Washington, quando l’eagle non è il benvenuto


Un eagle assolutamente non desiderato a Washington, lungo il percorso di North Bellingham. Nel gergo golfistico, eagle è sinonimo di gran colpo: significa imbucare la pallina con due colpi sotto il par. Stavolta però l’eagle aveva becco ed ali e le ha usate per arpionare una pallina in green e portarsela nel suo nido, scambiandola probabilmente per cibo.

Cosa succede in questi casi? Come dice la regola 18 la pallina mossa da un agente estraneo (“Qualsiasi persona, cosa o animale che non faccia parte della partita, come uno spettatore, un osservatore, o un animale che si avventa sulla pallina”) deve essere ripiazzata senza penalità.

IL PRECEDENTE: LE OCHE NON GRADISCONO IL DRONE IN CAMPO

GOLFANDO SU FACEBOOK

GIOCO A GOLF PERCHE’ – CLICCA E SCRIVILO A GOLFANDO

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *