Francesco Molinari a 18 buche dalla Race to Dubai

Tra Francesco Molinari e la Race to Dubai restano solo 18 buche. Il terzo giro  al Jumeirah Golf Estates non ha visto l’auspiscato cambio di marcia dell’azzurro bensì il rallentamento di Tommy Fleetwood, unico potenzialmente in grado di superarlo nella corsa al titolo di miglior giocatore europeo 2018.

Reed a Dubai (foto di Ornella Parigi). Race to Dubai

Patrick Reed in campo pratica a Dubai (foto di Ornella Parigi).

Francesco Molinari è 28esimo con 211 colpi (68 73 70, -5). Chicco è ancora a metà classifica nel DP World Tour Championship di Dubai. Tommy Fleetwood è invece sceso dal decimo al 24esimo posto con 210 colpi (-6), dopo un 74 (+2). L’inglese vede allontanarsi la possibilità di vincere il torneo e rivincere la Race to Dubai, trovandosi a otto colpi dai leader. 

Guidano la graduatoria con 202 colpi (-14) Patrick Reed (69 66 67) e il redivivo Danny Willett (67 67 68). Alle loro spalle il terzetto inglese composto da Jordan Smith – terzo con 203 (-13) – Lee Westwood e Matt Wallace, quarti con 204 (-12). Al quarto posto anche il sudafricano Dean Burmester. Al nono (-10) gli spagnoli Sergio Garcia e Jon Rahm, quindi Henrik Stenson e Shubhankar Sharma.

Tredicesimo con 207 (-9) Rory McIlroy e al 32esimo con 212 (-4) Xander Shauffele.

Danny Willett a Dubai (foto di Ornella Parigi). Race to Dubai

Danny Willett a Dubai (foto di Ornella Parigi).

Continua la buona prova di Andrea Pavan, 17esimo con 208 (69 69 70, -8).

Francesco Molinari ha iniziato con due birdie che sono stati subito vanificati da un doppio bogey. Al termine il conto è tornato in attivo di due colpi sotto par (70) con altri quattro birdie e due bogey.

Anche per Andrea Pavan un 70 con quattro birdie e due bogey. Il montepremi è di otto milioni di dollari.

E adesso non resta che attendere questa lunga notte che ci separa dal quarto e ultimo giorno di gara a Dubai. Inutile dire per chi facciamo il tifo.


Segui la pagina Facebook di Golfando e iscriviti al gruppo. Oppure seguici su Twitter: @golftgcom

Il Golf nella Testa: la mental coach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *