La foto: a Melilla tra golf e immigrati

Melilla

Melilla, enclave spagnola in Marocco e primo “baluardo” dell’Unione Europea. Una sorta di terra promessa come la nostra Lampedusa. Un eldorado che può cambiare la vita per sempre, nel bene e nel male. Da questa porzione di Marocco arriva uno scatto che vale più di mille parole. Dodici clandestini in fuga dai militari che ne impediscono l’ingresso in Europa si arrampicano sulla rete di protezione del campo da golf “Ciudad de Melilla”. Sono in bilico a parecchi metri d’altezza: se mettono piede di là verranno portati in un centro di accoglienza, se restano in Marocco saranno… tempi duri.  Si tratta di uno dei sei assalti simultanei  alle reti di frontiera scattati mercoledì mattina.

A una manciata di metri da quei dodici appollaiati quasi nel vuoto, un uomo e una donna sono sul tee di partenza. Lui probabilmente ha già tirato, lei si appresta a farlo.

L’istantanea arriva dal fotografo spagnolo Josè Palazon, responsabile dell’ong iberica Prodein (@prodeinorg). “Non è un fotomontaggio – ha spiegato online – e non ce l’ho con chi gioca a golf“. Infatti quella rete avrebbe potuto delimitare un campo da tennis piuttosto che un campo da calcio.

SEGUI GOLFANDO SU FACEBOOK

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “La foto: a Melilla tra golf e immigrati

  1. Io conosco i veri Marocchini loro non fuggono dalla loro terra ma ci lavorano e producono vanno all’estero in ferie e tornano nella loro patria e anche se sembra difficile da credere sono la maggioranza.
    Quelli che fuggono sappiamo anche noi cosa sono

  2. Io non ne capisco molto di fotografia ma secondo me è un fotomontaggio… I marocchini che fuggono scavalcando la rete sono parecchi metri dietro ai giocatori di golf eppure sono grandi uguali… le regole della simmetria a Melilla non esistono??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *