Health First vince su America First: ok al rinvio della Ryder Cup 2020

Team Europe e Team Usa uniti nell’approvare il rinvio di un anno della Ryder Cup 2020. Health first meglio di America first per parafrasare il motto del presidente Trump.

Da Jon Rahm a Sergio Garcia, da Justin Rose a Patrick Reed, la voce è praticamente unanime: giusto rinviare al 2021 la Ryder Cup 2020 del Wisconsin.

“L’ho detto da subito. Non c’è Ryder Cup senza pubblico sugli spalti. Quindi non sono affatto deluso della decisione presa”. Lo spagnolo Rahm, numero due del golf mondiale in campo in Ohio per superare il leader Rory McIlroy (assente al Workday Charity Open) , non ha dubbi. “E’ stata la scelta migliore”. “Delusione e comprensione” da parte di Garcia, recordman per punti realizzati (25,5) nella storia della Ryder Cup. “E’ una scelta – sottolinea – da rispettare”.

Patrick Reed impegnato nella Ryder Cup 2016

“La salute e la sicurezza di tutti vengono al primo posto”. Questo invece il pensiero dello statunitense Patrick Reed. “Giocare senza fan – ha aggiunto ‘Captain America’ – o con una percentuale limitata di spettatori, non avrebbe avuto senso”.

“Non ero contrario a giocare senza supporter, ma la Ryder Cup è il pubblico. Giusto quindi fare le cose nel modo giusto e rinviare di un anno l’appuntamento del Wisconsin”. Il britannico Justin Rose spiega così il suo punto di vista. Un mix di amarezza e consapevolezza tra i protagonisti del golf mondiale. 

Solheim e Ryder Cup 2021 insieme

Intanto lo slittamento di un anno ha causato una congestione del calendario golfistico internazionale. Il 2021 sarà un anno super per il golf. Dal 4 al 6 settembre all’Inverness GC di Toledo (Ohio) si giocherà la Solheim Cup, l’equivalente femminile della Ryder Tre settimane più tardi (24-26), al Whistling Straits  di Kohler (Wisconsin), andrà invece in scena la Ryder Cup.

Le Golf National Course 2018.

Le regine e i big del golf europeo e statunitense si affronteranno in un doppio appuntamento show. “Perché la Solheim Cup non verrà rinviata al 2022? – spiega Mike Whan, commissioner del LPGA Tour –  Perché l’evento al femminile era già e rimarrà in calendario al 2021 che si preannuncia un anno incredibile per il golf”.

Nella Solheim Cup come nella Ryder il Team Europe è campione in carica.

Ryder Cup Roma 2023, Chimenti: noi siamo pronti, non cambia nulla

 

Ryder Cup 2020 di golf rinviata di un anno: Roma va al 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *