Il golf nella testa / 5 – Da ogni gara esci diverso da come sei entrato: hai l’oro nelle tue mani

di Sonja Caramagno – mental coach

Diciotto buche sono tante e lo sai bene. Se non fosse per la forte e smisurata passione per il gioco e il grado così elevato di soddisfazione personale che ti pervade, sfidare te stesso ogni santa volta sul campo di gara sarebbe un onere assai gravoso.

 Sonja Caramagno in azione con un allievo

Sonja Caramagno in azione con un allievo

E’ alla fine della gara poi, che raccogli tutti i cocci, come si dice a Roma. Conclusa la diciottesima buca, ti accompagna la consapevolezza che quelli saranno stati gli ultimi colpi della giornata. E, in particolare, l’ultimo colpo in assoluto ha il sapore del distacco da qualcosa o – capita a volte – di sana liberazione. Ecco è li, proprio in quel momento su cui voglio focalizzare l’attenzione: in quel preciso istante in cui raccogli la pallina dalla buca dell’ultimo green tu hai l’oro in mano.

E’ li che sento ogni giocatore sintetizzare tutta la gara con un “è andata bene”, “le prime nove sotto il par, le seconde nove un disastro!”, “dove avevo la testa oggi?”, “le ho imbucate tutte!”. E poi, che succede? Ti sei mai chiesto su cosa focalizzare la tua attenzione per raccogliere il massimo dall’esperienza appena vissuta? Sì perché la gara di golf è un’esperienza nel vero senso della parola. E ogni esperienza crea nuove consapevolezze, ma solo se portate alla luce e osservate.  

Ti chiedo pertanto: “Cosa hai sentito durante la gara, cosa hai provato? Quali sensazioni? Quali sentimenti?” Raccogli tutto ciò che hai sentito e osservalo dall’esterno, senza giudizio ma solo con una lente di ingrandimento. Alla fine fai una bella fotografia. “Così ti piace? Cambieresti qualcosa? Cosa in particolare?” Ora, riparti da quella fotografia alla tua prossima gara, e se vuoi cambiarne un pezzettino rimodella nella tua testa l’oggetto su cui intendi lavorare. “E’ il respiro? È la convinzione? È il coraggio?” Qualsiasi cosa sia, vedrai che con pazienza, osservazione e applicazione certosina, in breve tempo, potrai tenere in mano una fotografia nuova.

E poi alla fine ringrazia sempre il gioco del golf, l’Università della vita secondo il maestro dei coach Tim Gallwey. Il golf infatti lo è a tutto tondo. “Da ogni gara ne uscirai sempre cambiato rispetto a come ne sei entrato. Oro nelle tue mani”

 

PER CONTATTARE L’AUTRICE DEL POST:
Email: Sonja.caramagno@gmail.com
Skype: Sonja.caramagno

CHI E’ SONJA CARAMAGNO
Life, Business, Sport Coach e Trainer. Caramagno è un’associated Certified Coach secondo le linee ICF (International Coach Federation) e lavora sull’equilibrio delle dinamiche relazionali, sulla comunicazione interpersonale assertiva ed efficace. Studia lo sviluppo delle leve motivazionali delle persone in ambito sportivo con atleti, enti pubblici, aziende e privati. Segue come coach professionisti del Karate – FIJLKAM – e del Golf (Parco di Roma Golf Club e Olgiata Golf Club). Crede che l’ambiente sportivo sia il più idoneo per liberare le proprie energie e valorizzare le proprie potenzialità.

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM

NEWS DI GOLF IN BREVE: CLICCA, LEGGI E SEGNALA LA TUA

STORIE DI GOLF

LE BELLE DEL GOLF – GUARDA LE FOTO

LE LEZIONI DEL MAESTRO FERRUCCIO CROTTI

IL GOLF NELLA TESTA: PARLA LA MENTAL COACH SONJA CARAMAGNO

GIOCHI ANCHE TU? CLICCA E FINISCI LA FRASE: “GIOCO A GOLF PERCHE’…”

“GIOCO A GOLF PERCHE’…” – IL RACCONTO DEI LETTORI

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF

IMBUCATO SPECIALE – IL SELFIE DEI PRO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *