Golf Open d’Italia 2017: sul New York Times due pagine sull’Italia

Il “New York Times” celebra il golf italiano, dedicando due intere pagine della sua edizione internazionale agli Open d’Italia. Il torneo al via giovedì a Milano è definito “la punta di diamante della roadtorome”, il conto alla rovescia verso la Ryder Cup 2022.

Open d'Italia

Le due pagine della versione internazionale del New York Times

I riflettori sono ora puntati sul Parco di Monza dove – scrive il Nyt -, grazie anche alla politica dell’ingresso gratuito, si attende un nuovo bagno di folla. “Clima permettendo, gli spettatori saranno pronti ad applaudire campioni del calibro di Garcia, Willett, Kaymer, McDowell, Olazabal, Rahm e Bjorn”.

Open d’Italia e i protagonisti del golf azzurro

Di Francesco Molinari il Nyt ripercorre i magici momenti della vittoria dell’Open d’Italia dello scorso anno, primo italiano a centrare il bis quando il torneo è entrato nell’European Tour nel ’72. Quel successo lo ha reso beniamino incontrastato del pubblico di casa. Al numero uno azzurro il compito di guidare il manipolo italiano a Monza. “Siamo stati abituati ad avere da due a quattro pro sul Tour – dice Chicco al Nyt – ma sarebbe bello se diventassimo dieci o dodici. Potrebbe rendere il nostro sport più popolare in Italia. La gente, anche in tv, si appassiona se vede in campo un giocatore del tuo Paese”.

Non viene dimenticato, nello stesso articolo, il fratello Edoardo, pur penalizzato dai due interventi chirurgici a una mano. Del più giovane Manassero viene invece sottolineata, fra le altre cose, la maggior maturità dimostrata sul green. Alla base della crescita “un nuovo approccio allo sport, risultato di un giusto mix tra vita privata e lavoro”.

L’ITALIAN OPEN 2017 COMINCIA… DALLA PIAZZA DI MONZA

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SULL’OPEN 2017


SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI GOLFANDO... E ISCRIVITI AL GRUPPO

GIOCO A GOLF PERCHE’… – CLICCA E FINISCI LA FRASE

IMBUCATO, IL SELFIE DEL GOLF – CLICCA E INVIA IL TUO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *