Guido Migliozzi: “Voglio sfidare Paratore sul Tour e giocare sul PGA entro i 25 anni”

E’ l’ultimo in ordine di tempo ad essere arrivato sul gradino più alto in un torneo da professionista. Eppure Guido Migliozzi dà l’impressione di aver chiarissimi in testa i suoi obiettivi. “Voglio arrivare sull’European Tour. Voglio competere insieme a Renato Paratore, da due anni sul Tour. Tra gli obiettivi futuri, il top è quello accedere al PGA Tour entro i 25 anni”. Il ventenne vicentino, dopo aver vinto l’Abruzzo Open, racconta di aver vissuto i primi nove mesi da pro un po’ troppo seriamente. “Ora ho compreso il problema, mi alleno con intensità, ma cerco sempre e comunque di trovare divertimento. I miei modelli? Matteo Manassero, Dustin Johnson e Rickie Fowler“.

Guido Migliozzi

Guido Migliozzi (foto Twitter)

Federgolf ha realizzato una lunga intervista a Guido Migliozzi. Ecco alcuni dei passaggi più significativi.

La bella carriera da dilettante con numerose vittorie in Italia e all’estero è stato un buon viatico per affrontare il professionismo
“Lo spirito è quello di entrare in campo sempre con la voglia di vincere, o quanto meno di far bene. Poi nei momenti più duri occorre tirar fuori il coraggio e la determinazione, necessari per venirne a capo. Generalmente sono piuttosto sereno. Certo, qualche volta su un colpo sbagliato perdo un po’ la pazienza, ma dura poco. Mi lascio immediatamente alle spalle l’errore e riparto con calma. L’importante è saper dimenticare tutto rapidamente“.

Guido Migliozzi

Guido Migliozzi (foto Bellicini)

Qual è stato il cambiamento più significativo nell’affrontare il mondo pro?
“Da dilettante innanzi tutto mi divertivo e giocavo bene perché ero spensierato. Appena cambiata categoria forse l’ho presa un po’ troppo seriamente. Di conseguenza è mancata quella componente che mi permetteva di esprimermi al meglio. Ora ho compreso il problema, mi alleno con intensità. Ma cerco sempre e comunque di trovare divertimento perché, a mio avviso, è fondamentale. Ho avuto anche qualche problema tecnico che ora ho risolto. Il rendimento è mutato”.

Hai già fatto una breve esperienza sullo European Tour giocando il Rocco Forte Open. Che sensazioni hai avuto?
“Sicuramente positive. Ho sempre ambito a giocare ad alti livelli e mi sono trovato a mio agio. Ho cercato di apprendere il più possibile, ho seguito i giocatori più bravi mentre praticavano o quando erano in gara, cogliendo ogni sfumatura per poi metterla in pratica. Certo, quando avrò nuove occasioni un po’ di emozione la proverò ancora”.

Guido Migliozzi

Guido Migliozzi protagonista della tappa sul Monte Bianco della #roadtorome per la Ryder Cup

Com’è la vita da professionista di Guido Migliozzi?
“La differenza è notevole, perché da amateur si viaggia con la squadra nazionale, accompagnato dai maestri. Tutto è preordinato e non devi preoccuparti di nulla. Ora devi gestirti da solo. Devi prenotare alberghi, voli e quanto altro e non puoi dimenticare niente. Fortunatamente quest’anno ho avuto un buon aiuto dai compagni sul Challenge Tour, come Andrea Pavan, Nicolò Ravano, Lorenzo Gagli, Matteo Delpodio e Francesco Laporta”.

E in famiglia?
“Io e la mia sorella maggiore, che lavora all’estero, siamo poco in casa, dove restano altre due sorelle più piccole che ancora studiano. Le abitudini variano, ma è molto bello, però, quando ci ritroviamo tutti”

Stai perdendo i contatti con gli amici?
“No, riesco ancora a mantenerli con i più intimi e ci vediamo con una certa frequenza. E’ fisiologico che si vadano un po’ allentando i legami con i ragazzi che frequentavo nei tornei giovanili”.

La giornata standard di Guido Migliozzi fuori dai tornei?
“Mi alzo abbastanza presto. Faccio un’ora di palestra, poi vado sul percorso ad allenarmi fino attorno alle 19. Non manca qualche uscita serale con gli amici. Io però mi diverto soprattutto a giocare a golf”.

Guido Migliozzi

Federico Bisazza, Guido Migliozzi e Alberto Binaghi dopo la vittoria al Portuguese International Amateur Championship (2016)

Cinque anni per arrivare al tour americano, nel 2022, l’anno della Ryder Cup a Roma…
“Inutile dire che la Ryder Cup primeggia nella mia agenda, pur se mi rendo conto delle difficoltà per competervi. E’ una manifestazione che ha un alto significato per noi giocatori e per tutto il movimento golfistico. L’Italia riceverà un notevole impulso. Un evento di cui il nostro sport aveva sicuramente bisogno”.

I tuoi campioni chi sono?
“Matteo Manassero, Dustin Johnson e Rickie Fowler. Quest’ultimo mi piace molto per come gioca, per l’atteggiamento in campo e, in generale, per come si propone”

Guido Migliozzi tra inizi e consigli ai giovani golfisti

Il ventenne, seguito dal maestro Niccolò Bisazza, ha cominciato a giocare a otto anni. La passione gliela ha trasmessa il padre. “Quando ero piccolo mi portava con sé e lo vedevo giocare seduto sulla sacca. Crescendo sono rimasto affascinato da quel competere contro il campo, come sottolineava anche lui. A dieci ho preso l’handicap. A 14 anni ho vinto il campionato pulcini, sono entrato in nazionale e ha avuto inizio la carriera”.

Che cosa ti intriga più del golf?
“L’essere continuamente in tensione e in competizione. A partire dalla prova campo fino alle gare. Una continua sfida per arrivare al top”.

Hai praticato altri sport?
“Per la verità sono un tipo un po’ spericolato. Ho fatto sci, calcio, nuoto, tennis e ping pong. Avevo anche una mini-moto da cross, ma al momento delle scelte è stato solo golf”.

Che cosa diresti a un ragazzo per invogliarlo a giocare?
“Fidati, che il golf è veramente uno sport bellissimo, divertente e ricco di regole di vita. Regala tante emozioni, sei continuamente con gli amici e sempre all’aria aperta. E se poi lo abbracci come carriera, oltre alle prospettive economiche, ti permette di viaggiare, di imparare lingue diverse e persone diverse. In sostanza di conoscere il mondo”.


A MILANO TORNA L’ “APERIGOLF” CON COSTANTINO ROCCA


SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI GOLFANDO... E ISCRIVITI AL GRUPPO

GIOCO A GOLF PERCHE’… – CLICCA E FINISCI LA FRASE

IMBUCATO, IL SELFIE DEL GOLF – CLICCA E INVIA IL TUO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *