E se Barack Obama aprisse a Cuba per giocare a golf?

Se Parigi val bene una messa, una partita a golf a Cuba potrebbe ben valere la fine dell’embargo. Nell’annunciare le prove tecniche di disgelo, Barack Obama potrebbe aver unito l’utile (riconquistare la popolarità perduta) al dilettevole, ossia giocare a golf a Varadero, l’unico 18 buche attivo oggi sull’isola castrista.

Obama sul campo da golf

Barack Obama sorridente al Mid-Pacific Country Club in Kailua (Hawaii)

Siamo in piena fantapolitica, certo, ma un pizzico di follia non guasta mai soprattutto dopo che la Casa Bianca ha ventilato una possibile e/o imminente incursione (pacifica) del presidente nell’isola.

Tra una stretta di mano, una foto ricordo e un tweet vuoi che non ci scappi qualche ora per un giro in campo? L’uomo più potente del mondo ha un debole per mazze e palline nonostante chi lo abbia visto sul tee di partenza giuri non si tratti proprio di un campione.
Ma questo sport è una droga, crea un’assuefazione che ti fa odiare il pitch ad ogni flappa e moltiplicare l’adrenalina ogni volta che quella maledetta pallina finisce in buca. Obama è arrivato a giocare 17 di handicap e pratica alla Casa Bianca, alle Hawaii e dovunque il protocollo consenta.

Nell’ormai ex isola nemica, Obama avrebbe oggi ben poca scelta: l’unico 18 buche è il Varadero Golf ClubVaradero Golf Club. Altrimenti non resta che fermarsi all’Avana ma accontentarsi di un nove buche, par 35. Il primo (par 72) è il campo storico dell’isola, bello e con vista sul mare: lungo circa 3,5 chilometri, questo percorso è aperto a tutti senza vincoli di handicap.

La proprietà è canadese, la Golf Design Services. Sia che giochi a Varadero che all’Avana Obama deve farsi omaggiare del green fee: con l’embargo ancora in vigore, i cittadini americani non possono spendere dollari sull’isola.

Che Guevara e Fidel Castro

Fidel Castro e Che Guevara nel 1961 al Colinas de Villareal Golf Club

Fidel e Che Guevara sul green – Prima della Rivoluzione Cubana datata 1959 il golf era piuttosto diffuso da quelle parti, come testimoniavano la dozzina di campi esistenti. Poi l’equazione golf-uguale-sport capitalista e tutto in soffitta fino a qualche anche anno fa quando si decise di investire per attirare un certo turismo.

Ma il golf a Cuba è anche storia come dimostrano alcuni scatti del fotografo Korda che immortalano addirittura il lider maximo e Che Guevara impegnati in una gara nella capitale allo scomparso Colinas de Villareal Golf Club. Era il 1961, vinse il generale e le cose in campo non andarono proprio come raccontò la propaganda cubana. Ma questa è un’altra storia.

di Sauro Legramandi (@Sauro71)

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *