Open d’Italia, Molinari secondo dietro Tiger Woods e (per ora) Slattery

Sarà una domenica ad altissima tensione quella di chiusura dell’edizione 2018 dell’ Open d’Italia a Gardagolf. Due le parole vietate: back to back e triplete.

Open d’Italia: Francesco Molinari.

Open d’Italia: Francesco Molinari.

L’elenco delle news:

1. Molinari, 80 buche senza bogey
2. In gara solo tre italiani
3. I selfie dei lettori
4. Sam Torrance dice Francesco
5. Football legends, golf e solidarietà
6. Arriva il bogey di Molinari
7. Grande Gagli “Il pubblico mi ha dato morale
8. Le foto dei lettori
9. Leaderboard, Molinari e… Tiger

Molinari secondo dietro Slattery e… Tiger Woods

Dal 2000 ad oggi solo un giocatore di golf aveva fatto più buche consecutive senza bogey di Francesco Molinari. A voler essere precisi non si tratti di un giocatore bensì del giocatore. Esatto, lui: Tiger Woods. Secondo un tweet di European Tour (vedi sotto), prima delle 85 buche bogey free di Chicco la serie più lunga era quella di Woods che tra il 2000 e il 2001 non aveva sbagliato per 91 buche di fila.

Francesco Molinari: Sono felice di aver imbucato quello alla 18 davanti a questo meraviglioso pubblico Condividi il Tweet

Basterebbe questo dato statistico a rendere indimenticabile questo sabato con vista lago di Garda ma per Chicco il bello deve ancora venire. Molinari per il terzo giorno si è confermato a livelli altissimi all’Open d’Italia: ora è secondo a un colpo dall’inglese Lee Slattery (-16). Con l’italiano il danese Thorbjorn Olesen. Il piemontese ha chiuso per la terza volta a 66 colpi con un bogie e cinque birdie: da giovedì i leader e i compagni di leaderboard sono cambiati ma Francesco è rimasto stabilmente tra i primi.

“Un altro buon giro – dice Chicco a caldo – sono contento per il putt che oggi ha funzionato davvero bene. Sono felice di aver imbucato quello alla 18 davanti a questo meraviglioso pubblico. Siamo praticamente tutti vicini, impossibile stabilire un favorito”.

In quarta posizione l’ex leader due campioni come Danny Willett e Kaymer (-14). Matteo Manassero non si sgancia dai quartieri alti del leaderboard occupando la 14/a piazza (-11). In gran spolvero Lorenzo Gagli (17esimo a -10), autore di una prova show.

Gagli: morale dal mio pubblico

Gagli mette la sua firma sulla terza giornata dell’Open d’Italia: Lorenzo segna un -5 di giornata e chiude a -10. Stesso score di Matteo Manassero che si riprende dopo un avvio stentato. “Sono venuti in molti da Firenze – ha detto a caldo – per vedermi. Mi hanno dato morale. Non  sono partito bene poi ho eseguito un ottimo putt alla 8 per il birdie e si è riaccesa la luca. Ho infilato quattro birdie in cinque buche e poi un altro ancora.”

Le foto dei lettori

Open d'Italia: le foto dei lettori

Open d’Italia: le foto dei lettori

Direttamente da bordo campo lo scatto di Andrea Santopietro, da Milano (@andreasantopietro su Instagram) E il tuo? Clicca qua.

Primo bogey per Francesco dopo 85 buche

Dopo la bellezza di 85 buche senza errori (tra Wentworth e Soiano del Lago) è arrivato il primo bogey di Francesco Molinari nel terzo giro dell’Open d’Italia. Il bogey (quasi una liberazione?) è arrivato alla sesta buca.

Football legends, golf e solidarietà

Calcio, golf e solidarietà, ossia Football Legends, un’iniziativa che vedrà sfidarsi al Golf Club Udine Villaverde dal 4 al 6 giugno, un parterre d’eccezione di calciatori-golfisti. Tra loro Pavel Nedved, Andriy Shevchenko e Michel Platini, Laurent Blanc e Alain Boghossian, Paolo Maldini, Antonio Cabrini e Dwight Yorke.

Per l’occasione, il trofeo ufficiale della Ryder Cup, si sposterà da GardaGolf al Golf Club Udine. Al Golf Club Udine, da lunedì il pubblico (ingresso gratuito) potrà applaudire le leggende del calcio che si esibiranno sul green, dando prova della propria abilità con ferri e palline. Prevista anche un’esibizione di footgolf.

“Il tutto a fin di bene – come spiega il promotore dell’iniziativa, Beppe Dossena -Vogliamo aiutare tutti quei professionisti che sono caduti in disgrazia una volta dato l’addio al calcio”.

Sam Torrance: “Open d’Italia? Vince Francesco”

Sam Torrance al Media Center dell'Open d'Italia.

Sam Torrance al Media Center.

Fuori programma al Media Centre a poche ore dal via del giro di Manassero e Molinari: tra il pubblico è presente Sam Torrance, campione mai dimenticato del golf mondiale. Una battuta con Beppe Dossena e poi dentro l’attualità. “Chi vince l’Open d’Italia?” gli chiedono. Immediata la risposta: “Francesco, sempre. Sta giocando il miglior golf in questo periodo. Domenica ha tenuto testa a Rory, quindi può farcela anche qua“.

Molinari, 80 buche senza bogie

Con le 18 finite ieri pomeriggio, Francesco Molinari ha portato a ottanta le buche consecutive tra Wentworth e GardaGolf senza marcare un bogey. Un record che legittima qualsiasi rito scaramantico. “Inizia a essere lontano l’ultimo bogey – ha detto l’azzurro – ma preferisco non pensarci. Così continuo a giocare in maniera aggressiva come richiede questo tipo di percorso. Se poi dovesse arrivare un bogey, spero che rimanga solo un episodio isolato”.

Solo tre italiani hanno passato il taglio

Degli azzurri, oltre a Molinari e Manassero, era rimasto in gara solo Lorenzo Gagli, 41esimo con 137 (68 69, -5). Fuori gli altri undici, tra i quali Andrea Pavan, 103esimo con 141 (-1), Nino Bertasio, 115esimo con 142 (par), Edoardo Molinari, 129esimo con 144 (+2), e Renato Paratore, 153esimo con 151 (+9).

Ecco i selfie dei lettori dall’Open d’Italia

Walter e il selfie dalla buca 1 di GardaGolf all'Open d'Italia

Walter e il selfie dalla buca 1 di GardaGolf.

Visto il successo della passata edizione riproponiamo un’edizione speciale di una delle nostre rubriche: sei a GardaGolf con uno smartphone in mano? Manda una foto per “Imbucato, il selfie del golf“: uno scatto con un professionista, uno con i tuoi amici golfisti oppure immortala un angolo di questo magnifico campo.
Per farlo basta cliccare questo link.

Open d’Italia di golf 2018: Kaymer leader, Molinari a un colpo, Manassero c’è

Segui la pagina Facebook di Golfando… e iscriviti al gruppo

Open d’Italia di golf 2018: tre i leader, Molinari e Manassero in alto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *