Voci dall’Open d’Italia di golf: Paratore sogna Tokyo, Molinari il triplete, Rose cita Manassero…

E’ tempo di presentazioni e dichiarazioni d’intenti nel media center dell’Olgiata alla vigilia del primo tee shot dell’Open d’Italia di golf.

Renato Paratore: “Sogno Tokyo e il mio pubblico”

Più che profeta in patria Renato Paratore sogna di essere profeta a casa sua. Il giovane romano all’Olgiata ci è proprio cresciuto e non vede l’ora di scendere in campo davanti al suo pubblico. “Giocare l’Open d’Italia in casa – ha detto in conferenza stampa – sarà emozionante. Credo di essere in forma e di avere possibilità per fare bene. L’obiettivo è quello di migliorare giorno dopo giorno. E’ vero, sogno Tokyo e le Olimpiadi ma bisogna ragionare step by step”.

 

Andrea Pavan: “Il campo è selettivo”

“Ho giocato molto con buoni risultati negli ultimi tempi. Sto lavorando bene con il mio allenatore con continue rifiniture necessarie per alzare i livelli di rendimento. Mi sento preparato fisicamente e mentalmente. Il campo è piuttosto selettivo e bisogna soprattutto essere precisi dal tee e con i ferri lunghi. I Giochi restano uno dei miei obiettivi ma il cammino è ancora lungo. In ogni caso per giungere alla meta sarà necessario in primo luogo giocare bene”.

 

Guido Migliozzi: “Ho iniziato bene, poi…”

“E’ sempre bello disputare l’open della tua nazione. Lo giocherò come faccio sempre affrontando torneo per torneo, senza pensare al passato e a quanto hai fatto, ma ripartendo da zero, con la stessa grinta e determinazione. Quest’anno ho iniziato bene la stagione, poi ho dovuto apportare qualche piccolo cambiamento e c’è stata alternanza di rendimento. Nel corso di un’annata è normale, ma è importante cercare di tenere il gioco sempre sotto controllo lavorando sia dal punto di vista tecnico che mentale”.

 

Rose elogia Manassero e “i ragazzi italiani”

Open d’Italia di golf

E’ il turno di Justin Rose.

Justin Rose torna in Italia dopo tantissimi anni e non risparmia belle parole per il golf di casa nostra. “Francesco Molinari è un grande amico: sono rimasto colpito dalla sua applicazione negli ultimi anni e da come è cambiato, arrivando a vincere l’Open Championship. L’Italia deve essere fiera di avere un giocatore come lui. Poi ci sono gli altri ragazzi: Manassero è in circolazione da alcuni anni. Renato Paratore è un grande talento. Guido Migliozzi ha vinto un paio di volta. E’ davvero bello vedere che al golf arrivino anche i più giovani”.

 

Francesco Molinari: “Spero di partire subito forte”


Dal sogno olimpico riparte anche Francesco Molinari. Il torinese conferma di puntare al Giappone ma prima ha in mente qualcos’altro. “Diventare il primo italiano a vincere tre edizioni dell’Open d’Italia di golf è uno dei miei grandi obiettivi. Spero di riuscirci già questa settimana. A Tokyo 2020 sogno una medaglia, ma il prossimo anno voglio recitare un ruolo da protagonista anche alla Ryder Cup americana”. Carico come non mai, Molinari spiega di arrivare a questo appuntamento “fisicamente e mentalmente preparato. Il trend degli ultimi tornei è positivo. Spero di partire forte subito per iniziare al meglio la settimana. Bello vedere qui giocatori di livello mondiale. Giocare a Roma, in vista della Ryder 2022, è emozionante”.

Open d’Italia di golf

Francesco Molinari alla vigilia degli Open d’Italia di golf (Foto Ansa).

Come ribadito in questa intervista, Francesco ha vissuto un 2019 completamente diverso, con addosso gli occhi di tutti. “Sono un privilegiato e questo fa parte del mio lavoro. Certo nel 2019 ho avuto meno tempo per prepararmi al meglio ma per il 2020 sto cercando di perfezionare il tutto. Mi attendono appuntamenti importanti, tra questi anche Tokyo dove punto a una medaglia.”

 

Shane Lowry: “Punto alla Race to Dubai”

Open d’Italia di golf

Shane Lowry in conferenza stampa

Il vincitore dell”Open Championship ha nel mirino una gara precisa. “Sono venuto a Roma all’Open d’Italia di golf per prendere un po’ di punti in vista della prossima Ryder Cup e poi per la Race to Dubai. Voglio tentare di vincerla. Ogni gara rappresenta una continua sfida con me stesso, punto a mantenere quanto fatto tutto quest’anno. La Race to Dubai sarebbe il coronamento di un anno incredibile. Roma? Mai vista prima d’ora ma in Italia siamo venuti in viaggio di nozze. Mi piace: buon cibo, bella gente… Spero di fare una passeggiata in città”.

Segui la pagina Facebook di Golfando… e iscriviti al gruppo

Open d’Italia di golf 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *