Caro-tessere Federgolf, le email (indignate) dei lettori

Sembra essere un ostacolo d’acqua insuperabile il caso dell’aumento della tessera di Federgolf da 75 a 100 per i prossimi dieci anni. Il nostro blog ha prima messo nero su bianco la voce. Quindi ne ha dato l’ufficialità e poi ha pubblicato la lettera del presidente Chimenti che motiva la decisione. Ad ogni articolo sono arrivate decine di commenti sui social network (almeno seicento per il primo) e parecchie email. Ne ho pubblicate alcune qua sotto.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Tessere, lettera di Chimenti: 25 euro sono un contributo per uno sforzo immane, la Ryder Cup

A un mese di distanza dalla comunicazione del presidente stesso dell’aumento delle tessere per il 2018 e gli anni a venire, Federgolf prende una posizione ufficiale. Lo fa attraverso una lettera diffusa dall’ufficio stampa e firmata da Franco Chimenti. Nella missiva si ripercorre la lunga corsa alla Ryder Cup, si sottolinea la sua importanza per il golf in Italia e si chiede un “contributo annuo che ci aiuterà in uno sforzo immane”, ossia proprio nella competizione del 2022. Per questo si richiede un intervento dei tesserati “che si tassano per 25 euro all’anno, precisamente il costo di 5 palline da golf”.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Giulia Sergas nuova stella nella Hall of Fame della PGA Italiana

C’è una nuova stella nella Hall of Fame della PGA Italiana: è quella di Giulia Sergas. La 37enne triestina è stata premiata per aver “contribuito allo sviluppo e alla promozione del golf nazionale – si legge nella motivazione – grazie ai risultati eccezionali conseguiti”. Si tratta della terza donna ad incassare questo riconoscimento, istituito nel 2013: prima di lei Federica Dassù e Diana Luna.

Giulia Sergas

Giulia Sergas nella Solheim Cup 2013 al Colorado Golf Club (Foto PGA Italiana)

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Tiger Woods: “Tante incognite ma ho giocato senza dolore. E ora…”

Bene, quasi benissimo il rientro in gara di Tiger Woods (69 68 75 68, -8) che ha chiuso in nona posizione il “suo” Hero World Challenge. Benissimo Rickie Fowler (270 – 67 70 72 61, -18) che l’Hero l’ha vinto in virtù di uno straordinario giro finale in 61 colpi, 11 sotto il par. Bene Francesco Molinari, ottavo con un -10 finale (69 68 71 70).

Tiger Woods Ricki Fowler

NASSAU Rickie Fowler e Tiger Woods contenti (per motivi diversi) al termine dell’ Hero World Challenge (foto Afp)

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Tiger Woods, buono il suo (ennesimo) rientro nel golf

Dopo 301 giorni di assenza giustificata Tiger Woods è tornato a giocare una gara di golf. L’ex numero uno al mondo (oggi oltre la posizione mille nel ranking) ha chiuso in 69 colpi il primo giro dell’Hero World Challenge. Un buon risultato, quasi ottimo soprattutto perché Tiger Woods non ha accusato dolore ne durante ne dopo la gara.

Tiger Woods

NASSAU – Addirittura un arcobaleno a fare da cornice al rientro di Tiger Woods (foto Afp)

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Le email dei lettori: “Puntare su giovani e neo-golfisti. E i circoli di golf siano aziende”

Il dibattito sui costi del golf e su futuro di questo sport in Italia è sempre più interessante. Ecco alcune commenti ed email particolarmente interessanti.

Claudio Miglio
“Buongiorno, da neo golfista che gira per i campi d’Italia iscritto ad un campo pratica ho potuto vedere in poco tempo dove sta il problema. Si vuole promuovere questo sport ma nessuno capisce, salvo pochi avveduti, che si deve necessariamente partire dai giovani ed investire sui giovani (io non sono giovane, preciso, ho 53 anni). Quindi la Federazione deve spingere i circoli ad investire sulle giovani leve.

Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page