Abu Dhabi: vince Lee Westwood ma tanto di cappello a Laporta

(Domenica 19 gennaio 2020) – Lee Westwood vince l’Abu Dhabi HSBC Championship ma tanto di cappello a Francesco Laporta, protagonista assoluto per quasi tre giorni di gara.

Abu Dhabi HSBC Championship

ABU DHABI Lee Westwood (Getty Images).


Lapo nel quarto giro non ha trovato lo stato di grazia di venerdì e sabato. Lo score di -11 finale ha retrocesso l’azzurro dalla seconda alla 17esima posizione ma quanto visto ad Abu Dhabi lascia ben sperare per il futuro. Il 29enne di Castellana Grotte ha tutte le carte in regole per restare in pianta stabile sul Tour. La carta conquistata l’anno scorso è senz’altro più che meritata.

Onore al vincitore quindi. Lee Westwood ha incassato il 25esimo titolo in carriera, vincendo la sua prima Rolex Series con 269 colpi (69 68 65 67, -19). Ex numero uno del ranking, il 46enne di Worksop vanta anche due successi sul PGA Tour, quattro nel Japan Tour, sei nell’Asian Tour e uno nell’Australasia Tour. Nessun Major in carriera per Westwood.

L’inglese, in vetta dopo 54 buche, ha tenuto alto il ritmo con un 67 (-5) senza mai farsi raggiungere dagli avversari. Staccati di due colpi Matthew Fitzpatrick, Tommy Fleetwood e Victor Perez. Al quinto con 273 (-15) Louis Oosthuizen, al sesto Shaun Norris e Ross Fisher. All’ottavo (-13) Sergio Garcia, Martin Kaymer, Scott Jamieson e Bernd Wiesberger.

Gli italiani

Appena dietro a Laporta, ventunesimi con 278 (-10), Renato Paratore (64 72 76 66), che ha recuperato 29 posizioni con un 66 (-6), ed Edoardo Molinari (68 73 68 69), che ne ha guadagnate tre.

Renato Paratore ha realizzato un eagle, cinque birdie e un bogey per un ottimo 66 (-6), dopo due turni centrali difficoltosi, ed Edoardo Molinari ha terminato con un eagle, tre birdie e due bogey per il parziale di 69 (-3).

Il giro di Lapo

Francesco Laporta, secondo dopo tre giri, ha avuto problemi in partenza con due bogey in sei buche. Con orgoglio li ha annullati con due birdie, ma tre bogey consecutivi nel rientro, solo parzialmente compensati con un birdie per il 74 (+2), lo hanno fatto scendere in una posizione di classifica non confacente ai suoi meriti.


Abu Dhabi HSBC Championship, Laporta secondo dietro Westwood 

(Sabato 18 gennaio 2020) – Francesco Laporta resta attaccato al sogno. Il pugliese dopo il terzo giro all’Abu Dhabi HSBC Championship è in seconda posizione, a un solo colpo da Lee Westwood.

Abu Dhabi HSBC Championship,

Lee Westwood (Getty Images).

Il 29enne di Castellana Grotte ha girato in -13 come Bernd Wiesberger. Ad Abu Dhabi per Lapo parziale di 69 (-3) in virtù di una partenza frenata nelle prime nove buche (un bogey, un birdie) e di seconde nove da incorniciare. Crolla invece Renato Paratore, da quarto a 50esimo (212, -4), complice un parziale di 76 (+4). In risalita Edoardo Molinari, da 35esimo a 24esimo con 209 (-7).

Tra i big chance di vittoria anche per Matthew Fitzpatrick, 4/o con 204 (-12). In corsa pure Sergio Garcia e Kurt Kitayama, entrambi quinti con 205 (-11). Niente da fare per Brooks Koepka. Il leader mondiale è 48esimo.

Lee Westwood, per la 28esima volta in carriera in vetta dopo 54 buche, ha segnato un eagle, sei birdie e un bogey per il 65 (-7), miglior punteggio di giornata realizzato anche da Bernd Wiesberger con sette birdie senza sbavature.

Francesco Laporta, come detto, ha avuto qualche difficoltà in partenza, ma dopo un bogey ha infilato quattro birdie.

Edoardo Molinari ha girato in 68 (-4) con quattro birdie senza bogey. Renato Paratore ha condizionato il suo score perdendo quattro colpi sulle prime sei buche (due bogey, un doppio bogey) e poi ha terminato in 76 (+4) dopo i successivi due birdie e due bogey. 


Abu Dhabi HSBC Championship, Laporta leader

(Venerdì 17 gennaio 2020) – Un azzurro tira l’altro: dopo la leadership del primo giorno di Renato Paratore, ad Abu Dhabi vola in testa Francesco Laporta. Nell’Abu Dhabi HSBC Championship il pugliese, con una grande prestazione sottolineata da un 63 (-9) per uno score di 134 (71 63, -10) colpi, ha infatti preso il comando, risalendo dal 50esimo posto.

Abu Dhabi HSBC Championship

Francesco Laporta ad Abu Dhabi (Getty Images)

Paratore è rimasto in alta classifica, quarto con 136 (64 72, -8) alla pari con Sergio Garcia e Haotong Li. A metà graduatoria Edoardo Molinari, 35esimo con 141 (68 73, -3). Fuori Guido Migliozzi (71 73) e Lorenzo Gagli (73 71), 74esimi in par con 144, Nino Bertasio, 105esimo con 147 (74 73, +3) e Andrea Pavan, 111esimo con 148 (74 74, +4).

Nel primo degli otto eventi delle Rolex Series, negli Emirati Arabi Uniti, sono in seconda posizione con 135 (-9) Matthew Fitzpatrick e Rafa Cabrera Bello. Si è portato in settima posizione con 137 (risalendo anch’egli dalla 50esima) Patrick Cantlay affiancato da Louis Oosthuizen.

Ha ceduto nettamente Brooks Koepka, numero uno mondiale, da terzo a 35esimo, penalizzato da un 75 (+3). Fuori gioco al taglio, insieme ai quattro azzurri, anche l’irlandese Shane Lowry (74esimo), che difendeva il titolo, e lo statunitense Bryson DeChambeau, 114esimo con 149 (+5).

Nel secondo giro dell’Abu Dhabi HSBC Championship, Francesco Laporta ha realizzato nove birdie senza bogey. Dopo due in avvio e due a metà tracciato ha offerto un finale spettacolo mettendo a segno gli altri birdie sulle ultime cinque buche.

Renato Paratore si è espresso con un 72 (par) frutto di tre birdie e di altrettanti bogey. Edoardo Molinari ha segnato 73 (+1) colpi con due birdie e tre bogey.


Golfando sui social:
La pagina Facebook
– La community (iscriviti al gruppo)


Golf History – Storia e collezionismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *