Il golf davvero per tutti: è nato “Golf4Autism”

Lo sport in generale e il golf in particolare come mezzo di inclusione sociale dei disabili: lanciata a Roma l’esperienza pilota Golf4Autism, patrocinata da Federgolf e nata dalla collaborazione tra l’associazione Una breccia nel muro e il circolo Archi di Claudio. In sede di presentazione è stato ribadito un dato più che mai attuale: ad oggi in media si stima la presenza di un bambino con autismo ogni cento nati.

Come detto, l’iniziativa è rivolta ai bambini con spettro autistico fra i 6 e i 12 anni. La ripetitività dello swing e il fatto di giocare all’aria aperta fanno sì che il golf sia di facile approccio per questi bambini, risultando così utile anche alle loro famiglie. Le lezioni saranno gratuite e in mezzo ad altri giocatori, così da favorire socializzazione e integrazione del minore.

Nove mesi di rodaggio

Golfautism ha già superato una fase sperimentale nel 2017 con nove mesi di insegnamento presso il circolo romano Archi di Claudio. Quel periodo è la base di partenza di tutto, momento indispensabile per dare e avere indicazioni molto confortanti, sia per gli operatori che per giocatori e rispettive famiglie. Nel 2018 l’attività sportiva si svolgerà la domenica, principalmente presso il campo romano. Nei giorni di pioggia, ci si sposta negli spazi dell’associazione Una breccia nel muro.

L’iniziativa rientra nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022 ed è stata presentata nelle scorse ore a Roma. Sono intervenuti Andrea Ranza (“Golfprogram”), il professore Alberto Zuliani (“Una breccia nel muro”), Gianluca Cencia (vice presidente Archi di Claudio), il dottor Niccolò Collini (psicologo, Fondazione Opera Santa Rita di Prato e Direttore del servizio ambulatoriale per l’autismo e la logopedia) e Gian Paolo Montali per Federgolf.

Ecco, in sintesi, alcuni dei passaggi dei loro interventi.

Niccolò Collini: il golf promuove l’imitazione

 “Attualmente in media si stima la presenza di un bambino con autismo ogni cento nati. Nel corso degli ultimi anni gli approcci terapeutici e riabilitativi evidenziano l’importanza del lavoro in rete, attraverso trattamenti in contesti naturali ed ecologici. L’ambito dello sport è senza dubbio uno dei terreni più fertili in questa direzione. Il golf può essere un campo di azione adeguato. Il setting del golf, all’aria aperta e nel silenzio, ha infatti una doppia valenza positiva: da un lato favorisce la tranquillità e la disponibilità dei bambini, dall’altra permette loro di ottimizzare la concentrazione proprio grazie alla ridotta presenza di stimoli distraenti. In secondo luogo ci sono alcuni aspetti tipici del gioco del golf che ben si prestano a certe peculiarità dei bambini con autismo. Una di queste è la ripetitività del gesto tecnico, che ha una durata relativamente breve.

Per questo si adatta a coloro i quali hanno difficoltà nel mantenere attenzione per tempi prolungati. Giocare a golf, inoltre favorisce un miglioramento della coordinazione psicomotoria grazie all’allenamento di un gesto tecnico che comprende il controllo e il movimento dell’intero corpo. Altro aspetto rilevante del golf è che promuove e potenzia l’imitazione, capacità spesso limitata e compromessa nei bambini con autismo e offre come modello da imitare non solo l’adulto (maestro di golf) ma anche i coetanei con cui ci si trova a interagire”.

Gian Paolo Montali: il progetto è esportabile

“Desidero ringraziare tutte le persone che hanno contribuito allo sviluppo di Golf4autism. Con il patrocinio a questa iniziativa, la Federazione Italiana Golf vuole dimostrare che l’inclusione sociale delle persone con disabilità è uno dei valori più importanti del Progetto Ryder Cup 2022. Sulla scia di questo esempio, la nostra idea è quella di creare un programma esportabile in tutte le realtà golfistiche italiane, coinvolgendo non solo il Lazio e Roma ma anche le altre Regioni, portando in campo tanti altri giovani. Golf4autism rientra nel nostro piano strategico finalizzato all’inclusione sociale, insieme ad altre iniziative come il golf nelle scuole, il golf si veste di rosa, biogolf, in city golf e gli eventi della Road to Rome 2022. Con Golf4autism la FIG conferma il suo impegno per le persone con disabilità.

Poi si pensi al nostro Settore Paralimpico. Si pensi all’area GolfSuperAbili con lezioni gratuite al Golf Club Milano nell’ultimo Open. Si ricordino i raduni tecnici per la Nazionale Disabili. il Mondiale per non vedenti, a Roma presso il Parco De’ Medici. Ci tengo a ricordare che il viaggio verso la Ryder Cup 2022 continua…”.

Andrea Ranza: abbiamo visto famiglie felici

Golf4autism è un progetto che vuole dimostrare come il golf possa essere il luogo ideale dell’integrazione sociale. Nel 2017 abbiamo iniziato un percorso pilota con due ore di lezione ogni domenica da aprile a dicembre. Abbiamo riscontrato da subito grande interesse delle famiglie e dei ragazzi. Tutte le famiglie erano felici di vedere i propri figli divertirsi sul green insieme agli altri giovani. È importante sottolineare che per le lezioni abbiamo utilizzato un’attrezzatura specifica. Così abbiamo evitato incidenti e reso più facile e divertente l’apprendimento. I corsi ripartiranno a inizio febbraio e la nostra intenzione è di portare avanti questa iniziativa fino al 2022. E ci auguriamo che questo progetto possa coinvolgere tanti altri circoli”.

Alberto Zuliani: pensiamo a bambini e alle famiglie

“L’Associazione Una Breccia nel muro, nata nel 2011, si è presa cura di quasi quattrocento bambini fra i 18 mesi e i 12 anni con disturbo dello spettro autistico. Abbiamo due centri Facciamo breccia, a Roma e a Salerno. Il bambino è centrale nell’azione terapeutica, ma ci prendiamo cura anche della famiglia, sostenendole psicologicamente. Abbiamo un occhio di riguardo ai problemi dei siblings, fratelli e sorelle. Con Golf4autism offriamo un percorso di formazione strutturato – svolto da specialisti, maestri e supervisori – con una raccolta dati riferita sia all’acquisizione delle abilità sportive specifiche, sia alla funzionalità della pratica del golf rispetto al trattamento della sindrome. A partire da questi dati, porteremo avanti un’attività di ricerca, come facciamo per tutti i nostri progetti, perché per noi conta l’evidenza scientifica”.

Gianluca Cencia: l’Archi di Claudio c’è e ci sarà

“L’Archi di Claudio ha aderito al progetto consapevole dell’importanza di ampliare le potenzialità del golf anche con iniziative di inclusione sociale. L’entusiasmo dei partecipanti ci fa ribadire con convinzione la nostra disponibilità a collaborare, anche per i prossimi anni. Il programma Gof4Autism s’inserisce nel quadro più ampio dello sviluppo delle attività del circolo verso i ragazzi e verso il territorio”.


SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI GOLFANDO... E ISCRIVITI AL GRUPPO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *