Ryder Cup -3 Il mondo può attendere: dodici yankees sfidano dodici europei

 

 

Il mondo del golf si ferma. Venerdì sul percorso di Gleneagles in Scozia prende vita la Ryder Cup, la più importante competizione che questo sport conosca. Alle 7.35 il primo tee shot del fourball rinnoverà la sfida tra Stati Uniti e Resto del Mondo. Da una parte – da sempre – dodici yankees. Dall’altra – dal 1979 – non più solo dodici inglesi bensì dodici europei (stavolta tre inglesi, due nordirlandesi e uno a testa per Danimarca, Germania, Spagna, Scozia, Francia, Galles e Svezia). Dopo due edizioni di fila nessun italiano in campo.

Si gioca per la gloria – Team Usa contro Team Europe. 28 partite tra match play (un giocatore contro l’altro), foursome (due contro due, si gioca una sola pallina a coppia) e fourball (due contro due, ognuno gioca la sua pallina) e 28 punti in palio. Vince chi ne fa almeno 14 e mezzo, in caso di parità a 14 il trofeo resta al campione uscente (stavolta l’Europa).

Si gioca per far sventolare più in alto domenica sera la bandiera degli Stati Uniti d’America o quella dell’Europa disunita politicamente ma unita per una volta dallo sport. Nessun giocatore europeo intascherà un euro. Nessun giocatore Usa intasca un dollaro: il cachet incassato dalla PGA (200mila dollari) viene dato sempre in beneficenza e all’università di provenienza.

USA O EUROPA: CHI VINCE? CLICCA E SCRIVILO

RYDERCUP – PER IL 2022 C’E ANCHE L’ITALIA

IMBUCATO – IL SELFIE DEL GOLF

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Ryder Cup -3 Il mondo può attendere: dodici yankees sfidano dodici europei

  1. sono molto perplesso sulla scelta di westwood, spero fortemente di sbagliare, ma sarà l’anello debole (anzi debolissimo) della catena. Campanilismo a parte francesco molinari avrebbe dato molte più garanzie.

  2. sicuramente essendo inglese e giocando in scozia….è stato privilegiato, ma il capitano della ryder cup speravo fosse meno debole sotto questo punto di vista, l’anno golfistico di westwood è stato pessimo soprattutto per la tenuta mentale…..e in ryder, con quel parterre di giocatori, la testa conta più delle mani, vedremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *