Ryder Cup 2022, corsa contro il tempo per evitare il “Ciao Italia”

E’ a rischio la Ryder Cup in Italia: ormai è inutile nasconderlo. Se non verrà formalizzata la fidejussione da 97 mln di euro, la terza manifestazione al mondo per seguito televisivo saluterà l’Italia. Germania, Austria e Spagna le alternative. E’ una corsa contro il tempo.

ROMA Gian Paolo Montali e Franco Chimenti


L’ultimatum fissato dal board inglese che gestisce la Ryder Cup per presentare le garanzie era per il 13 febbraio o al massimo – chiedendo una proroga – per il 28 febbraio. Ma lo stop dell’emendamento al decreto ‘salva-banche’ rischia di far saltare il banco e con esso di far fare all’Italia una ennesima brutta figura a livello internazionale.

Franco Chimenti e Gian Paolo Montali, dg del progetto ‘Ryder Cup 2022’, non mollano: “La Ryder Cup è un evento irrinunciabile per il futuro non solo del golf ma di tutto lo sport italiano” è il pensiero di Chimenti. Si tratta di una manifestazione legata a un turismo ricco e “importantissimo per il nostro Paese. Per questo ritengo che non si possa rinunciare e personalmente non rinuncerò mai finché non mi diranno di no. Dopo la rinuncia dolorosa alla candidatura olimpica Roma 2024 non possiamo perdere di nuovo la credibilità”.



E snocciola cifre: “I 97 diverranno 57 perché abbiamo chiuso un accordo (con l’advisor Infront) e con altri lo faremo. Riguarda un tempo di 12 anni, che significa 8 milioni l’anno. Con questo accordo si scende a circa 4,5 milioni l’anno. A noi serve solo la garanzia, poi andiamo avanti per la nostra strada”. Chimenti rassicura: “Non ci saranno sperperi”.



Incalza anche il dg del progetto Gian Paolo Montali per il quale “dobbiamo dimostrare di poter completare questo percorso alla fine di questo mese altrimenti il rischio che ci tolgano la Ryder Cup è assolutamente reale. Per l’Italia ricavi stimati da KPMG in circa 487 mln di euro più altri circa 26 mln di trattenute fiscali su montepremi”.

“Ora le soluzioni non dipendono da noi ma sono di natura politica”, ha concluso Montali.

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM

NEWS DI GOLF IN BREVE: CLICCA, LEGGI E SEGNALA LA TUA

STORIE DI GOLFLE BELLE DEL GOLF – GUARDA LE FOTO

SCHEDA: DIECI ANNI DI GIOCATORI AZZURRI SULL’EUROPEAN TOUR

LE LEZIONI DEL MAESTRO FERRUCCIO CROTTI

IL GOLF NELLA TESTA: PARLA LA MENTAL COACH SONJA CARAMAGNO

“GIOCO A GOLF PERCHE’… ” CLICCA E FINISCI LA FRASE

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF – SPECIALE – IL SELFIE DEI VIP

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a “Ryder Cup 2022, corsa contro il tempo per evitare il “Ciao Italia”

  1. C’e’ gente che muore di fame, altri che hanno la casa terremotata e voi volete rubare i soldi per una cazzata del genere?, metteteli voi i soldi, e fatela finita, se non li avete rompete il salvadanaio della mamma, ma nn rompete… froci

  2. E nei confronti dei terremotati o di chi non a un lavoro non avete paura di perdere credibilità????
    97 ml di euro????
    Ma quanta gente dovete corrompere??
    Ma voi siete fuori come dei balconi
    Comunque se ci tenete tanto organizzatela con i vostri soldi dal momento che vedo attività alle quali dalle banche vengono negate dei 20 Mila euro di prestito per fatture insolute dallo stato!!!
    Comodo fare gli imprenditori con il culo dei contribuenti!!!
    Vergognatevi

  3. La figuraccia dei capponi che assaltano la diligenza pubblica! Gli inglesi mica vogliono garanzie pubbliche di uno stato fallito, marcio e corrotto! Mica chiedono di fare l’assalto con arroganza e presunzione di bassa lega. Mica è un obbligo divino da far rispettare per ingraziarsi i papponi amici degli amici . Chiedessero garanzie private invece, rischiassero i soliti soloni privati del rischi tu e guadagno io. È ridicolo che nessuno abbia chiesto al magnifico remuneratissimo presidente (dal 2002 ….!) come mai il numero di associati alla federazione off sia in constante calo … un baratro di cui lui è responsabile ..? Colpa della Ryder del futuro?? … Siamo seri

  4. Il problema non è la garanzia data, ma il modo … Inserire un “emendamento” in un decreto fatto per la tutela del risparmio e dei risparmiatori … E’ chiaro che si pensa male !!! Il fatto è che il precedente governo (vicino a Malagò) sapeva di avere i giorni contati e si è inventato questa gabola … adesso sono “volatili per diabetici”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *