Lorenzo Gagli secondo in Francia: a Lumbres vince Guerrier

Acuto azzurro in Francia: Lorenzo Gagli ha chiusto al secondo posto con 278 colpi (70 69 69 70, -6) l’Hauts de France Golf Open, disputato sul percorso dell’Aa Saint-Omer GC (par 71), a Lumbres. La gara era valida per il Challenge Tour. L’italiano si è giocato la vittoria fino all’ultima buca: alla fine ha trionfato il francese Julien Guerrier (277 colpi, 70 70 67 70, -7).

Lorenzo Gagli i

Lorenzo Gagli in uno scatto d’archivio (Foto Bellicini)

Continua a leggere

SCHEDA – Dieci anni di italiani sullo European Tour

Dedicato a chi vuol far tesoro del passato recente del golf italiano: a fine anno solare e alle porte di un anno lunghissimo anno di golf abbiamo voluto fermare un attimo il tempo e guardarci alle spalle, a quell’European Tour che ha visto protagonisti i nostri italiani. La domanda è sorta spontanea dopo l’ultima qualifyng school in Spagna: quanti azzurri hanno giocato sul Tour con carta più o meno piena negli ultimi anni?

Continua a leggere

Dodo Molinari tiene la carta 2017: “Ricomincio a giocare un buon golf”

Missione compiuta: Edoardo Molinari giocherà il 2017 sull’Europen Tour. Lo ha sancito il suo secondo posto finale alla Qualifyng School di Girona al termine di una gara dove il piemontese non ha mai dato segni di cedimento. Purtroppo si tratta dell’unico azzurro che e l’ha fatta: niente carta per Di Nitto, Delpodio, Maestroni, Gagli e Crespi. La prossima stagione sul principale tour europeo l’Italia sarà rappresentata dai due Molinari, Paratore, Bertasio e Manassero.

molinari_edoardo_spagna

Edoardo Molinari al termine della Qualifyng School

Continua a leggere

Qualifyng School European Tour, Molinari primo – Ancora in gioco Di Nitto e Delpodio

Sempre meglio Edoardo Molinari a un giro dal termine della Qualifyng School al PGA Catalunya Resort di Girona. Il piemontese è primo con 342 colpi (66 68 72 69 67, -14). Molinari, secondo al via, ha sorpassato, con un gran giro in 67 (-5) colpi, l’inglese Nathan Kimsey (345, -11), leader con tre colpi di vantaggio e che ora ne ha altrettanti di ritardo.

Qualifyng School European Tour

Edoardo Molinar

Inglesi anche sei degli altri inseguitori: Matthew Nixon, Eddie Pepperell, Tom Lewis e Richard McEvoy, terzi con 347 (-9), Jamie Rutherford e Max Orrin, settimi con 348 (-8) insieme allo svedese Niclas Johansson.

Ha recuperato Enrico Di Nitto, da 52° a 43° con 354 (70 69 71 73 71, -2), che ora è a tre colpi dalla ‘carta’, e si trova a quattro Matteo Delpodio, da 62° a 53° con 355 (73 68 76 67 71, -1). Rimonta, invece, praticamente impossibile per Andrea Maestroni, 71° con 359 (68 74 73 69 75, +3).
Continua a leggere

Qualifyng School, Dodo Molinari ottavo – Bene Di Nitto, in gara Maestroni, Delpodio e Gagli

Buone notizie dalla  Qualifyng School dell’European Tour su due percorsi al PGA Catalunya Resort di Girona in Spagna: Edoardo Molinari, ottavo con – 6 colpi ( 66 Tour Course, 68 Stadium Course, 72 TC), ha perso tre posizioni, ma è rimasto in alta classifica. La graduatoria fa riferimento al par essendo differente quello dei due tracciati e il Tour Course concede sicuramente qualcosa in più, perché dei primi 58 solamente in cinque hanno disputato il terzo turno sullo Stadium Course.

molinari_edoardo_tolcinasco5

Edoardo Molinari a Tolcinasco

Continua a leggere

In Francia Tadini ottimo secondo, Pavan settimo

Con un’ottima rimonta propiziata da un 67 (-4) Alessandro Tadini ha ottenuto un ottimo secondo posto con 277 colpi (68 71 71 67, -7), alla pari con il belga Thomas Detry, nel Najeti Open (Challenge Tour) disputato sul percorso dell’Aa Saint-Omer (par 71), a Lumbres in Francia. Il titolo è stato appannaggio del portoghese José-Filipe Lima con 275 (66 70 71 68, -9), tornato al successo dopo sette anni.

Ale Tadini

Alessandro Tadini

Continua a leggere

Italian Pro Tour, Filippo Bergamaschi vince il Nazionale Open

Sigillo bergamasco sulla prima gara dell’Italian Pro Tour: Filippo Bergamaschi ha vinto il Campionato Nazionale Open al Golf Club Le Fonti,  a Castel San Pietro. Il successo del 25enne di Treviglio (con “carta” per il Challenge Tour) è arrivato al termine di un appassionante confronto con Francesco Laporta (-21) e Nino Bertasio, terzo (-20). In quarta posizione  (-17) il duo formato da Cristiano Terragni e Matteo Delpodio. Sesto posto per Lorenzo Gagli con (- 16), seguito da Enrico Di Nitto, (-13). In ottava posizione il quartetto Bolognesi- Rota-Migliozzi-Saracino. Gli ultimi due sono dilettanti: a Saracino il premio come miglior amateur in virtù dello score dell’ultimo round. Non è riuscito a trovare il ritmo giusto Matteo Manassero, 23° (-6). Ottima la cornice di pubblico con circa tremila persone.

Filippo Bergamaschi, vincitore Campionato Nazionale Open 2016 (foto Bellicini)

CASTEL SAN PIETRO – Filippo Bergamaschi (foto Bellicini)

Il sorpasso di Bergamaschi – Filippo Bergamaschi, al quale vanno 7,250 euro dal montepremi di 50.000, scrive il suo nome nell’albo d’oro della 77esima edizione del torneo più longevo della FIG, primo evento italiano nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022. Una bella iniezione di fiducia in vista della

Continua a leggere

European Tour: per il 2016 si qualificano Molinari, Laporta, Nino Bertasio e Ravano Dodo: “Ho girato come a Gleneagles”

Laporta, Bertasio, Ravano e, soprattutto Dodo Molinari. Sono i quattro moschettieri azzurri che a Girona hanno conquistato la carta per giocare sull’European Tour nel 2016. Lo hanno fatto all’ultima Qualifyng School, qualcuno in scioltezza, qualcuno (Molinari e Ravano) l’ha direttamente dalla club house. Ma conta poco: l’importante è esserci. Laporta ha chiuso 13esimo (-10), Bertasio 19esimo (-9), Molinari e Ravano 24esimi (-7).

Ravano

Nicola Ravano

Sette azzurri sul Tour – Nella prossima stagione l’Italia avrà quindi ancora sette giocatori sul massimo circuito continentale: ai “qualificati” si aggiungono Francesco Molinari (che si cimenta anche nel PGA Tour), Manassero e Paratore.Edoardo Molinari (British Open)

Chi non ce l’ha fatta – Non sono riusciti a entrare tra i 27 promossi Bergamaschi, 54° (-2), Delpodio, 60° (-1) e Gagli, 71°(+3): i tre rimarranno nel Challenge Tour. Usciti al taglio Tadini e Crespi: a loro una “carta categoria 15” per il Challenge, con poche opportunità di scendere in campo.

Le emozioni dalla clubhouse – Se Bertasio e Laporta non hanno avuto grossi problemi nell’ultimo giro, diversamente sono andate le cose a Ravano ed Edoardo Molinari che quando sono giunti in club house erano fuori per un posto (26.i).

Ma la giornata era svoltata in campo per Dodo che, partito 42esimo, ha sfoderato sua grande classe e ha messo il turbo.
Continua a leggere

Gagli e Delpodio senza carta 2016. Per ora

Brutte notizie per Gagli (+4) e Delpodio (+3) che in Oman hanno chiuso nelle retrovie, non riuscendo a mantenere la carta 2016 per il circuito maggiore: Lorenzo e Matteo giocheranno nel Challenge Tour a meno che non sbanchino la finale della Qualifyng School (PGA Catalunya Resort, Girona, 14-19 novembre). Matteo Delpodio
In Oman ha vinto il portoghese Ricardo Gouveia che ha chiuso a -13 il NBO Golf Classic Grand Final, ultima gara stagionale del Challenge Tour svoltasi a Muscat in Oman.

In tal modo il 24enne di Lisbona, al terzo titolo nel circuito, si è anche assicurato il successo nella money list insieme a una ‘carta’ per l’European Tour 2016, che peraltro era già da tempo nelle sue mani in una stagione in cui è stato nettamente il migliore del lotto, come testimoniano anche i 251.592 euro intascati, che sono veramente tanti rispetto ai montepremi disponibili. Continua a leggere

Open d’Italia di golf / Day Three – Una vetta per tre Kaymer ingrana, rallentano gli azzurri

Si chiude col marchio tedesco di Martin Kaymer la terza giornata dell’Open d’Italia presented by Damiani. L’ex numero uno al mondo ha messo a segno un -17 finale con un crescendo da vero campione e un sabato dove ha marcato -7 sullo score. Gli unici a reggere il suo passo sono stati il francese Wattel e lo svedese Fahrbring (già al vertice dopo il secondo giro), entrambi a -17.
Due colpo in più (-15) per Zanotti, Wiesberger e Bjerregaard. Il primo azzurro in classifica è Chicco Molinari, 16esimo a -11, quindi il sorprendente amateur Lorenzo Scalise (tesserato per il Milano) fermo a -10. A seguire Crespi (-9), Perrino (-8). In 60esima posizione Dodo Molinari, Gagli e Mazzoli (amateur) a -6

FOTO E CURIOSITA’ DA BORDO GREEN

Ore 16 – Chicco Molinari e Stewart Cink scherzano con gli appassionati. Molinari: “Sul tour mi piace Bubba Watson”. Cink: “Io vedo bene Dustin Johnson”. Sette Ryder Cup giocate in due, il piemontese e l’americano si prestano a foto e autografi con il pubblico.molicink

Ore 15.50 – Martyn Kaymer allunga: vola a -17

Ore 15 – Impressionante la mole di persone che affolla il villaggio ospitalità e il viale del golf. Mai vista in Italia così tanta gente a un Open.viale1viale2

Ore 14.35 – Chicco Molinari chiude a -11. L’amateur Lorenzo Scalise -10. Kaymer allunga in testa a -15.

Ore 14.30 – Kaymer e Lipsky, compagni di team, sono passati in vetta.
PS – La gente che segue Kaymer non ha nulla da invidiare alle decine al seguito di Molinari.KAYPEO

Ore 14 – Marco Crespi ha girato in -9. Dodo Molinari ha chiuso a -6, al pari con Lorenzo Gagli.

Ore 13 – Hole in one del coreano Y.E. Yang alla buca 12. (par 142 mt) con un ferro nove. La buca che assegna in premio per la hole in one la Mercedes GLC 220 D è la 10.

Ore 12.50 – SEI ALL’OPEN? CLICCA QUA E MANDA LA TUA FOTO

Ore 12.30 – Un flusso umano segue Chicco Molinari, Scalise e Broberg, che, alla 10, delizia tutti con un birdie.FOLLA1folla2

Ore 12 – Cosa fa chi non ha passato il taglio? Qualcuno torna in patria, qualcun altro resta e allena i ragazzini sul puttin greenManasseroallena

Continua a leggere