Emily Nash vince una gara giovanile Usa ma non viene premiata “perché è femmina”

Un brutto ritorno al passato quello andato in scena qualche giorno fa su un campo da golf statunitense. La studentessa 16enne Emily Nash ha vinto la gara giovanile Central Massachusetts Division 3 – Boys ma non è stata premiata perché… è una femmina. Avete letto bene: nel 2017, in quanto donna, Emily non può vincere a livello individuale una gara giovanile.

Emily Nash

Emily Nash

Continua a leggere

Quanto male fa una pallina da golf in fronte? Chiedilo a Jessica

La prossima volta che tu, giocatore di golf, dimentichi di urlare fore quando la tua pallina prende una direzione pericolosa pensa a Jessica Crabb. Ricordati di lei e condividi questo post sulle bacheche dei circoli e dei tuoi compagni di gioco. Perché chi non avvisa che la sua pallina da golf ha preso una traiettoria sbagliata e pericolosa può fare male. Molto male. Chi è Jessica Crabb? E’ una ragazzina statunitense colpita in piena fronte da una pallina da golf.

Pallina da golf in testa

Un tweet di Jessica qualche giorno dopo l’incidente

Continua a leggere

Golf e fumetti, chi sono “in carne e ossa” i personaggi di Adam Disastro

Conosciamo meglio i protagonisti della saga di “Adam Disastro” che conferma come vincente il binomio “golf e fumetti”. Si tratta di una dozzina di personaggi che hanno dato corpo ai personaggi pensati dal maestro Lucio Merlino e disegnati da Elisa Bellotti e Samanta Malanca. Ne abbiamo parlato qualche giorno fa raccontando le gesta in questo post

Golf e fumetti

Capucine

CAPUCINE – Greta Ray 
Greta è una modella e cantante 18enne che ha sempre adorato il mondo della moda e della musica, tanto che canta dall’età di quattro anni. La sua carriera è gestita dall’agenzia “Rymax” di Massimo Cenatiempo. Interpreta Capucine, l’archeologa nel terzo volume.
Continua a leggere

Regole del golf: un colpo di vento e una foglia secca costano una stagione a Matt Southgate

Giocare a golf non è per nulla semplice. Giocare diventa quasi impossibile se di mezzo spunta madre natura che mette lo zampino nelle regole del golf. Così chiudere una buca in par da pochi centimetri può diventare un’impresa. Oppure un incubo, come è accaduto a Matthew Southgate domenica scorsa sul Web.com Tour in Ohio.

Regole del golf

BEACHWOOD Matthew Southgate sul tee shot della buca 5 durante il primo giro DAP Championship in Ohio (Foto Afp)

Continua a leggere

“Abbiamo giocato la buca più lunga del mondo: 2.011 km in Mongolia, 20.094 colpi e 135 palline usate”

A GOLFANDO IL RACCONTO DI ADAM ROLSTON E RON RUTLAND CHE HANNO ATTRAVERSATO A PIEDI IL PAESE IN OTTANTA GIORNI. PER MANDELA E PER UN RECORD

 

 di Sauro Legramandi

Il giro della Mongolia in 80 giorni… per giocare la buca più lunga del mondo. Il romanzo di Jules Verne rivive nel 2017 con due nuovi protagonisti e una variazione sul tema. Gli eroi si chiamano Adam Rolston e Ron Rutland e non si possono non definire tali visto che hanno attraversato a piedi la Mongolia colpendo e seguendo una pallina da golf. Hanno giocato la buca più lunga del mondo, The longest hole. L’hanno chiusa domenica 17 settembre in 20.094 colpi dopo aver per 2.011 chilometri in ottanta giorni, appunto.

Buca più lunga del mondo

Dove finirà questa pallina?

Continua a leggere

Golf e fumetti: la saga di Adam Disastro tra elfi, Open Absolutum e social

di Sauro Legramandi

Anche il golf ha la sua saga. Una leggenda fatta di strisce colorate, personaggi buoni e personaggi cattivi e un grande prato verde a fare da location. La saga di golf e fumetti che prende il nome dal suo protagonista, “Adam Disastro”. La storia è pensata e scritta dal maestro di golf Lucio Merlino, illustrata da Elisa Bellotti e pubblicata da Bacchetta Edizioni. “Il golf è la mia vita – spiega Merlino a Golfando – ho passato 24 anni di lezioni al Golf Club Torino e sei ora al Garlenda. Mi piace anche scrivere e ho pensato alla scrittura come mezzo per conquistare nuovi appassionati”.

Golf e fumetti

Continua a leggere

A Jarrod Lyle diagnosticato un tumore: è la terza volta

Jarrod Lyle ha un tumore. Di nuovo. E’ la terza volta che al professionista australiano viene diagnosticata la leucemia. Per due volte l’ha sconfitta la leucemia e ora, a 35 anni, è lui a incoraggiare famiglia, amici e tutto il mondo del golf dal letto di ospedale. “Questa potrebbe essere la mia ultima foto con la testa piena di capelli ! #f**kcancer” ha scritto in un post su Facebook.

Jarrod Lyle

Jarrod Lyle poco prima della chemioterapia (Foto Facebook)

Continua a leggere

Golf e look, la Lpga contro scollature e leggins. Paige Spiranac e i social si mobilitano

di Sauro Legramandi – (@Sauro71)

Spesso il golf è una questione di centimetri. Ogni tanto di millimetri. Per qualche centimetro una pallina rotola maramalda in un bunker o in un ostacolo d’acqua, salutandoci per sempre. Capita anche che la stessa si fermi proprio sul bordo della buca, rifiutandosi di compiere quel mezzo giro decisivo. Da qualche giorno i centimetri che animano il dibattito social-golfistico misurano ben altro, riguardano golf e look. ossia la stoffa indossabile da una giocatrice di golf. La Lpga ha imposto un dress code “castigato” alle proette. Immediata la polemica online e non solo, guidata – guardacaso – da Paige Spiranac. Controcorrente Diana Luna che al nostro blog ammette: “E’ una buona idea, si stava superando il limite”.

Paige Spiranac (foto Instragram)

Paige Spiranac

Continua a leggere

Stefano Palmieri: io cieco ho capito con il golf che nessun handicap può fermarti

Una Storia di golf con la esse maiuscola quella di Stefano Palmieri. Una Storia che se accadesse in sport come il calcio o il basket sarebbe finita dritta in prima pagina. Stefano Palmieri è un 45enne toscano cieco dopo un incidente e fresco vincitore del British Blind Golf Open e dell’Irish Blind Open. Federgolf ha diffuso il racconto della sua vita.

Stefano Palmieri

Stefano Palmieri (Foto Federgolf)

Continua a leggere

Due hole-in-one di fila sulla stessa buca da due giocatori di golf? Fatto

Hole-in-one, il sogno più o meno segreto di ogni giocatore di golf. Imbucare al volo dal tee di partenza, marcare “uno” sullo score e far firmare la pallina appena raccolta dalla buca. A futura memoria. Chi ha ha avuto la fortuna e la bravura di metterne a segno una (o più di una) non se lo scorderà mai. Quante volte accade in una stagione di imbucare al volo? Quasi mai. E quante volte accade di vedere due hole-in-one sulla stessa buca nello stesso team? La risposta esatta non è “mai”.

Hole-in-one

Mark Mcleod e la foto postata su Twitter poco dopo la doppia hole-in-one

Continua a leggere