Prima rivoluzione sul Tour: un torneo con gara a colpi e finale con match play su sei buche. E poi decide un nearest to the pin

Il golf europeo cambia e punta dritto alla rivoluzione per tenere testa a quello americano. Il ragionamento è sin troppo lineare: per attirare nuovi sponsor serve maggiore visibilità mediatica e per avere più spazio – soprattutto in tv – servono gare più corte. Le gare si accorciano combattendo il gioco lento dei professionisti oppure… cambiandole del tutto.GOLF_generica2

La seconda opzione è alla base di una formula di gara di golf, decisa e organizzata a quattro mani dal PGA Tour Australasia e European Tour del ceo Keith Pelley (non nuovo a idee simili). Il battesimo del fuoco sarà dal 16 al 19 febbraio a Perth, in Australia, dove si giocherà il World Super 6 Perth. Ad ospitare la sfida sarà il Lake Karrinyup Country Club. L’idea è di seguire il buon successo raccolto dal Rugby 7, disciplina ormai anche olimpica.

UNA RIVOLUZIONE – Se funzionasse, questa formula cambierebbe il modo di vedere e concepire il golf. In pratica l’unica cosa in comune con una gara di oggi è solo la collocazione lungo quattro giorni di gioco.  Cerchiamo di spiegare il tutto molto schematicamente.

A Perth si giocheranno i primi tre giorni regolarmente su 54 buche. I tagli però saranno due: il primo dopo 36 buche, un secondo dopo tutte e 54.

Resteranno in gara 24 giocatori. E qui comincia la rivoluzione: nel quarto e ultimo giorno di gara, i 24 finalisti si sfideranno in match play di sei buche. Chi vince passa, chi perde saluta.

KNOCKOUT HOLE – E se finisse pari un match play? Altra novità: a Perth verrà costruita una buca di spareggio lunga circa 90 metri (vicino al fairway della 18 e con il green della 18) che si chiamerà Knockout Hole. Chi chiude in meno colpi passa, gli altri salutano

E SE FINISSE ANCORA PARI? Altra – grossa – novità: i giocatori torneranno al tee della Knockout Hole e giocheranno per il nearest to the pin. Chi si avvicina di più passa il turno o, se lo spareggio dovesse avvenire in finale, vincerà il torneo.

Ovviamente il cambiamento è di quelli epocali. Che ne dite?

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK E SU TWITTER @GOLFTGCOM

TUTTO SULL’OPEN D’ITALIA

STORIE DI GOLF

LE BELLE DEL GOLF – GUARDA LE FOTO

LE LEZIONI DEL MAESTRO FERRUCCIO CROTTI

IL GOLF NELLA TESTA: PARLA LA MENTAL COACH SONJA CARAMAGNO

GIOCHI ANCHE TU? CLICCA E FINISCI LA FRASE: “GIOCO A GOLF PERCHE’…”

“GIOCO A GOLF PERCHE’…” – IL RACCONTO DEI LETTORI

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF

IMBUCATO SPECIALE – IL SELFIE DEI PRO

HAI INIZIATIVE DA SEGNALARE O VUOI COLLABORARE? CLICCA QUA

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Prima rivoluzione sul Tour: un torneo con gara a colpi e finale con match play su sei buche. E poi decide un nearest to the pin

  1. Come si fa a finire un match play che parte con 24 giocatori?
    Prime 6 buche , ne rimangono 12
    Secondo 6 buche , ne rimangono 6
    Terzo 6 buche , ne rimangono 3
    Come si fa a fare un match play in 3?
    Idea carina , ma partono nel giro finale a 16 o 32 giocatori per potere arrivare al giro finale in 2.

    • Se facessero un match play a tre giocatori? Non credo sia la prima volta. Certo, ci sarebbero molte chances di buche di spareggio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *