Gian Paolo Montali: Ryder Cup 2022 senza spendere un euro pubblico e con Tiger Woods all’Open d’Italia

Una Ryder Cup “senza spendere un solo euro pubblico stanziato dal governo come garanzia statale” e Tiger Woods in campo in un Open d’Italia: sono due dei sogni nel cassetto di Gian Paolo Montali. Ai sogni lui ci crede e ci lavora, come spiega in un’intervista all’agenzia di stampa AnsaNelle intenzioni del direttore generale dell’intero progetto e di Federgolf, la Ryder Cup 2022 a Roma non dovrà essere solo un appuntamento sportivo. L’idea è farne un qualcosa di indimenticabile per l’Italia e per Roma. Una vetrina del nostro Paese.

Due anni fa a Parigi gli allora capitani Thomas Bjorn e Jim Furyk giocarono un simbolico tee shot dalla Torre Eiffel un anno prima dell’inizio della Ryder Cup 2018. Roma vuole fare meglio. “Porteremo i capitani di Team Usa e Team Europe prima al Colosseo e poi dal Papa” spiega il dg. Come cena per il one year before pensa alle Terme di Caracalla (a Parigi fu scelta la reggia di Versailles).

Regione, Comune e viabilità

Montali vorrebbe esaltare le bellezze di Roma, trasformando il terzo evento sportivo al mondo in qualcosa di cui andar fieri per sempre. Per questo è necessario superare la questione della viabilità nella Capitale.

Gian Paolo Montali

Lavori in corso al Marco Simone

“In questi anni abbiamo sempre fatto i conti con problematiche all’apparenza insuperabili. Devo dire grazie al lavoro di squadra con Regione e Comune: voglio ringraziare Zingaretti, Raggi e i rispettivi team. Stiamo lavorando in sinergia per essere all’altezza della situazione. Da otto mesi monitoriamo ogni via e incrocio che porta al Marco Simone. Tutto viene fatto in modo oggettivo”.

Fuori i nomi

Tra i desideri anche una gara tra i migliori chef stellati americani ed europei, magari capitanati da Gordon Ramsay a Chicco Cerea. Per la gara delle celebrities Montali vorrebbe sul green Del Piero, Pirlo e testimonial come Totti.

Gian Paolo Montali

OLGIATA Francesco Molinari con Andrea Pirlo e Simone Pepe alla vigilia degli Open d’Italia 2019 (foto Ansa)

“Sarebbe bellissimo avere anche Mario Draghi, appassionato golfista” spiega. 

Gian Paolo Montali e Tiger Woods

E poi lui, il giocatore più forte e carismatico dell’era moderna. Tiger Woods in Italia su un campo da golf non si è mai visto. Nel 2022 potrebbe essere addirittura lui il capitano del Team Usa: se così fosse per l’Italia sarebbe tutto più facile. Il capitano infatti è tenuto ad effettuare un sopralluogo sul campo di gara almeno un anno prima della Ryder Cup. Se Tiger venisse da giocatore sarebbe bellissimo. Gian Paolo Montali vorrebbe che si avverasse questa seconda ipotesi. 

(Photo by TOSHIFUMI KITAMURA / AFP)

Portare Big Cat costa tanto, tantissimo.Si parla di un “gettone” da quasi due milioni di dollari.

“Ci lavoro da anni – ammette il dg – e posso dire questo è un sogno che si può realizzare da svegli. Lui è il Michael Jordan del basket e il Maradona del calcio. Ha un cachet importante e stiamo lavorando con diverse aziende per verificare la fattibilità dell’operazione. Vorrei Woods anche per far capire all’Italia l’importanza di un fenomeno sportivo. Averlo all’Open sarebbe un’occasione unica”.

PER LEGGERE L’INTERVISTA INTEGRALE CLICCA QUA

Segui la pagina Facebook di Golfando… e iscriviti al gruppo.

La rubrica dei lettori: “Gioco a golf perché…”

3 risposte a “Gian Paolo Montali: Ryder Cup 2022 senza spendere un euro pubblico e con Tiger Woods all’Open d’Italia

  1. Tutto veramente bello .. potenzialità enormi.. io ci abito lì dentro e so di cosa si parla quando si prova ad immaginare la Ryder Cup in quei scenari .. ma ahimè .. quando torno a casa come in questi giorni di pioggia .. torno alla realtà ..a stessa via Marco Simone a 100 metri dall’entrata allagata piena di buche chiusa perché nn praticabile o peggio ancora buia e senza un marciapiede .. e mancano due anni.. mah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *