Rocco Forte Sicilian Open, il Verdura Resort vetrina del golf internazionale

Lo European Tour farà tappa in Italia per due volte in un meno di un mese. Primo appuntamento al Verdura Resort di Sciacca (Agrigento) per il Rocco Forte Sicilian Open (10-13 maggio). Il secondo sarà all’ Open d’Italia (31 maggio – 3 giugno, in terra bresciana).

SCIACCA Alvaro Quiros, defending champion, sul tee della 7 nel giro finale del Rocco Forte Sicilian Open 20107 (foto Afp).

SCIACCA Alvaro Quiros, oggi defending champion, sul tee della 7 nel giro finale del Rocco Forte Sicilian Open 2017 (foto Afp).

La doppia vetrina internazionale contribuirà ad accrescere l’appeal turistico italiano, mettendo in risalto le sue bellezze paesaggistiche e naturalistiche da sud a nord.

In Sicilia confermata la presenza del defending champion, lo spagnolo Alvaro Quiros, degli inglesi Andy Sullivan ed Eddie Pepperell e del capitano di Ryder Cup Thomas Bjorn.

Tanti i giocatori in grado di lottare per il titolo. Alcuni di loro hanno un particolare feeling con l’Italia come il francese Raphael Jacquelin e il danese Thorbjorn Olesen, entrambi vincitori del Sicilian Open (2011 e 2012). Oppure l’estroso inglese Robert Rock, a segno di un Open d’Italia (2011). Al via anche il sudafricano Haydn Porteous, che da giovanissimo firmò al GC Biella gli Internazionali d’Italia Under 16 (2008).

Riflettori accesi anche sugli inglesi Andy Sullivan (protagonista dell’ultima Ryder Cup) ed Eddie Pepperell, a segno in questa stagione nel Commercial Bank Qatar Masters. Chance di vittoria anche per gli statunitensi Julien Suri e Chase Koepka, fratello di Brooks attuale numero nove al mondo. Occhi puntati sull’astro nascente, l’indiano S.S.P. Chawrasia.

Sei gli azzurri in cerca di risultato

Rocco Forte Sicilian Open con Dodo Molinari (Foto di Ornella Parigi)

Dodo Molinari (Foto di Ornella Parigi)

Le speranze azzurre al Rocco Forte Sicilian Open saranno affidate a Edoardo Molinari, Matteo Manassero, Renato Paratore, Nino Bertasio, Andrea Pavan e Lorenzo Gagli.

Il più in forma è sicuramente Pavan, reduce da un gratificante terzo posto nel Trophée Hassan II, dopo quattro piazzamenti tra i top 21 nelle precedenti cinque uscite. Gli altri sono stati un po’ alterni, ma ognuno ha offerto prestazioni importanti in questo inizio di stagione e in particolare Lorenzo Gagli ha colto il primo titolo in carriera nel Kenya Open, in un’escursione sul Challenge Tour.

Formula di gara

Il Rocco Forte Sicilian Open si svilupperà su quattro giri da 18 buche. Dopo i primi due, il taglio lascerà in gara i primi 65 classificati, i pari merito al 65esimo posto e i dilettanti entro il punteggio di qualifica. Il montepremi è di un milione di euro con prima moneta di 166.660 euro. L’ingresso del pubblico sarà gratuito.

Il percorso del Rocco Forte Sicilian Open

Rocco Forte Open con lo svedese Sebastian Soderberg

SCIACCA Lo svedese Sebastian Soderberg nell’edizione 2017 (© Golffile | Fran Caffrey).

Il Verdura Resort, struttura Rocco Forte Hotel nominata “European Tour Destination”, conta su due percorsi da campionato e di uno di 9 buche, disegnati dall’architetto californiano Kyle Phillips in piena armonia con la natura.

Molto suggestive e impegnative le buche che scorrono lungo il mare dove il vento può fare la differenza. Si giocherà su un tracciato misto (metri 6.600, par 71) tratto dai percorsi East e West. Il resort si estende su due chilometri di costa, offrendo da ogni buca vedute fantastiche del Mar Mediterraneo.

 

Segui la pagina Facebook di Golfando… e iscriviti al gruppo.

I post del maestro di golf Ferruccio Crotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *