Vincere a golf a 40 anni: da Tiger Woods a Ben Hogan, passando per Singh e Jimenez

Graeme McDowell è l’ultimo arrivato nel club del golf senza età. A 40 anni compiuti G-Mac ha vinto ieri il Saudi International, gara dell’European Tour disputatasi sul Mar Rosso. Per il 40enne di Portrush in bacheca uno US Open (2010) e dieci titoli sul circuito dove non trionfava dal 2014 (Open de France).

Golf senza età

Da sx in alto: Woods, Nicklaus, Snead, Mickelson, Hogan, Perry, Stricker, Floyd, Jimenez, Singh.

Prima di lui sono parecchi i professionisti riusciti a “svoltare” dopo aver raggiunto gli anta. Molti hanno giocato meglio o vinto di più superata quella soglia. Il sito Golfshake ne ha stilato un elenco. Eccolo in sintesi. Continua a leggere

Premier Golf League, rivoluzione in vista nel golf professionistico

di Sauro Legramandi@Sauro71
Si chiamerà Premier Golf League la terza via del golf professionistico. Tra European e PGA Tour nel 2022 potrebbe esserci un terzo incomodo. Il condizionale è d’obbligo ma se convincerà i giocatori avremo un Tour così ricco e potente da stravolgere gli equilibri nel mondo del golf che conosciamo. La notizia doveva rimanere sotto traccia ma il giornalista Geoff Shackelford ha messo tutto nero su bianco una settimana fa alla vigilia del Saudi International.

Premier Golf League: il simbolo (foto da geoffshackelford.com).

Premier Golf League: il simbolo (foto da geoffshackelford.com).

Continua a leggere

Nicolai e Rasmus Hojgaard, i gemelli del golf

di Sauro Legramandi@Sauro71
Francesco e Dodo Molinari sono avvisati: Nicolai e Rasmus Hojgaard vogliono giocare in coppia una Ryder Cup e migliorare così il loro primato. Nel golf moderno i Molinari bros sono stati i primi fratelli a disputare in coppia la Ryder. Accadde nel 2010 quando l’Europa vinse l’edizione giocata al Celtic Manor. Gli Hojgaard bros sognano di essere i primi fratelli gemelli della storia a giocare insieme la gara delle gare di golf.

Nicolai e Rasmus Hojgaard

Nicolai e Rasmus Hojgaard nella foto di Adidas.

Continua a leggere

Thorbjorn Olesen sospeso dal golf in attesa di giudizio: ossia fine pena quasi mai

di Sauro Legramandi @Sauro71
Sono cinque mesi che Thorbjorn Olesen non può fare il suo mestiere, ossia il giocatore professionista di golf. A impedirglielo è lo European Tour che lo ha sospeso ad inizio agosto. Una misura cautelativa dopo che il 29enne danese è stato indagato in Inghilterra per aver molestato una donna su un aereo. A settembre i vertici del circuito europeo hanno fatto sapere che l’esclusione durerà sino al processo. La prima udienza è fissata per l’11 maggio 2020. Quindi altri cinque mesi lontano dal green da presunto innocente. Francamente una follia.

LONDRA Thorbjorn Olesen lascia il tribunale di Isleworth il 18 settembre 2019 (Foto di Ben Stansall/Afp).

LONDRA Thorbjorn Olesen lascia il tribunale di Isleworth il 18 settembre 2019 (Foto di Ben Stansall/Afp).

Continua a leggere

Renato Paratore a Mauritius non si fa il regalo di compleanno più bello

Il primo playoff non lo si dimentica mai: Renato Paratore si è giocato al playoff la vittoria all’Afrasia Bank Mauritius Open. Nello spareggio a tre il romano è purtroppo uscito per primo: a vincere è stato Rasmus Hojgaard con un eagle alla terza buca supplementare. Secondo, come Paratore, il terzo protagonista della sfida, ossia Antoine Rozner.

Continua a leggere

Saudi International, perché Tiger Woods dice no a tre milioni di petrodollari?

A un comune mortale tre milioni di dollari stravolgono la vita. A Tiger Woods no. Anche per questo Big Cat ha detto “no grazie” all’ingaggio propostogli dal Saudi International che, come l’anno scorso, diventa la gara della discordia.

Una vista dall'alto del Royal Greens Golf & Country Club di King Abdullah Economic City (foto Internet).

Una vista dall’alto del Royal Greens Golf & Country Club di King Abdullah Economic City (foto Internet).

Continua a leggere

Golf in pantaloncini, adesso si può anche in gara sull’European Tour

I professionisti potranno giocare a golf in pantaloncini. Parte nel segno di una piccola ma grande novità la stagione 2020 dell’European Tour. All’Alfred Dunhill Championship, torneo in corso in Sudafrica, i partecipanti sono liberi di sfoggiare il look “estivo” non solo nel giro di prova ma anche durante i quattro giorni di gara.

Sergio Garcia e Tyrrell Hutton a Dubai: esempio di golf in pantaloncini (foto Ornella Parigi).

Sergio Garcia e Tyrrell Hutton a Dubai: esempio di golf in pantaloncini (foto Ornella Parigi).

Continua a leggere

Jon Rahm come Severiano Ballesteros: sua la Race to Dubai 2019

Da Severiano Ballesteros a Jon Rahm: lo spagnolo ha vinto la Race to Dubai 2019, subentrando al nostro Francesco Molinari. Per farlo ha “dovuto” vincere il DP World Tour Championship 2019. E per vincere a Dubai ha “dovuto” imbucare l’ultimo putt all’ultima buca dell’ultimo giorno. Quel colpo da due metri vale cinque milioni di dollari.

Jon Rahm

DUBAI Jon Rahm e i due trofei vinti in un giorno solo (Getty Images).

Continua a leggere