Olivera Cejovic, quando il golf si fa arte… nel vero senso della parola

di Sauro Legramandi – @Sauro71

Per qualcuno il golf è lo sport più bello del mondo. Per qualcun altro un hobby da ricchi e snob. Per qualcun altro ancora – e per fortuna –  il golf si fa arte. Una forma d’arte così alta e raffinata da nascere in Montenegro, un Paese dove non esiste nemmeno un campo a 18 buche. Ma con un talento naturale, un tratto di matita e la Rete non esistono ostacoli che tengano: l’esempio si chiama Olivera Cejovic, 41enne che, dopo l’Accademia, un figlio e quindici anni nella sua agenzia pubblicitaria, ha scoperto il meraviglioso mondo del golf.

Senza praticamente aver mai giocato su un vero campo in tutta la sua vita, Olivera realizza opere d’arte di altissima qualità: quadri, libri di illustrazioni e riproduzioni di grandi giocatori del passato e del presente. Grazie a Internet e ai social network, la sua GolfArt viene venduta in tutto il mondo, compresi gli stessi professionisti che lei raffigura.

Seve-Ballesteros

Seve Ballesteros secondo Olivera Cejovic- Per la fotogallery completa clicca sulla foto

“Credo che molti giocatori di qualsiasi livello lo sappiano – attacca Olivera a GolfandoIl golf è più di uno sport, è molto simile alla vita ma la cosa che mi ha colpito da subito sono i suoi valori. Onestà, integrità ed educazione: sono gli aspetti da imitare e promuovere”.

La domanda sorge spontanea: lei gioca a golf?
“No. In Montenegro non abbiamo nemmeno un campo e io non ho mai visto dal vivo un 18 buche. La prima volta che ho giocato su un campo decente è stata l’estate scorsa in vacanza all’estero, un nove buche. Nonostante questo io adoro questo sport: con mio marito e alcuni amici giochiamo sui prati vicino casa mia. Ci piace da matti. Qualcuno dice che il nostro è un ritorno alle origini del golf ma speriamo in futuro che il Montenegro si allinei col resto del mondo, costruendo uno o più campi. Mio figlio Andrija e gli altri ragazzi del nostro Paese meritano di provare a giocare. Comunque, dicono che il gioco corto sia il mio forte. Ma devo allenarmi di più…”

Anna-Nordqvist

Anna Nordqvist secondo Olivera Cejovic – Per la fotogallery completa clicca sulla foto

E proprio di ritorno da una giornata alle origini del golf, il marito le disse di voler dipingere qualcosa legato a questo sport, un qualcosa da appendere nel loro appartamento. A prendere la matita in mano fu invece Olivera: “Ne dipinsi uno, poi un altro, poi un altro ancora. Alla fine eravamo circondati da quelle illustrazioni”. Chi le ha viste le ha volute. Chi non le ha viste di persona le ha scoperte e condivise tramite i social network. Il passaparola ha avuto effetti insperati e oggi GolfArt è conosciuta praticamente in tutto il mondo.

Dalle illustrazioni a GolfArtBook il passo è stato breve ma faticoso: il volume raffigura leggende e protagonisti attuali di questo sport. “Ci sono voluti due anni di impegno – spiega Olivera – ma dopo settimane di dieci ore di lavoro il risultato è stato davvero eccezionale. Per quel libro devo ringraziare Peter Dawson, la R&A, Angela Howe, Getty Images e molti altri”.

Quanto tempo dedica a un singolo disegno?
“Non ci sono standard, lavoro a più illustrazioni in contemporanea. In media per ognuna servono almeno dieci giorni: qualche volta ce la faccio in una settimana, qualcun’altra in un mese. L’idea e l’estro non vengono a comando”.

Luke-Donald

Luke Donald secondo Olivera Cejovic – Per la gallery completa clicca sulla foto

E nell’epoca del tutto-è-online e tutto-è-free Olivera Cejovic lavora con una serie di fotografi professionisti che le girano le foto dai campi. Poi lei cerca e contatta i giocatori immortalati per chiedere loro il permesso di riprodurli. Senza l’ok del diretto interessato niente illustrazione. “Italiani? Manassero, i due Molinari e altri meriterebbero di comparire nelle nostre riproduzioni. Spero che qualche fotografo italiano legga e si metta in contatto con me”.

Olivera Cejovic

Olivera Cejovic

Il disegno più apprezzato?
“Molti. Quello che a me piace di più è sicuramente Seve Ballesteros. Non credo ci sia molto da spiegare: era magico, carismatico e affascinante. Poi ammiro Gary Player, Greg Norman e molti altri. Il mio GolfArtBook è sulle mensole delle librerie di alcune leggende del golf mentre i disegni di GolfArt sono sulle pareti di casa di giocatori famosi. Molti mi hanno contattata personalmente per comprare il libro ma per questione di riservatezza non posso fare nomi. Da un mio punto di vista venire apprezzata da un professionista o da un amateur cambia poco.”

E il business è naturalmente in Rete: tramite una società inglese è stato lanciato sul mercato l'”Olivera Golfart Online Shop” per vendere le sue opere d’arte.

Quanto manca a Natale?

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *