Back-to-back di Justin Rose: vince anche il Turkish Airlines Open

Nel golf capita di non vincere per mesi o anni interi e poi trionfare due volte in sette giorni. E’ accaduto a Justin Rose, vincitore con 266 colpi nel Turkish Airlines Open, dopo aver vinto domenica il WGC HSBC Champions a Shangai. Il back-to-back piace agli inglesi: Tyrrell Hatton lo ha messo a segno con l’Alfred Dunhill e l’Open d’Italia un mese fa.

Justin Rose

Justin Rose e il suo secondo trofeo in sette giorni (foto Twitter)

Continua a leggere

Illusione Manassero al Turkish Airlines Open, vince il danese Thorbjorn Olesen

Sul più bello Matteo Manassero non ce l’ha fatta: dopo aver chiuso in seconda posizione la terza giornata, l’italiano ha finito in 17esima posizione (276; 66 68 68 74, -8) il Turkish Airlines Open, primo dei tre tornei delle Final Series disputato al Regnum Carya (par 71) di Belek in Turchia.

Thorbjorn Olesen

Thorbjorn Olesen

Continua a leggere

Final Series in Turchia senza azzurri

Iniziano le Final Series dell’European Tour, quattro ricche gare simili ai Playoffs del PGA Tour statunitense, che concludono la stagione continentale. Si comincia con il Turkish Airlines Open (29 ottobre-1 novembre), al Montgomerie Maxx Royal di Antalya in Turchia, poi si andrà in Cina per il WGC-HSBC Champions (5-8 novembre) e per il BMW Masters (12-15 novembre), quindi la Race To Dubai si concluderà nell’Emirato con il DP World Tour Championship (19-22 novembre) e la relativa assegnazione del primo posto nell’ordine di merito.

WILLETTT

Danny Willett all’Open d’Italia

Il Turkish Airlines Open ha un montepremi di sette milioni di dollari e, complessivamente, le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.

In Turchia non saranno in campo giocatori italiani in un field che promette spettacolo agonistico e tecnico. Fari puntati sul nordirlandese Rory McIlroy, a un nuovo test delle proprie condizioni fisiche, il quale dovrà difendere il primo posto nella money list (3.012.000 euro), dal possibile attacco dell’inglese Danny Willett (2.740.786). Continua a leggere

A Phoenix la prima volta di Brooks Koepka Molinari 22esimo. Woods mai così male

Francesco Molinari ha concluso al 22° posto con 277 colpi (-7) il Waste Management Phoenix Open, segnato per sempre dalla sua hole-in-one alla buca 16. A Scottsdale (Arizona) ha vinto con 269 (-15) Brooks Koepka che,  in un acceso finale, ha avuto la meglio di misura su Bubba Watson, Ryan Palmer e Hideki Matsuyama (270, -14). Al quinto posto  Martin Laird (-12) e il brillante amateur spagnolo Jon Rahm, al settimo.(-11). Koepka ha ricevuto un assegno di 1.134.000 dollari.

Koepka

Brooks Koepka a Phoenix

Il 24enne di West Palm Beach ha ottenuto il primo titolo nel circuito. Ha iniziato la carriera nel Challenge Tour dove è rimasto ben poco. Infatti ha vinto un torneo a settembre 2012 (Challenge de Catalunya), poi nel 2013 ne ha infilati altri tre nell’arco di un mese, tra maggio e giugno, (Montecchia Golf Open, Challenge de España, Scottish Challenge) ed dopo il terzo, secondo la relativa norma, è passato direttamente nell’European Tour. Continua a leggere

Turkish Open, vince Koepka in rimonta

Brooks Koepka

Brooks Koepka mostra il trofeo vinto col Turkish Airlines Open

Lo statunitense Brooks Koepka ha vinto con 271 colpi (69 67 70 65, -17) il Turkish Airlines Open. In frenata gli azzurri: Francesco Molinari, 25° con 281 (70 71 71 69, -7), Edoardo Molinari, 39° con 284 (67 72 71 74, -4), e Matteo Manassero, 55° con 288 (70 77 72 69, par).

Sul percorso del Montgomerie Maxx Royal (par 72), ad Antalya in Turchia, Koepka, quinto dopo tre turni a due colpi dal leader, l’australiano Wade Ormsby, ha rimontato con un 65 (-7) superando di un colpo l’inglese Ian Poulter (272 – 64 66 75 67, -16) con il quale ha sostenuto un acceso duello sino all’ultima buca quando l’inglese ha mancato il putt per il birdie e per lo spareggio. Al terzo posto con 274 (-14) lo svedese Henrik Stenson, che ha recuperato 14 posizioni grazie a un 64 (-8), miglior score di giornata.

Al Turkish Airlines Open Ormsby per il titolo I Molinari a caccia della top ten

Wade Ormsby

Wade Ormsby in azione ad Antalya (Foto Afp)

A caccia del primo titolo assoluto: l’australiano Wade Ormsby inizierà al comando con 204 colpi (65 71 68, -12) la volata verso il titolo del Turkish Airlines Open, terzo dei quattro eventi delle Final Series. Ad Antalya possono puntare a una posizione tra i top ten Edoardo Molinari, 17° con 210 (67 72 71, -6) e Francesco Molinari, 27° con 212 (70 71 71, -4), mentre è in bassa classifica Matteo Manassero, 63° con 219 (70 77 72, +3), che ha pagato pesantemente un 77 (+5) nel secondo turno.

Ormsby, 34enne di Adelaide senza titoli nel circuito, ha sorpassato l’inglese Ian Poulter (205, -11), leader dopo 36 buche e penalizzato da un 75 (+3), affiancato sulla seconda piazza dal connazionale Lee Westwood e del tedesco Marcel Siem.

Turkish Airlines Open, interrotto il secondo giorno

Ian Poulter

L’inglese in campo ad Antalya (Fonte Afp)

Il maltempo ferma il secondo giorno del Turkish Airlines Open: dopo l’interruzione nel secondo giro arretrano i tre giocatori azzurri in campo con Edoardo Molinari che scende dal sesto al 20° posto con un -4 dopo 11 buche, Francesco Molinari dal 34° al 45° con -1 dopo 10 e Matteo Manassero dal 34° al 49° con -2 dopo 11.

E’ passato a condurre con -13 l’inglese Ian Poulter fermato alla 14ª buca, che precede Brendon De Jonge dello Zimbabwe con -10 alla 13ª. Al terzo posto con “meno 9” l’australiano Wade Ormsby (16ª) e lo statunitense Brooks Koepka (15ª).

Poulter ha realizzato un -5 con sei birdie e un bogey nelle 14 buche.

Edoardo Molinari ha segnato due birdie e tre bogey per il parziale di +1, Francesco Molinari un birdie e due bogey per lo stesso score e Matteo Manassero due birdie, due bogey e un doppio bogey per il +2.

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK

GIOCO A GOLF PERCHE’ – SCRIVILO AL NOSTRO BLOG

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF

Turkish Airlines Open, Dodo parte bene

Edoardo Molinari ha iniziato al sesto posto con 67 (-5) colpi il Turkish Airlines Open. Ad Antalya hanno girato sotto par anche Francesco Molinari e Matteo Manassero, 34.i con 70 (-2).

Protagonisti della prima giornata lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, leader con un gran 63 (-9), e l’inglese Ian Poulter, che lo segue con 64 (-8). In terza posizione con 65 (-7) l’inglese Tyrrel Hatton, l’australiano Wade Ormsby e Brendon de Jonge dello Zimbabwe. Fanno compagnia a Edoardo Molinari altri otto concorrenti: il francese Romain Wattel, gli scozzesi Marc Warren e Stephen Gallacher, i sudafricani Branden Grace ed Hennie Otto e gli inglesi Danny Willett, Oliver Fisher e Andy Sullivan.

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK

GIOCO A GOLF PERCHE’ – SCRIVILO AL NOSTRO BLOG

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF

Turkish Airlines Open, i Molinari per risalire Manassero per “salvarsi”

L'italiano prova il percorso ad Antalya

Matteo Manassero prova il percorso ad Antalya

Francesco Molinari, Edoardo Molinari e Matteo Manassero sono tra i 78 partecipanti al Turkish Airlines Open (13-16 novembre), terzo dei quattro eventi delle Final Series, che concludono l’European Tour. In palio sette milioni di dollari.

Teatro di gara il Montgomerie Maxx Royal, ad Antalya. Scenderanno in campo  Sergio Garcia, Henrik Stenson, Jonas Blixt, Martin Kaymer, Marcel Siem, Mikko Ilonen, Luke Donald, Ian Poulter e Lee Westwood, Miguel Angel Jimenez, Jamie Donaldson, Nicolas Colsaerts, Victor Dubuisson (campione uscente) e Thongchai Jaidee.

In campo anche Colin Montgomerie, autore del percorso, che nell’occasione disputerà il 600° torneo in 28 anni di circuito.Darà forfait per la terza volta consecutiva il nordirlandese Rory McIlroy.

Mikko Ilonen

Mikko Illonen (Foto Afp)

Il destino degli italiani – L’obiettivo è salire nell’ordine di merito della Race to Dubai. Dodo (31°) e Chicco (32°) sono distanti di circa 650.000 punti dal 15° posto, che è sicuramente ancora abbordabile. Per centrare l’obiettivo sono necessari una vittoria o un paio di piazzamenti in altissima classifica.

Discorso diverso per Manassero il quale si trova al 57° posto della Race to Dubai, con appena 20.000 punti di margine su Chris Wood (61°), al momento primo degli esclusi dall’atto conclusivo. Dunque il veronese ha bisogno di una prestazione di buon livello per non correre rischi.

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK

GIOCO A GOLF PERCHE’ – SCRIVILO AL NOSTRO BLOG

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF