A Phoenix la prima volta di Brooks Koepka Molinari 22esimo. Woods mai così male

Francesco Molinari ha concluso al 22° posto con 277 colpi (-7) il Waste Management Phoenix Open, segnato per sempre dalla sua hole-in-one alla buca 16. A Scottsdale (Arizona) ha vinto con 269 (-15) Brooks Koepka che,  in un acceso finale, ha avuto la meglio di misura su Bubba Watson, Ryan Palmer e Hideki Matsuyama (270, -14). Al quinto posto  Martin Laird (-12) e il brillante amateur spagnolo Jon Rahm, al settimo.(-11). Koepka ha ricevuto un assegno di 1.134.000 dollari.

Koepka

Brooks Koepka a Phoenix

Il 24enne di West Palm Beach ha ottenuto il primo titolo nel circuito. Ha iniziato la carriera nel Challenge Tour dove è rimasto ben poco. Infatti ha vinto un torneo a settembre 2012 (Challenge de Catalunya), poi nel 2013 ne ha infilati altri tre nell’arco di un mese, tra maggio e giugno, (Montecchia Golf Open, Challenge de España, Scottish Challenge) ed dopo il terzo, secondo la relativa norma, è passato direttamente nell’European Tour. Alla fine dello scorso anno si è imposto nel Turkish Airlines per poi dedicarsi completamente al PGA Tour.

Il giro di Molinari – Francesco, ottavo dopo tre turni, non ha trovato il passo giusto. Ha iniziato per la verità con un birdie, ma successivamente è andato sopra par con due bogey e ha siglato un 72 con la sequenza birdie-bogey in chiusura. E’ stato meno preciso dal tee (71,43% nel driving accuracy) rispetto ai turni precedenti, ma in questa statistica è stato il migliore del lotto (media 85,71%), ha colto solo il 50% dei green (media peraltro alta di 73,61%) con 1,77 putt sul giro.

Il flop di Tiger Woods – Nell’occasione c’è stato il debutto stagionale di Tiger Woods che si è risolto con un ultimo posto (130°,  +11) dopo un 82 nel secondo turno, punteggio più alto sul giro realizzato dall’ex numero uno mondiale nei 317 tornei giocati sul circuito da professionista. (fonte Federgolf)

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK

“GIOCO A GOLF PERCHE'”- SCRIVILO AL NOSTRO BLOG

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *