Falcon Cup, “il torneo di golf che non c’è, spariti i soldi delle quote”

Dalle pagine di sport a quelle di cronaca: è il destino della “Falcon Cup”, un pro am di golf in programma negli Emirati Arabi fino al 17 febbraio con montepremi di 42mila euro. Peccato che non si sia giocata nessuna gara, nessuno sia partito e nessuno abbia restituito la quota d’iscrizione a chi era pronto a imbarcarsi. La vicenda gira sui social da qualche giorno ma ora è stata messa nero su bianco da Andrea Cittadini, collega del quotidiano “Giornale di Brescia“.

Da quella provincia arrivano circa ottanta aspiranti giocatori. Di seguito l’articolo integrale apparso sul quotidiano martedì 13 febbraio 2018.

“ll torneo di golf che non c’è – Spariti i soldi delle quote”

“L’ iscrizione prevedeva il viaggio aereo fino a Dubai, il pernottamento in camera doppia all’hotel Al Zorah Golf club, la partecipazione al torneo sui green più belli del mondo e anche una tshirt ed una felpa. Pacchetto completo che variava dai 2.500 a 4mila euro.

Il caso. Un sogno per pochi, svanito per tutti. Coloro che avevano versato la quota e che hanno amaramente constatato che la trasferta è andata proprio (in) buca. Il torneo è stato annullato il 5 febbraio, sei giorni prima della partenza e gli organizzatori risultano ai più irreperibili. Ci abbiamo provato anche noi senza fortuna. Svaniti poi i soldi ricevuti da un’ ottantina di appassionati di golf della provincia che avevano accettato di partecipare alla Falcon cup.

Un appuntamento in agenda dall’ 11 al 17 febbraio a Ras Al Khaimah, negli Emirati Arabi con premio finale di 42mila dollari. «Ricordiamo che l’ iscrizione si potrà ritenere completata e regolarmente effettuata solo dopo il versamento totale della quota dell’ intero Team nelle tempistiche richieste» spiegava una nota al momento dell’ iscrizione.

«A novembre era tutto pagato» racconta Silvia Corà, bresciana che si era iscritta versando il denaro sul conto corrente della Falcon Events LLC, società il cui presidente risulta essere Paolo Simoni, il vice Abdul Rahaman Abdulla Ahmed Bin Jumah Al Teneiji e il general coordinator Vincenzo Massardi. «Chi ha chiesto di cambiare classe sul volo dell’ Emirates Airline si è sentito rispondere che non c’ era alcun volo prenotato. Chi ci ridà il denaro adesso?» si chiede la donna. «Nessuno mi risponde più al telefono».

Gli organizzatori

Qualcuno è riuscito però ad incontrare uno degli organizzatori. «Sono andato a casa di Vincenzo Massardi con altri quattro amici con i quali volevamo partecipare al torneo di golf» racconta Paolo Pernbrunner del Garda Golf. «L’ unica cosa che ha saputo dirci è che a sua volta è stato truffato da un emiro e che quindi i soldi non li aveva più» racconta il bresciano che si è affidato ad un legale per portare il caso all’ attenzione delle forze dell’ ordine e della Procura. «Pensare che ci era pure stato dato il numero di due presunte assistenti che il giorno prima della data di partenza al telefono mi assicuravano che ci saremmo visti in aeroporto e che ci avrebbero accompagnato fino a Dubai. Peccato che cinque giorni prima la Falcon Events ci aveva già comunicato l’ annullamento della manifestazione».

Pallina golf

Nella mail inviata agli iscritti la società con sede negli Emirati arabi scrive: ««Cari signori, con estremo rammarico dobbiamo informarvi che a seguito di ritardi nella raccolta fondi delle sponsorizzazioni abbiamo dovuto annullare momentaneamente l’ evento. È nostra intenzione restituire a tutti i partecipanti quanto è stato pagato il prima possibile». Della questione è stato investita anche la Pga (Professionale Golfers association of Italy) che si dice completamente estranea e che «sta attivando incontri con i legali di Falcon».

Prima le auto

Solo a novembre scorso nella sede di Regione Lombardia i rappresentanti di Falcon Events avevano presentato un progetto per portare negli Emirati Arabi una gara di tre giorni per auto storiche.
«Le iscrizioni sarebbero dovute partire a fine febbraio, ma credo che salterà tutto» svela Giampietro Belussi, presidente dell’associazione Lumeventi che avrebbe dovuto partecipare al progetto. Rimasto solo sulla carta. «Non abbiamo messo un euro. Per fortuna».”


SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI GOLFANDO... E ISCRIVITI AL GRUPPO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Falcon Cup, “il torneo di golf che non c’è, spariti i soldi delle quote”

  1. chissa’ perche’ non sono sorpresa, Al Zorah si trova nell’emirato di Ajman e l’hotel non esiste ma solamente il campo, RAK, Falcon Events LLC non so se esista ma sicuramente e’ una società’ aperta in una free zone, ma scusate nessuno di questi si e’ preso la briga di verificare con una telefonata nei campi?
    Fate attenzione perche’ ora ne stanno vendendo un altra in Abu Dhabi di pro am, non so s sono le stesse persone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *