La potenza nel golf è tutto? USGA e R&A pronti a limitarla

Bombardiere in campo e anche fuori. A Rory McIlroy non piace per niente la proposta di arginare la potenza nel golf arrivata da R&A e USGA. “Stanno perdendo tempo e denaro” ha tuonato il nordirlandese, stroncando sul nascere l’iniziativa delle due autorità golfistiche mondiali. “Piuttosto dovrebbero concentrarsi su come rendere il golf uno sport alla portata di tutti”.

LA JOLLA Luke Donald (Foto di Miralle/Getty Images/AFP)

LA JOLLA Luke Donald (Foto di Miralle/Getty Images/AFP)

L’ex numero uno al mondo (adesso numero 6) ad oggi sul PGA Tour ha una distanza media dal tee seconda solo, guardacaso, a Bryson DeChambeau. L’europeo ha fatto volare la pallina a 321 yard (294 metri) in questa porzione di stagione di PGA Tour. Lo scienziato pazzo arriva invece a 329 yards (300 metri e poco più). Il primo ha però giocato quattro gare in più del secondo finora.

 

“Meno potenza nel golf, più tecnica”

Viste le premesse è forse comprensibile l’intenzione di USGA e R&A di introdurre accorgimenti per limitare i bombardieri. Il discorso non è nuovo: il Distance Insights Project aveva già fatto discutere quando fu lanciato, giusto un anno fa.

Le due scuole di pensiero sono conosciute: da una parte c’è chi predilige la tecnica in campo, dall’altra chi opta per i muscoli. Un golf tecnico è più piacevole (oserei dire romantico) con un professionista chiamato a saper giocare benissimo qualsiasi legno o ferro. Questo tipo di golf è più televisivo e comporta meno interventi sui percorsi di gara, diventati con gli anni sempre più corti in proporzione alla lunghezza dei colpi.

SAN DIEGO Rory McIlroy (foto Donald Miralle/Getty Images/AFP).

SAN DIEGO Rory McIlroy (foto Donald Miralle/Getty Images/AFP).

Si può fermare il progresso? Certo che no. E’ la contestazione mossa a una simile visione da chi è tutto muscoli e driver. I professionisti sono tali anche per aver lavorato duro in palestra, sviluppando muscoli su muscoli. L’industria delle attrezzature fa il resto: dalle palline ai bastoni c’è una gara a chi garantisce standard più elevati e tecnologici per aumentare la potenza nel golf.

 

Un driver per il pro, un altro per l’amateur

La verità sta nel mezzo? Non lo so personalmente. Di certo le due autorità del golf hanno scelto di salvaguardare la prima opzione. L’operazione è stata ribattezzata dai media bifurcation: i professionisti potrebbero giocare solo con un certo standard di attrezzatura (meno performante), gli amateur con un altro (in pratica liberi tutti o quasi).

United States Golf Association e R & A hanno annunciato di pensare a modifiche a bastoni e palline. In particolare si vorrebbe ridurre da 48 a 46 inches la lunghezza massima dello shaft  in mano a un professionista.  In base a regole locali sullo stesso percorso un pro potrebbe giocare con palline e bastoni “depotenziati”, uno di noi con qualsiasi driver e qualsiasi tipo di pallina (il documento originale è scritto qua).

“Le statistiche evidenziano che le distanze sono aumentate in modo costante nel tempo e se le lasciamo incontrollate potrebbero minacciare il futuro del nostro sport ad ogni livello”, ha detto Mike Davis, amministratore delegato USGA. “Il golf invece deve continuare a prosperare per i prossimi cento anni e oltre” prosegue.

 

Rory McIlroy: “Modifiche per lo 0,1% dei golfisti”

Non tutti i professionisti sembrano aver preso bene questo cammino intrapreso da tempo dai R&A e USGA. L’iniziativa congiunta non è affatto piaciuta infatti a Rory McIlroy che, senza fronzoli, ha detto la sua. “Sono miopi. Stanno cercando di cambiare qualcosa che riguarda lo 0,1% del golf. Il 99,9% dei golfisti gioca per divertirsi e non ha bisogno che qualcuno dica loro quali ferri o palline debbano usare”.

Molta cautela anche da Dustin Johnson, assoluto leader mondiale, in campo e fuori. Secondo lui non è il caso di controllare la potenza nel golf. “Se guardiamo i punteggi degli ultimi 15 anni sul Tour vedremo numeri non molto diversi. La differenza può farla la condizione del campo: lo score varia se giochi su un percorso morbido con green belli o se giri su uno veloce e non perfetto. Se le modifiche proposte entreranno in vigore ci adatteremo. Ma ora come ora non credo ci sia nulla da cambiare.”

Il diretto interessato, Bryson DeChambeau, non ha ancora commentato espressamente l’iniziativa.


Kamaiu Johnson e il golf, il Covid piega ma non spezza il suo sogno

 

Golfando sui social:
La pagina Facebook
– La community (iscriviti al gruppo)

Golf News 2021, i circoli italiani raccontano…

5 risposte a “La potenza nel golf è tutto? USGA e R&A pronti a limitarla

  1. ma non ho capito perchè non propongono di alleggerire le palline!!?? così da accorciare i colpi e allo stesso tempo rendere le palline meno pericolose!!! visti anche episodi di non molto tempo fa di gente colpita dalle palline!!

  2. Personalmente non apportare alcun tipo di variazione, le nuove generazioni di giocatori sono tutte molto “potenti” e si andrà verso un livellamento in tal senso.
    La differenza la farà sempre e comunque il gioco medio corto e prevarrà la tecnica com’è sempre stato.
    Buon golf a tutti

  3. “Piuttosto dovrebbero concentrarsi su come rendere il golf uno sport alla portata di tutti”. Sono pienamente d’accordo con McIlroy…Questo é il punto fondamentale di tutto il sistema, su cui bisognerebbe concentrarsi con tutte le proprie forze ed energie, poi viene il resto…eventualmente.

  4. Non ho letto tutto ma sono d’accordo con Mac Roy perché la tecnica vuol dire anche distanza non lo sapevate?. I 300 metri li faceva anche Niklaus e il golf non si può cambiare e quelli delle regole non capiscono niente è 40 anni che provano a limitare la distanza ma non c’è l’hanno mai fatta e non c’è la faranno mai è fisica mi riprovo di leggere il resto..

  5. Stanno cercando il modo di farci cambiare bastoni solo per farci spendere altri soldi….come fecero anni fa mettendo fuori legge certi drive.
    Spero gli eventuali cambi riguardino solo i professionisti…e non noi che facciamo le garette della domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *