcuna altro (Velasco, Montezemolo e C.) … Da questo articolo ancora una volta emergono più dubbi che certezze: un es. “I numeri sono numeri e non sono soggettivi … ricavi STIMATI (?)”.
    159 mln di budget già coperti al 67% = 106,5 mln (ne mancano 53)- perchè chiedere garanzie per 97 mln ?
    I 100 tornei? Perchè non pubblicate l’elenco per vedere quanti ne sono già stati calendarizzati (mancano 4 anni alla manifestazione)?
    Perché non c’è ancora un sito ufficiale, merchandising, link a tutte queste belle cose raccontate (solo raccontate)?
    Ripeto in bocca al lupo, la cosa più dura sarà dimostrare che non sono solo parole e il sig. Montali non è affatto una garanzia.

    • Buongiorno Nicki, per l’ennesima volta: gran parte dei fondi di cui parla Montali sono “a garanzia”. I fondi per questioni molto più importanti come terremotati, scuole, lavoro sono “stanziati”. Il voto del golfista vale 1 come vale 1 qualsiasi altro voto, compreso il suo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *