Golf Miglianico, ai Nazionali Under 14 vince il Parco di Roma

II circolo di Miglianico (Chieti) ancora alla ribalta della cronaca del golf italiano. Dopo aver ospitato pochi giorni fa il Campionato Nazionale Pulcini individuale, nei giorni scorsi è stato teatro del Nazionale Under 14 a squadre. Un’intera settimana di golf di altissimo livello nel percorso abruzzese. Golf Miglianico

Una struttura che cresce in modo esponenziale quella di Contrada Cerreto. E Miglianico ottiene anche risultati sul campo. Ultimo in ordine di tempo quello conquistato dal suo tesserato Enrico Marchesini, laureatosi campione regionale nella gara al circolo di L’Aquila.

Il titolo tricolore a squadre Under 14 lo ha vinto il team del Parco di Roma. I laziali sono stati autori di uno straordinario secondo giro. I capitolini hanno concluso con un totale di 296 colpi, appena uno in meno del circolo Pinetina. I lombardi avevano chiuso al comando il primo giro. Al terzo posto si è piazzato il club dell’Olgiata, sempre della Capitale. Logico ricordare che risultati e classifiche a questi livelli vanno prese con le pinze. L’importante è fare sport in primis e quindi giocare a golf.

Il team del Parco di Roma era composto da Filippo Reale e Edoardo Caradonio e dalla femminuccia Flavia Crastolla.

Miglianico non si ferma

La stagione del golf da queste parti prosegue a ritmi incessanti. Ad esempio conto alla rovescia per il trofeo Città di Miglianico il 4 e 5 agosto.

Il presidente del circolo, Mario Dragonetti, elogia il suo staff. “Bisogna sempre mettere in primo piano – dice – lo staff al completo. I miei collaboratori stanno tenendo un ritmo di lavoro eccezionale. Sono sempre disponibili. Sono consapevoli che stiamo costruendo qualcosa di davvero importante”.

Sempre a Miglianico capita di imbattersi anche in ex calciatori pronti a iniziare una nuova vita nel golf. E’ il caso di Simone Pepe che, diventato team manager del Pescara, ha tempo e voglia di migliorare il proprio handicap di gioco. Lo fa e lo racconta in questa intervista.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *