Andrea Romano via col vento: vince gli Internazionali d’Italia

Col vento in poppa, Andrea Romano (GC CastelGandolfo) vince i Campionati Internazionali d’Italia per un colpo davanti a Giacomo Manfredi. ““Non mi aspettavo un -2 sullo score finale – ha detto il diciottenne all’Acaya – ho messo alcuni putt importanti che mi hanno dato la carica”. A Donnafugata, tra le donne, ha vinto l’austriaca Emma Spitz davanti ad Alessandra Fanali. All’Italia le due Nations Cup.

Andrea Romano

ACAYA – Andrea Romano dopo la vittoria ai Campionati Internazionali d’Italia

All’Acaya è stato dunque un gran duello azzurro fino alle ultime battute con Andrea Romano, partito dal quarto posto, capace di imporsi 280 colpi (69 70 72 69, -4), recuperando i cinque di ritardo che aveva da Gianmarco Manfredi, (leader dopo tre turni) e poi superandolo. A completare la terza piazza di Stefano Ciapparelli (284, par) insieme all’inglese Jake Bolton. Quindi decimo Dylan De Prosperis (286, +2). In buona classifica anche Jacopo Albertoni, 12esimo con 288 (+4) e Riccardo Leo, 16esimo con 289 (+5).

Le parole di Andrea Romano

“Sabato mattina – ha detto il vincitore – pensavamo che non si giocasse per il vento. Io ero molto convinto, avevo una voglia di scendere in campo come mai mi era capitato in condizioni simili. Credevo che con il vento cinque colpi di ritardo fossero recuperabili. Poi non avrei potuto esprimermi meglio anche se non non mi aspettavo un -2. Si è deciso tutto all’ultima buca quando io ho recuperato dopo essere finito fuori pista e Manfredi ha sbagliato da quattro metri per il playoff. Ho avuto un ottimo feeling con il putter a differenza dei giorni precedenti. Ho messo a segno alcuni putt importanti che mi hanno dato la carica giusta”.

Romano, 18 anni a giugno prossimo e portacolori del Country Club Castelgandolfo, gioca sin da bambino pur non avendo in famiglia parenti golfisti. Ha ottenuto la seconda vittoria stagionale italiana all’estero dopo quella di Stefano Mazzoli negli Stati Uniti (Wexford Plantation Intercollegiate). Fa parte della squadra azzurra (bronzo agli Europei Boys 2017) e tra i suoi successi spicca quello nel prestigioso English Boys’ Under 18 Open Amateur/Carris Trophy (2017).

A Donnafugata otto italiane tra le top 11

Emma Spitz Romano

DONNAFUGATA – Emma Spitz (foto Federgolf)

Le giocatrici azzurre hanno tenuto banco nel torneo femminile a Donnafugata anche se il successo è andato ad Emma Spitz (280 – 69 74 74 71, par). L’austriaca, dopo aver raggiunto nel finale Alessandra Fanali (288 – 70 72 75 71), l’ha poi superata con un par alla prima buca di spareggio. Al terzo posto con 292 (+4) Clara Manzalini e al quarto con 293 (+5) Alessia Nobilio. Al quinto con 294 (+6) la danese Karen Fredgaard e l’olandese Zhen Bontan, leader dopo 54 buche, quindi Caterina Don e Virginia Bossi (295, +7), Federica Torre (297, +9), Amber Lee Svendsen (298, +10) ed Emilie Alba Paltrinieri (299, +11).

Le parole di Alessandra Fanali

“Ci ho creduto fino all’ultimo colpo – ha scritto su Instagram Fanali, tesserata per il “Marco Simone” – e pensavo che fosse finalmente arrivato il momento buono. Purtroppo non è stato così, ma sono felice per la grande settimana e per il gioco che continua a consolidarsi e a migliorare”.

Azzurri i due Nations Trophy

Romano

DONNAFUGATA – Italia 1 (Clara Manzalini, Alessia Nobilio,Alessandra Fanali)

 

Doppio successo italiano nel Nations Trophy. Nel torneo maschile si è imposta Italia 2 (Gianmarco Manfredi, Riccardo Bregoli, Julien Paltrinieri) con 418 (139 135 144, -8) colpi davanti a Italia 1 (Giacomo Fortini, Andrea Romano, Giovanni Manzoni) con 423 (-3). In quello femminile ha dominato Italia 1 (Alessandra Fanali, Clara Manzalini, Alessia Nobilio) con 426 (145 140 141, -6) e largo margine su Danimarca e Austria (440, +8). Quarta con 445 (+13) Italia 2 (Letizia Bagnoli, Caterina Don, Emilie Alba Paltrinieri).


SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI GOLFANDO... E ISCRIVITI AL GRUPPO


Andrea Romano e Caterina Don, l’intervista doppia – Oggi campioni italiani ragazzi, domani golf e studio negli Usa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *