Ryder Cup, arrivano 40 milioni di euro da Infront – Malagò: “In Italia pratiche di autolesionismo”

Due firme in due giorni per avvicinarsi alla Ryder Cup di Roma 2022. Dopo la fidejussione annunciata dal governo, la Federazione ha firmato l’intesa con Infront. Il gruppo di marketing sportivo verserà nelle casse federali 40 milioni di euro in 11 anni e una revenue sharing per la parte dei ricavi superiore al minimo garantito. La copertura si snoda in un arco temporale lunghissimo: da qui al 2028 il progetto Ryder Cup 2022 prevede 129 eventi complessivi sotto l’egida Infront. Si tratta di 11 Open d’Italia, 88 gare dell’Italian Pro Tour e trenta eventi del percorso Road to Roma 2022.

Ryder Cup

Luigi De Siervo (Infront), Franco Chimenti, Gianpaolo Montali

Chimenti, tirato un lunghissimo sospiro di sollievo per la fidejussione, gongola e guarda avanti. “Il futuro del golf italiano sarà radioso – ha detto al Foro Italico, al margine della firma -. Stiamo costruendo un ponte per il golf futuro che non avrà precedenti in Italia”.

Il presidente federale non nasconde la fatica fatta per arrivare alla certezza di organizzare a Roma la Ryder Cup, paragonandola “a un’arrampicata quasi impossibile”. Chimenti ha inoltre sottolineato che “il restyling del Marco Simone sarà a carico della famiglia Biagiotti. Non ci saranno stanziamenti di denaro pubblico”.

Ryder Cup, Malagò: chi oggi è contrario non conosce i numeri

Più da politico (quale in fondo è) l’intervento di Giovanni Malagò in merito alla telenovela  e alle polemiche. “Oggi il Paese fa una fatica enorme non a fare le cose impossibili ma per realizzare quelle che, di fatto, sono state già rese possibili. C’è una dinamica di autolesionismo e complicazioni spesso inaspettate e insospettabili“.

Lo sfogo prosegue: “Il governo è stato di parola. Ora c’è da rimboccarsi le maniche per costruire un grande evento per tutto lo sport. Chi oggi è contrario è perché non vuole riconoscere i numeri che lo accompagnano. Se poi nella vita non si crede ai numeri allora ditemi a cosa credere? I numeri non sono mai stati messi in discussione”.

Ryder Cup

Le golf car sono quasi pronte per la Ryder Cup 2022 a Roma

Ryder Cup, Montali: campi pubblici e campi pratica in zone dismesse

Evidentemente soddisfatto Gian Paolo Montali, ormai “uomo-macchina” del golf nazionale. “Vogliamo raggiungere obiettivi ambiziosi per lo sviluppo del golf con ricadute socio-culturali, sportive ed economiche. Daremo vita a molti eventi, fra i quali gli Open Days, per dimostrare che il golf è uno sport accessibile a tutti. Cercheremo di favorire iniziative finalizzate alla creazione di campi pubblici e campi pratica in zone dismesse. Puntiamo alla visibilità degli Open con i grandi campioni. Visibilità anche tramite l’Italian Pro Tour in tutta la nazione, da nord a sud. Il Progetto “Impegnati nel verde” continuerà a rafforzare il connubio indissolubile con l’ambiente. Ci sarà il supporto scientifico delle università per promuovere il messaggio che il golf fa bene alla salute e allunga la vita, come dimostrato da autorevoli studi medici.

Ryder Cup

Matteo Manassero all’Open d’Italia (Foto Scaccini)

Per i giovani, abbiamo già lanciato un project work in ambito universitario con gli studenti del Sole 24 Ore Business School. Relativamente al turismo golfistico, possiamo contare sul supporto dell’ENIT, che ha compreso pienamente la forza attrattiva del nostro sport”.

Ryder Cup e Infront, “attireremo brand internazionali”

In casa Infront si guarda già avanti. “La partnership – ha dichiarato Luigi De Siervo, a.d. di Infront Italy – rappresenta un cambio di passo importante per Infront, specialmente in Italia, Accordi di grande respiro temporale possono consentirci di lavorare con tranquillità. Così si potrà incidere in maniera significativa sulla trasformazione di questo sport, compreso l’ampliamento della base dei praticanti. I benefici saranno rilevanti anche nella capacità di attrarre brand internazionali di alto profilo e nella promozione del nostro Paese”.


SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

20 risposte a “Ryder Cup, arrivano 40 milioni di euro da Infront – Malagò: “In Italia pratiche di autolesionismo”

    • Gentile Lucilla, non si poteva “proporre subito così” per un motivo così ovvio che non vale nemmeno la pena scriverlo.

  1. Tutto bello tutto speciale, ma una simile somma sarà sicuramente saccheggiata per finanziare amici che a loro volta li useranno in modo improprio con opere scadenti che annulleranno completamente la portata dell’evento.

      • Buongiorno Sauro,
        mi perdoni, ma “con il processo alle intenzioni non si uscirà mai dal pantano” è cosa che può dire in qualsiasi altro Paese del mondo…QUI DA NOI è CERTEZZA!!!!
        Ha ragione Lei Antonio, “chi si scotta con l’acqua calda, teme anche la fredda!” e qui da noi ci hanno fatto altro che bagni!!!!!!

  2. 40ml in 11 anni??? manco tutti subito!!! sarà il solito magna magna.. per uscire dal pantano l’unico modo era dire di NO!!!
    Indagate su chi sono i proprietari o soci dei campi da golf dove si giocheranno i tornei.. indagare subito!!!! Andare ad Amatrice a chiedere della Ryder Cup. Vediamo che dicono..

    • Buongiorno, non c’è nulla da indagare: la proprietà del Marco Simone è nota. Lasciamo in pace chi ha perso tutto, non usateli per mera polemica politica e/o sentito dire.

      • Purtroppo Sauro tanta gente parla solo per andare contro, è la moda. La maggior parte dei criticoni una partita di golf non l’ha neanche mai vista, figurarsi poter capire cos’è la Ryder Cup.

        • Si parla per partito preso o per post letto. Purtroppo non solo sulla Ryder Cup ma ormai è così su qualsiasi argomento.

  3. Ma qualcuno ha la minima idea del significato del termine fideiussione? Pare proprio di no, vista l’aria che viene data alla bocca!

  4. PIUTTOSTO CHE DARE 40ML A STI MENTECATTI PER METTERE UNA PALLINA IN UNA BUCA COME SI FACEVA DA BAMBINI CON LE BIGLIE …ERA MEGLIO SPENDERLI PER LE CASE POPOLARI PER LA POVERA GENTE…QUESTI SONO SNOB CON UN CASSO DA FARE DALLA MATTINA ALLA SERA

      • Sebbene sia un’ amante del golf , devo ammettere che queste ” dotte segnalazioni” siano il frutto della mancanza quasi totale, di un’ adeguata divulgazione di questo sport meraviglioso.

  5. Domanda molto banale: come è stat scelta la Infront? Siamo sicuri che non servisse una gara pubblica per selezionarli? O che non ci fosse qualcuno disposto a offrire 50 milioni? Mi risulta che dopo il flop Tod’s-Colosseo sia stata emanata una normativa apposta per evitare il ripetersi di situazioni simili. E’ stata seguita? Scommettiamo che scoppierà un bello scandalo su questa cosa -quando boh, ma vedrete che è solo questione di tempo, siamo in Italia-? Dopotutto sto sponsor si tiene pure una fetta dei ricavi!

    • Risposta molto banale: siamo sicuri che non ci fosse qualcuno disposto ad offrire 20 mln? Seriamene io Non so se per l’advisor serva una gara pubblica, la risposta forse potrebbe arrivare dalla FIG stessa.

  6. non sono un golfista ma questa vicenda dimostra ancora una volta non solo la incapacità di governare del sindaco Raggi ma la sua incapacità solo di comprendere. il golf nel mondo lo praticano milioni di persone. solo in Italia è considerato sport per ricchi

    • O mi sono perso qualcosa o non capisco cosa c’azzecchi la Raggi con la vicenda Ryder. Al massimo altri suoi colleghi di partito hanno preso posizione contro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *