Francesco Molinari, dopo due anni tre top ten in quattro gare

Gara dopo gara Francesco Molinari sta tornando: domenica è arrivata la terza top ten stagionale. Al The Genesis Invitational ha vinto Max Homa alla seconda buca di playoff con Tony Finau (-12). Molinari ha finito in ottava posizione (-6), allungando la serie positiva di questi due mesi di PGA Tour.

HOUSTON – Francesco Molinari

In un colpo solo il piemontese è rientrato nei primi cento giocatori al mondo (oggi è il numero 85, prima era il 107). Quindi in FedEx è passato dal 94esimo al 76esimo posto. E’ inoltre tornato in lizza per un posto ai Giochi Olimpici ed è in 31esima posizione nella World Point List di Ryder Cup. Come se non bastasse, ha già incassato premi per 637mila dollari nel 2021.

Il torinese negli ultimi due tornei giocati (AT&T Pebble Beach Pro-Am e The Genesis) non ha potuto contare sul caddie Mark Fulcher perché positivo al Covid.

 

Francesco Molinari quasi da top 5

Chicco Molinari al Riviera Country Club di Los Angeles, circolo di cui è diventato membro, ha chiuso con un 67 finale caratterizzato da cinque birdie e un solo bogey alla 17 (maledetto, visto che l’ha escluso dalla top 5). Francesco ha eguagliato il miglior risultato stagionale già raggiunto a gennaio 2021 nel The American Express, a cui aveva fatto seguito il decimo posto al Farmers Insurance Open

Era dal 2019 (vittoria all’Arnold Palmer, terzo posto al WGC-Dell Technologies e quinto al Masters) che Molinari non realizzava tre top ten nelle ultime 4 gare giocate.

Il PGA Tour parla ancora americano – Intanto per la quarta settimana consecutiva un torneo PGA Tour è stato vinto da un giocatore americano. Dopo le affermazioni di Patrick Reed (Farmers Insurance), Brooks Koepka (Phoenix Open) e Daniel Berger (AT&T) ora è toccato a Homa.

La festa a Pacific Palisades è stata comunque tutta per Homa, che ha incassato un assegno di 1.674.000 dollari. Il 30enne di Burnank s’è costruito la vittoria nell’arco di tutte e quattro le giornate. E’ stato l’unico a far registrare sempre un punteggio sotto il par (66 70 70 66).

Con questa impresa Max è salito al decimo posto della FedEx Cup e al 38esimo del World Ranking (era 91esimo alla vigilia). Per Homa si tratta del secondo successo (in 110 partenze) dopo il primo arrivato nel maggio 2019 al Wells Fargo Championship.


Madelene Sagstrom: “Violentata a 7 anni, ho taciuto fino ai 23”

GOLFANDO SUI SOCIAL:
La pagina Facebook
– La community (iscriviti al gruppo)

Pebble Beach, il campo dei sogni di ogni giocatore di golf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *