Dustin Johnson is back: vince il Northern Trust al playoff

C’è voluta una buca di playoff ma alla fine Dustin Johnson ce l’ha fatta. Il numero uno del mondo ha ribaltato i pronostici dopo il terzo giro e ha vinto il Northern Trust. Spieth era partito con tre colpi di vantaggio ma davanti a un DJ così ispirato c’è stati poco da fare. Il numero uno  è quindi tornato al successo dopo cinque mesi imponendosi con 267 colpi (65 69 67 66, -13). Verrà ricompensato con un assegno da 1.575.000 dollari.

 Dustin Johnson

WESTBURY Dustin Johnson stringe la mano a Jordan Spieth dopo il putt alla buca 18 (Foto Afp)

Continua a leggere

Quanto guadagna un giocatore di golf? Rory McIlroy 50 mln in un anno. Ma i Paperoni dello sport sono altri: ecco la classifica

“Green delle mie brame, dimmi chi è il giocatore di golf più ricco del reame?”. Se credete alle favole restate pure in attesa della risposta. Se leggete questo blog sappiate che Forbes ha incoronato Rory McIlroy come il golfista che ha guadagnato di più nel 2016. Il nordirlandese si è messo in saccoccia circa 50 milioni di dollari. Come saprete, Rory non è reduce da dodici mesi ad altissimo livello. Eppure la vittoria in FedEx Cup gli ha “salvato il conto in banca”. Ricordiamo che in pratica Rory guadagnò 11,5 milioni di dollari in un solo weekend.

Quanto guadagna un giocatore di golf?

La classifica generale pubblicata da “Forbes”

Adesso alla domanda quanto guadagna un giocatore di golf? potete sostituire il punto interrogativo finale con un punto esclamativo.

Continua a leggere

Golf, Dustin Johnson cade in casa: addio all’Augusta Masters?

Niente Par 3  Contest e (forse) niente numero uno del golf all’Augusta Masters. La violenta pioggia ha impedito la tradizione passerella d’apertura. “E’ stata una decisione dettata da motivi di sicurezza. Ci scusiamo con il pubblico, ma non potevano fare altrimenti” ha spiegato Billy Payne, presidente di Augusta National. Ma la vera bomba arriva da Dustin Johnson che, infortunatosi in casa, è in dubbio per la gara delle gare.

golf

AUGUSTA Dustin Johnson parla col caddie Austin Johnson nel giro di prova poco prima dell’infortunio (foto Afp)

Continua a leggere

Dustin Johnson vince anche il WGC Dell Match Play: terzo titolo di fila

E adesso chi lo ferma più? Il numero uno al mondo sempre più… numero uno. Dustin Johnson ha vinto il WGC Dell Technologies Match Play, battendo 1 up la sorpresa Jon Rahm. Terzo Bill Haas che ha superato Hideto Tanihara (2/1). DJ è passato in vetta anche nella FedEx Cup.

Dustin Johnson

AUSTIN Dustin Johnson sul tee di partenza della buca 14 nell’ultimo giro del World Golf Championships-Dell Technologies Match Play (foto Afp)

Continua a leggere

Dustin Johnson vince anche in Messico | Rimonta per Francesco Molinari

Ci ha preso gusto Dustin Johnson: dopo aver dominato il Genesis Open, DJ ha vinto il WGC Mexico Championship, il primo dei quattro eventi del World Golf Championships. Johnson ha chiuso con 270 colpi (70 66 66 68, -14). A lui, sempre più primo nel World Ranking, vanno 1.660.000 dollari su un montepremi di 9.750.000.

Rimonta per Francesco Molinari (279 – 71 72 70 66, -5) capace di passare dal 38esimo al ventesimo posto finale.

 Dustin Johnson

CITTA’ DEL MESSICO Dustin Johnson sulla buca 18 nell’ultimo giro del World Golf Championships – Mexico Championship (foto Afp)

Continua a leggere

Dustin Johnson nuovo re del golf mondiale (e presto ancora papà)

Per Dustin Johnson quello appena trascorso è il miglior weekend della sua vita: ha vinto il Genesis Open sul PGA Tour, è diventato il numero uno al mondo per la prima volta in carriera e la compagna Paulina Gretzky ha annunciato di essere di nuovo in dolce attesa. Cosa può un uomo chiedere di più alla vita?

Pacific Palisades – Dustin Johnson e il piccolo Tatum col trofeo del  Genesis Open appena vinto al Riviera Country Club (foto Afp)

Continua a leggere

Francesco Molinari, di nuovo nei primi 50 e di nuovo al WGC-HSBC

Francesco Molinari, rientrato tra i primi 50 del world ranking, disputa il WGC-HSBC Champions (27-30 ottobre) allo Sheshan International GC a Shanghai in Cina, il quarto e ultimo torneo stagionale del WGC che il torinese ha vinto nel 2010. In campo 81 concorrenti tra i migliori del mondo e con otto dei primi dieci del ranking.

Il montepremi è di 9.500.000 dollari

molinari_chimenti_scaccini

MONZA  Molinari premiato all’Open d’Italia da Franco Chimenti (Foto Scaccini)

Continua a leggere

US Open, la prima volta di Dustin Johnson: “Mi sono concentrato solo sul gioco”

In molti se lo sentivano: Oakmont potrebbe essere la volta buona per DJ, la volta per lasciare un marchio indelebile nella storia di questo major. Così è stato: polverizzando tutti i favoriti della vigilia, Dustin Johnson ha vinto la 116ma edizione dell’US Open. Per il 31enne professionista dal 2007 è il primo major in carriera. DJ ha chiuso anche quest’anno a -4 (276) come l’anno scorso quando arrivò dietro a Spieth. “Mi sono concentrato esclusivamente sul mio gioco – ha detto al termine – senza pensare agli altri. Avevo per avversario solo il campo”.

Nel 2016 ha però sbaragliato tutti. Matteo Manassero ha finito 46esimo a +10.

OAKMONT, PA - JUNE 19: Dustin Johnson of the United States celebrates with partner Paulina Gretzky after winning the U.S. Open at Oakmont Country Club on June 19, 2016 in Oakmont, Pennsylvania. Andrew Redington/Getty Images/AFP

OAKMONT – Dustin Johnson festeggia la vittoria nello US Open con la compagna Paulina Gretzky (Foto Afp)

Continua a leggere

Us Open, tutte le foto del terzo giorno Quattro al comando, Molinari 19esimo

E’ un quartetto di tutto rispetto a guidare lo Us Open sulla partenza del quarto giro: a Chambers Bay in testa con 206 colpi (-4) ci sono Jordan Spieth (68 67 71), Dustin Johnson (65 71 70), Jason Day (68 70 68) e Branden Grace (69 67 70). Staccati J. B. Holmes, Louis Oosthuizen, Cameron Smith e Shane Lowry, quinti con 209 (-1). Molinari è 19esimo con 213 (68 73 72, +3) e ha guadagnato due posizioni nel 115° US Open. Ha perso terreno Patrick Reed, leader insieme a Spieth dopo due giri e ora al nono posto con 211 (+1), dopo un 76 (+6), affiancato dallo svedese Henrik Stenson. In recupero, peraltro tardivo, il sudafricano Charl Schwartzel, da 35° a 15° con 212 (+2), e  Rory McIlroy, da 44° a 25° con 214 (72 72 70, +4), che – grande favorito insieme a Spieth – si avvia comunque verso un risultato deludente. Continua a leggere