Phil Mickelson fuori dalla Top 50 dopo 25 anni: “Ma non sono finito”

Lunedì amarissimo per una leggenda del golf mondiale: da oggi Phil Mickelson non è più tra i primi 50 giocatori al mondo. Nella vita e nel golf c’è ovviamente sempre molto di peggio ma per Lefty si tratta di una gran botta morale. Lui nei primi 50 al mondo c’è stato per 25 anni di fila.

Phil Mickelson

LAS VEGAS Phil Mickelson nel primo giro del Shriners Hospitals for Children Open (foto Tom Pennington/Getty Images/AFP).

Quel numero, il 50, deve essere una specie di incubo per Mickelson: Phil infatti compirà 50 anni il prossimo 16 giugno e oggi “quota 50” diventa il suo obiettivo più immediato.

Tra i primi al mondo Phil Mickelson c’è stato per 1.353 settimane consecutive, ossia da quel 28 novembre 1993 quando si piazzò secondo alle spalle di Tom Lehman al Casio World Open.

Phil Mickelson non finisce qua

Il diretto interessato non si nasconde e non cerca alibi. “Negli ultimi 6-8 mesi – ha detto Mickelson – ho perso di vista gli obiettivi. Non ho giocato bene e questo è il risultato”. Lo statunitense non ha alcuna intenzione di mollare. Anzi, intende rialzarsi il prima possibile. “Ho ancora la possibilità – spiega – di dimostrare qualcosa di buono”. A 50 anni Lefty dovrà quindi riscoprire il fascino della rincorsa.

Phil Mickelson

DUBLIN, OHIO Phil Mickelson al Memorial Tournament 2016 (foto di Sam Greenwood/Getty Images/AFP).

In carriera il 49enne ha vinto di tutto e di più: tre Masters, un Pga Championship, un Open, più di quaranta titoli solo sul PGA Tour e dieci su quello europeo. E’ al secondo posto nella money list sul circuito americano dietro solo a Tiger Woods). In quella europea è più lontano.

Koepka ancora numero uno ma durerà?

Ma c’è un’altra rincorsa che affascina il mondo del golf: quella per il primo posto.

ATLANTA Brooks Koepka e Rory McIlroy al TOUR Championship 2019 (foto di Streeter Lecka/Getty Images/AFP).

ATLANTA Brooks Koepka e Rory McIlroy al TOUR Championship 2019 (foto di Streeter Lecka/Getty Images/AFP).

Il titolo del più forte al mondo per ora è sui bicipiti di Brooks Koepka dall’alto dei suoi 11.4673 punti. L’americano, fermo per un problema al ginocchio, deve guardarsi molto attentamente le spalle da Rory McIlroy. Dopo il successo di Shangai, il 30enne nordirlandese è salito a 10.3837 punti e vede Koepka.

Nella Top 10 passo in avanti di Patrick Cantlay, che approfitta dello stop di Tiger Woods (ora settimo con 7.0980) per scavalcarlo in sesta posizione (7.1339).

Ancora un passo indietro per Francesco Molinari, dodicesimo con 5.2894. L’azzurro ha perso l’undicesima piazza, superato da Webb Simpson (5.2894).

Segui la pagina Facebook di Golfando… e iscriviti al gruppo

Phil Mickelson batte Tiger Woods alla 22esima buca | “The Match” non convince

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *