The Masters: Rory, Bubba e Tiger al varco Dopo 5 anni nessun italiano al #Masters

Domani va in scena un pezzo di storia del golf: il percorso dell’Augusta National, ad Augusta in Georgia, ospita la 79ª edizione del Masters Tournament (9-12 aprile), uno dei quattro major dell’anno e secondo molti la Gara dell’Anno. Il montepremi è di nove milioni di dollari.

Bubba Watson alla ricerca del bis


Senza italiani dopo cinque anni – Sarà il primo Masters senza italiani dopo cinque anni: c’erano state tre presenze nel 2010 (i due Molinari e Manassero), e due nelle stagioni successive (i due Molinari 2011-2012 e Manassero e F. Molinari 2013-2014), mentre questa volta nessuno è riuscito a qualificarsi essendo i nostri migliori giocatori tutti oltre il 50° posto nel ranking e non rientrando in nessuna delle 19 categorie di ammissione.

Occhi puntati su…Rory McIlroy, numero uno mondiale, smanioso di chiudere il grande slam, dopo aver già vinto gli altri tre major (US Open, 2011; Open Championship 2014; due US PGA Championship, 2012, 2014). Ora è nelle condizioni migliori per arrivare al titolo: ottima forma, leadership nel ranking, grande convinzione e anche il timore reverenziale che nutrono per lui i suoi avversari.

Bubba Watson, campione uscente e andato a segno ad Augusta anche nel 2012, è l’altro favorito: Bubba è genio e sregolatezza, ha tutto per puntare al tris, ma con lui mai dire mai. Può essere grande protagonista o finire nell’anonimato.

Tiger Woods (vincitore nel 1997, 2001, 2002 e 2005 ma ora fuori dai primi cento del ranking), non gode dei favori del pronostico, ma con la sua presenza dopo i continui infortuni, darà sicuramente un altro sapore al torneo. Le sue condizioni attuali di forma sono avvolte nel mistero.

Outsider – Molti, a partire da Spieth , ventidue anni da compiere, secondo lo scorso anno e battuto domenica scorsa dopo playoff nello Houston Open. E’ praticamente un cliente fisso dell’alta classifica con tre vittorie nel PGA Tour. Stesso credito, o quasi, per Keegan Bradley, Patrick Reed, Dustin Johnson e l’australiano Adam Scott. Hanno belle carte da giocare Kuchar, Walker, Simpson, Furyk, Donald, Rose, Poulter, Kaymer.

SEGUI “GOLFANDO” SU FACEBOOK

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *