Ladies Italian Open 2, Lucie Malchirand leader ma dietro c’è il caos

Italian Ladies Open

Lucie Malchirand (Foto Tristan Jones/LET)

Sarà una domenica tutta da vivere collegati all’app per seguire colpo dopo colpo il terzo e ultimo giro del Ladies Italian Open. A Margara mancano 18 buche alla conclusione ma la gara non ha ancora una padrona. Un birdie all’ultima buca ha confermato leader solitaria Lucie Malchirand. Con un totale di 137 colpi (-7) la 18enne dilettante di Carnoux-en-Provence ha un solo colpo di vantaggio sull’inglese Gabriella Cowley.

La miglior azzurra è sempre un amateur. Se Alessia Nobilio aveva primeggiato nel round d’esordio, ora occhi puntati su Carolina Melgrati. La 18enne di Monza è risalita dalla 16esima alla quinta posizione con uno score di 140 (71 69, -4) ed è ora a tre colpi dalla vetta. Nella top 10 anche Roberta Liti, settima (-3). 15esima Giulia Molinaro (-2) .

E’ invece scivolata in 42esima posizione Alessia Nobilio (+2). Alla fase finale del torneo l’Italgolf vanterà entrambe le dilettanti portate in gara, Melgrati e Nobilio. Aver condotto due amateur a passare il taglio resta un grande risultato  per l’eccellente staff tecnico della FIG.

Carolina Melgrati: “L’inizio non è stato facile”

Partita dalla buca 10 la Melgrati ha chiuso le prime nove con due birdie e altrettanti bogey. Poi la lombarda ha messo il turbo (altri quattro birdie). Grandi rimpianti e un po’ di rammarico per un bogey alla 9 dopo un putt ravvicinato sbagliato. Ma la consapevolezza e la felicità di essere lì, ai piani alti della classifica, in corsa per l’impresa. Un traguardo forse impensabile alla vigilia per un talento che vanta quattro titoli italiani.

Ladies italian open

Carolina Melgrati

“Sono certamente soddisfatta anche se all’inizio non è stato facile. Rispetto al primo round i green erano molto più duri e ho fatto un po’ di fatica. Poi . ha detto Melgrati – nelle seconde nove, ho preso fiducia realizzando quattro birdie anche grazie al mio caddie Enrico Trentin. Un coach fantastico. Peccato per quell’errore nel finale ma sono a tre colpi dalla leader e darò il massimo per inseguire l’impresa”. 

 

Roberta Liti

Evidente soddisfazione per la Liti. “Sono contenta, ho giocato bene dopo un inizio non fantastico e i tre birdie nelle ultime sei buche sono stati certamente importanti- dice la 25enne di Colle di Val d’Elsa (Siena) che gioca principalmente sul Symetra Tour – anche in vista dell’ultimo round.

Sto tirando buoni colpi dal tee, concedendomi inoltre molte opportunità da birdie e questo è certamente positivo. Il merito è anche di Alessio Bruschi, mio caddie qui al Ladies Italian Open. La sua esperienza è preziosa e ora nel terzo giro darò il massimo. E’ bellissimo essere qui nel mio Paese e nel torneo di casa. ‘Il futuro?’. Mi auguro e spero sia sul LPGA Tour”. 

 

Le altre azzurre

Sono uscite al taglio, 76esime (+7), Lucrezia Colombotto Rosso (76 75) e Virginia Elena Carta (77 74). Out anche Giulia Sergas (76 77) e Stefania Croce (80 73), entrambe 98esime (+9). 

 

Il leaderboard

A Fubine Monferrato chances di successo anche per la spagnola Maria Hernandez e la sudafricana Lejan Lewthwaite, terze (-5). Al fianco della Melgrati, c’è anche l’indiana Tvesa Malik. Stesso score della Liti per altre sette proette: Stephanie Kyriacou, Sarah Schober, Sanna Nuutinen, Chloe Williams, Tonje Daffinrud, Olivia Cowan e Eleanor Givens (in testa dopo 18 buche con la Malchirand). Sono almeno 14 le giocatrici che in Piemonte si contenderanno lo scettro. Uscita al taglio l’inglese Florentyna Parker, campionessa uscente (+6).

 

L’Open femminile di golf: speriamo sia la regola, non l’eccezione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.