Il golf davvero per tutti: è nato “Golf4Autism”

Lo sport in generale e il golf in particolare come mezzo di inclusione sociale dei disabili: lanciata a Roma l’esperienza pilota Golf4Autism, patrocinata da Federgolf e nata dalla collaborazione tra l’associazione Una breccia nel muro e il circolo Archi di Claudio. In sede di presentazione è stato ribadito un dato più che mai attuale: ad oggi in media si stima la presenza di un bambino con autismo ogni cento nati. Continua a leggere

In Valtellina golf “all inclusive”: disabili e normodotati in campo insieme

Arriva dalla Valtellina la conferma che pochi sport come il golf siano inclusivi. Si contano sulle dita di una mano le discipline agonistiche dove portatori di handicap e normodotati possono giocare insieme. Nel golf accade e se n’è avuta prova qualche giorno fa al Valtellina Golf Club dove 59 giocatori handicappati hanno girato e giocato come golfisti qualsiasi.Valtellina golf

Continua a leggere

Andalucia Valderrama Masters, l’incasso in beneficenza grazie a Sergio Garcia

A Valderrama, considerato da molti il più bel campo da golf dell’Europa continentale, inizia oggi l’Andalucia Valderrama Masters. Il torneo potrà contare su un field ricco di big internazionali, quasi tutti reduci dall’Open d’Italia. Ma una volta tanto a far notizia non è chi c’è ma perché c’è.

Valderrama

Una vista dall’alto di Valderrama

Continua a leggere

A Jarrod Lyle diagnosticato un tumore: è la terza volta

Jarrod Lyle ha un tumore. Di nuovo. E’ la terza volta che al professionista australiano viene diagnosticata la leucemia. Per due volte l’ha sconfitta la leucemia e ora, a 35 anni, è lui a incoraggiare famiglia, amici e tutto il mondo del golf dal letto di ospedale. “Questa potrebbe essere la mia ultima foto con la testa piena di capelli ! #f**kcancer” ha scritto in un post su Facebook.

Jarrod Lyle

Jarrod Lyle poco prima della chemioterapia (Foto Facebook)

Continua a leggere

Stefano Palmieri: io cieco ho capito con il golf che nessun handicap può fermarti

Una Storia di golf con la esse maiuscola quella di Stefano Palmieri. Una Storia che se accadesse in sport come il calcio o il basket sarebbe finita dritta in prima pagina. Stefano Palmieri è un 45enne toscano cieco dopo un incidente e fresco vincitore del British Blind Golf Open e dell’Irish Blind Open. Federgolf ha diffuso il racconto della sua vita.

Stefano Palmieri

Stefano Palmieri (Foto Federgolf)

Continua a leggere

Stefano Palmieri vince il British Blind Golf Open

Stefano Palmieri, golfista non vedente, ha vinto il British Blind Golf Open disputato al Golf Club Greenore Village, a Carlingford in Irlanda. L’atleta di Follonica, guidato sul campo da Riccardo Cheli, si è imposto nella categoria B1 con 206 colpi. Dietro di lui lo statunitense Chad Nesmith (212).

Stefano Palmieri

Stefano Palmieri e Riccardo Cheli (foto dalla pagina Facebook di Palmieri)

Continua a leggere

Donne di golf PGAI in campo ad Alessandria per la ricerca contro il cancro

Donne di golf protagoniste per due giorni al Golf Club La Serra di Valenza (Alessandria). Sulle sue nove buche tra colline (si vedono gli Appennini liguri e il Monte Rosa) e boschi si giocherà martedì 13 giugno la Damiani Pro-Am.  Le ladies PGAI giocheranno per la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. Il giorno prima le proette proveranno il campo.

Donne di golf

La buca 2 del Golf Club La Serra

Continua a leggere

Golf e teatro, in “Camposcenico” i ragazzi di Tor Bella Monaca e le paure in campo e nella vita

Giovedì 15 giugno 2017 vanno in scena i ragazzi di Tor Bella Monaca con Camposcenico, una performance di golf e teatro danza itinerante. Lo spettacolo unisce la passione di piccoli campioni e il teatro inteso come strumento conoscitivo e di espressione. L’appuntamento è fissato per le ore 19 al Circolo di Fioranello, a Roma. Ma cosa lega il golf, Tor Bella Monaca e il teatro? Semplice: la Sport Senza Frontiere Onlus.

golf e teatro

La locandina di Camposcenico

Continua a leggere

Golf disabili, Joakim Bjorkman cala il tris all’Italian Open for Disabled

Golf e disabilità: un modo per coniugare passione e vita. A Roma in questi due giorni si gioca una delle più importanti gare di golf riservata ad ogni forma di disabilità. Ecco la presentazione e la cronaca della due giorni al Parco De’ Medici.

IL SECONDO GIORNO NEL SEGNO DELLA SVEZIA

(4 maggio 2017) Dalla Svezia con furore: Joakim Bjorkman vince per la terza volta di fila l’Italian Open for Disabled. Al Parco De’ Medici Bjorkman ha dominato facendo doppietta con il successo sia nella categoria scratch (155 colpi – 80  75) che in quella pareggiata (149 – 77 72) tra i giocatori di prima e seconda categoria.

Golf disabili

Joakim Bjorkman premiato al Parco De’ Medici (foto Bellicini)

Continua a leggere